Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Malattia Infiammatoria Pelvica

Malattia infiammatoria pelvica

Malattia infiammatoria pelvica
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Che cosa è la malattia infiammatoria pelvica?

La malattia infiammatoria pelvica (PID) e un’infezione del tratto superiore dell'apparato genitale femminile, ossia delle strutture femminili al di sopra del collo dell'utero, e si presenta tra le donne come la complicanza più frequente e grave di malattie sessualmente trasmissibili.

Quali sono i sintomi della malattia infiammatoria pelvica?

I sintomi della malattia infiammatoria pelvica includono:

  • febbre
  • perdite vaginali maleodoranti
  • dolore estremo, anche durante il rapporto
  • sanguinamento vaginale

Quali sono le cause della malattia infiammatoria pelvica?

La malattia infiammatoria pelvica è causata da microrganismi infettivi che migrano dalla cervice e dall'uretra nel tratto superiore dell'apparato genitale. Esistono molti organismi diversi che possono causare la malattia infiammatoria pelvica, ma la maggior parte dei casi sono associati a due malattie sessualmente trasmissibili molto comuni, come:

Il gonococco, che provoca la gonorrea, viaggia probabilmente fino alle tube di Falloppio, dove provoca la desquamazione di alcune cellule, invade le altre, moltiplicandosi dentro e sotto queste cellule. L'infezione si diffonde poi ad altri organi, provocando maggiore infiammazione e cicatrici. La presenza di un tappo di muco cervicale aiuta normalmente a evitare la diffusione di microrganismi nel tratto superiore dell'apparato genitale, ma è meno efficace durante l’ovulazione e le mestruazioni. Il gonococco può accedere più facilmente durante le mestruazioni, se il sangue mestruale scorre all'indietro dall'utero nelle tube di Falloppio, portando gli organismi con esso. Questo potrebbe spiegare perché i sintomi di malattia infiammatoria pelvica causati da gonorrea iniziano spesso subito dopo le mestruazioni piuttosto che in qualsiasi altro momento del ciclo mestruale.

Quali sono le conseguenze della malattia infiammatoria pelvica?

La malattia infiammatoria pelvica può causare danneggiamenti alle seguenti parti del corpo femminile:

Le conseguenze portate dalla malattia infiammatoria pelvica sono:

Come si diagnostica la malattia infiammatoria pelvica?

La diagnosi di malattia infiammatoria pelvica può essere difficile. Se sono presenti sintomi come un basso dolore addominale, è possibile fare un esame fisico per determinarne la posizione e verificare la presenza di perdite anomale vaginali o della cervice o evidenze di infezioni della cervice da Chlamydia o gonorrea. Per distinguere tra la malattia infiammatoria pelvica e altri problemi seri che possono mimare i sintomi della stessa si possono effettuare altri test, come:

  • sonogramma
  • biopsia endometriale
  • laparoscopia

Come si cura la malattia infiammatoria pelvica?

Poiché gli organismi responsabili di un episodio di malattia infiammatoria pelvica possono essere molteplici ed essendo le colture di campioni dal tratto superiore dell'apparato genitale difficili da eseguire, il trattamento di solito consiste nel prescrivere due antibiotici efficaci contro una vasta gamma di agenti infettivi. I sintomi possono andare via prima che l'infezione sia guarita. Anche se questo succede, le pazienti devono finire tutto il ciclo di terapia ed essere visitate dai medici due o tre giorni dopo l’inizio del trattamento per valutare che gli antibiotici stiano facendo effetto. Circa un quarto delle donne con un sospetto di malattia infiammatoria pelvica deve essere ricoverato in ospedale. In particolare, il ricovero diventa necessario nelle seguenti condizioni:

  • paziente gravemente malata
  • impossibilità di assumere farmaci per via orale e necessità di assunzione per via endovenosa
  • paziente incinta
  • paziente adolescente
  • diagnosi incerta
  • presenza di un’emergenza addominale come appendicite
  • paziente affetta da HIV

I partner sessuali di donne con malattia infiammatoria pelvica spesso non hanno sintomi, anche se possono essere infettati. Dovrebbero quindi essere trattati per prevenire la reinfezione e un altro attacco. Se usato correttamente, il preservativo in lattice previene la trasmissione della gonorrea e protegge parzialmente contro l'infezione da Chlamydia.

Chi è a rischio di malattia infiammatoria pelvica?

Le persone che presentano un maggior rischio di contrarre la malattia infiammatoria pelvica sono:

  • donne con malattie sessualmente trasmissibili
  • donne che hanno avuto un precedente episodio della malattia e hanno le difese del corpo danneggiate
  • adolescenti sessualmente attive
  • donne che si lavano solo una o due volte al mese

Più partner sessuali una donna ha, maggiore è il rischio di sviluppare la malattia infiammatoria pelvica. Il lavaggio della vagina può spingere i microrganismi fino al tratto superiore dell'apparato genitale e può anche favorirne l'uscita, mascherando l'infezione e portando la donna a ritardare la ricerca di assistenza sanitaria.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Polipo endometriale
Il polipo endometriale è una malattia che colpisce l'utero; un polipo può essere benigno o maligno.
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Polipo Cervicale
I Polipi Cervicali (o Polipi della Cervice) sono neoformazioni tumorali benigne, che si originano dall'epitelio della cervice uterina. Si...