Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Tigna

Tigna

Primo piano della Tigna sulla Pelle
Curatore scientifico
Prof. Marcello Monti
Specialità del contenuto
Dermatologia

Che cos'è la tigna

La tigna è un'eruzione cutanea causata da un'infezione fungina; quando colpisce la pelle si presenta come una macchia arrossata e pruriginosa a forma di anello con bordi netti, che si allargano più o meno rapidamente, lasciando intatta la cute al centro, che risulta quindi di un colore più chiaro.

Il contagio della tigna avviene di frequente e per contatto diretto con una persona o un animale infetto. La tigna in forma lieve risponde in poco tempo ai farmaci antifungini; le infezioni più gravi, invece, richiedono una cura più duratura.

Sintomi di tigna

Segni e sintomi della tigna possono includere:

  • Un'area squamosa a forma di anello e spesso rialzata, che si presenta solitamente su glutei, tronco, braccia e gambe
  • Prurito nella zona interessata
  • Una zona chiara o squamosa all'interno dell'anello, con una serie di bozzi ed escrescenze rosse.

Cause della tigna

La tigna è una infezione piuttosto comune, che colpisce soprattutto i bambini, ma si può manifestare anche in anziani e adulti. La prevalente causa di tigna sono alcune tipologie di funghi dermatofiti, che si nutrono della cheratina presente nello strato corneo dell'epidermide e negli annessi cutanei: moltiplicandosi, provocano l'infezione.

Tipi di tigna

A seconda della sede in cui si manifesta, si distinguono diversi tipologie di tigna:

  • tinea corporis: quando le macchie si presentano nella pelle del corpo;
  • tinea capitis: quando l'infezione colpisce il cuoio capelluto;
  • tinea cruris: quando interessa l'inguine;
  • tinea pedis: quando il fungo colpisce il piede.

Tigna inguinale

La tigna dell'inguine, o tinea cruris, tende ad avere un colore bruno-rossastro e si estende dalle piaghe dell'inguine verso il basso su una o entrambe le cosce.

Altre condizioni che possono mimare la tigna all'inguine comprendono infezioni da lieviti, psoriasi e intertrigine (un rash di logoramento che deriva dallo sfregamento della pelle con la pelle).

Tigna del cuoio capelluto

La tigna del cuoio capelluto, o tinea capitis, colpisce comunemente i bambini, per lo più nella tarda infanzia o durante l'adolescenza. Questa condizione può diffondersi nelle scuole.

La tinea capitis appare come il ridimensionmento del cuoio capelluto che è associato con i punti calvi (in contrasto con seborrea e forfora, per esempio, che non causano la perdita dei capelli).

Tigna: come avviene il contagio

La tigna è una malattia molto contagiosa. Il contagio può avvenire da persona a persona per contatto diretto della pelle o tramite oggetti contaminati, o ancora a seguito di un contatto con animali infetti I gatti, per esempio, sono molto spesso portatori di tigna. Anche i cani, così come gli animali di grossa taglia (mucche, cavalli) possono trasmettere la tigna all’uomo.

Come evitare il contagio da tigna

Per evitare di trasmettere o contagiarsi con la tigna, bisogna tenere a mente come questa si diffonde e prendere precauzioni di conseguenza.

Il contagio da tigna avviene nei seguenti modi:

  • Tigna da uomo all'uomo − Essa si diffonde per contatto diretto con una persona infetta.
  • Tigna da animale all'uomo − È possibile contrarre la tigna toccando un animale che ha contratto la tigna. Essa può diffondersi mentre si accarezzano e coccolano cani o gatti. È anche abbastanza comune nelle mucche.
  • Tigna da oggetto all'uomo − È possibile che la tigna si diffonda per contatto con oggetti o superfici che una persona infetta o un animale ha recentemente toccato o su cui si è strofinato; tali oggetti includono vestiti, asciugamani, lenzuola e federe, biancheria intima, ma anche pettini e spazzole.
  • Tigna dal suolo all'uomo − In rari casi, infine, la tigna può essere trasmessa all'uomo tramite il contatto con un suolo infetto. L'infezione molto probabilmente si verificherebbe però a seguito di un contatto prolungato con il suolo altamente infetto.
Sia la rogna e la tigna sono zoonotici, il che significa che possono essere passati da animali domestici a persone. Se si sospetta che il vostro animale domestico è infetto è importante:

