Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Psoriasi

Psoriasi

Psoriasi
Curatore scientifico
Prof. Marcello Monti
Specialità del contenuto
Dermatologia

Cos'è la psoriasi

La psoriasi è una malattia cronica infiammatoria e non contagiosa che si manifesta con placche arrossate e squamose sulla pelle. Si tratta infatti di una comune condizione dermatologica che accelera il ciclo di vita delle cellule della pelle e fa sì che le cellule si sviluppino rapidamente sulla superficie cutanea. Le cellule extra della pelle formano, quindi, squame e macchie rosse che determinano prurito e risultano talvolta dolorose.

La psoriasi colpisce frequentemente la pelle dei gomiti, delle ginocchia e il cuoio capelluto. Le cause della psoriasi non sono conosciute, ma la tendenza allo sviluppo della condizione è di origine genetica; si tratta di una malattia cronica che si presenta a intermittenza. L'obiettivo principale del trattamento per la psoriasi è quello di impedire che le cellule della pelle crescano così rapidamente.

Non esiste una cura per la psoriasi, ma è possibile imparare gestire i sintomi. Infatti, modifiche allo stile di vita, come una buona idratazione, smettere di fumare e imparare a gestire lo stress, possono aiutare a tenere a bada questo disturbo.

Tipi di psoriasi

A seconda della gravità, esistono due stadi di psoriasi:

  1. Psoriasi lieve – Con piccole placche rosse e desquamanti.
  2. Psoriasi grave – Il corpo risulta completamente coperto da placche rossastre e ispessite.
Inoltre, a seconda della localizzazione e della modalità di diffusione, possono esistere svariati tipi di psoriasi, ossia: 

  • Psoriasi a placche – Si tratta della forma più comune. La psoriasi a placche causa secchezza della pelle, che infatti si solleva e si screpola, e lesioni cutanee (placche) ricoperte da squame di colore rossastro. Le placche potrebbero essere pruriginose o dolorose e possono presentarsi ovunque sul corpo, compresi i genitali e la cavità orale.
  • Psoriasi delle unghie – La psoriasi può presentarsi anche sulle unghie delle mani e dei piedi, causando decolorazione e una crescita anormale. In questi casi, le unghie affette da psoriasi potrebbero anche staccarsi dal letto ungueale.
  • Psoriasi guttata – Questo tipo di psoriasi colpisce principalmente giovani adulti e bambini. È di solito innescata da un'infezione batterica, come quella causata dallo Streptococco. Si manifesta con piccole lesioni con squame a goccia sul tronco, sulle braccia, sulle gambe e sul cuoio capelluto. Si può avere una singola manifestazione che va via da sola o si possono avere episodi ripetuti.
  • Psoriasi inversa – Questa tipologia colpisce principalmente la pelle nelle zone delle ascelle, dell'inguine, sotto il seno e intorno ai genitali. La psoriasi inversa provoca chiazze lisce di pelle rossa, infiammata, che peggiorano con l'attrito e la sudorazione. Le infezioni fungine possono innescare questo tipo di psoriasi.
  • Psoriasi pustolosa –  Questa forma non comune di psoriasi può verificarsi in aree più piccole, sulle mani, sui piedi o sulla punta delle dita. Generalmente, si sviluppa rapidamente, con manifestazione di pus e vesciche. La psoriasi pustolosa generalizzata può anche causare febbre, brividi, prurito grave e diarrea.
  • Psioriasi eritrodermica Il tipo meno comune di psoriasi è quella eritrodermica, che può coprire tutto il corpo e bruciare intensamente. 
  • Artrite psoriasica – L'artrite psoriasica provoca gonfiore e dolore alle articolazioni, che sono sintomi tipici dell'artrite. A volte, i sintomi articolari sono la prima o unica manifestazione di psoriasi. I sintomi variano