  • Indossare sempre guanti durante la manipolazione del vostro animale domestico o la pulizia dei loro oggetti, dalla cassetta dei bisogni alle ciotole alla cuccia.
  • Lavarsi le mani dopo aver maneggiato il vostro animale domestico, la cuccia o qualsiasi oggetto con cui il vostro animale domestico potrebbe essere stato in contatto.
  • Disinfettare accuratamente le zone potenzialmente contaminate.

Come si manifesta la tigna

Le lesioni tipiche della tigna hanno l'aspetto di un anello formato da vescichette rosse o da pelle squamosa e arrossata, che cresce allargandosi sempre di più.

Mano a mano che si espande, l'anello diventa chiaro al centro, mentre le zone più esterne, che rappresentano il fronte dell'infezione che avanza, continuano a essere rossastre.

Queste lesioni possono provocare prurito, essere in rilievo e trasudare del liquido. Nel caso in cui il fungo infetti il cuoio capelluto, questo avviene solo nei bambini, può portare a una perdita di capelli tale da causare calvizie a chiazze.

Quando, invece, la micosi prolifera sulle unghie le scolora, le ispessisce e può anche arrivare a sgretolarle. Il prurito può portare a grattarsi fino a promuovere sovrainfezioni batteriche.

In questi casi ai sintomi tipici della tigna si possono aggiungere gonfiori, peggioramenti improvvisi dell'arrossamento della pelle, pus e febbre.

Diagnosi di tigna

La diagnosi della tigna si basa generalmente sull'osservazione della pelle. La conferma dell'infezione giunge attraverso il prelievo di squame, frammenti di unghia o capelli, da esaminare poi al microscopio per identificare la presenza del fungo dermatofita o da coltivare in laboratorio per la successiva identificazione.

Si può anche osservare l'area infetta illuminandola con una luce blu (lampada di Wood) in una stanza buia. Se il fungo appare fluorescente, si è in presenza di tigna.

Come si cura la tigna

La cura della tigna prevede una terapia antimicotica che varia a seconda del tipo ti fungo, dello stato immunologico del paziente, della zona colpita e dell'estensione dell'infezione.

I farmaci per la tigna includono gli antimicotici possono essere assunti con applicazioni locali (creme, lozioni, polveri) oppure per via sistemica, nel caso di infezioni gravi e/o estese.

Tigna e rogna

In molti si chiedono se tigna e rogna sono la stessa cosa; in effetti, è difficile capire la differenza tra tigna e rogna, ma non è così impossibile. Entrambe sono malattie zoonotiche, ossia possono essere trasmesse dagli animali all'uomo, perciò è importante fare molta attenzione.

La rogna è causata da parassiti (acari) che si introducono nella pelle dell'uomo e degli animali domestici, mentre la tigna è causata da funghi dermatofiti che si nutrono della cheratina presente sul derma.

Anche la rogna (o scabbia), così come la tigna, provoca un intenso prurito e la conseguente formazione di vescicole, croste e papule, ma non ha la caratteristica forma ad anello della tigna.

Ricordare, poi, che anche se la rogna risulta molto più comune della tigna negli animali, non tutte le cosiddette rogne degli animali sono trasmissibili all’uomo, ma soltanto quella provocata dall'acaro Sarcoptes scabiei.

Le manifestazioni di rogna, infine, sono più comuni in autunno, e dipendono dallo stress dovuto allo spostamento degli animali al chiuso in preparazione all'inverno. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Giradito
Il giradito è un’infezione batterica che colpisce il dito di una mano, principalmente il pollice o l’alluce del piede.
Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.
Cisti Sebacea
La Cisti Sebacea si presenta come una lesione cutanea dall'aspetto di un protuberanza o di un nodulo nella cute, e al tatto appare più du...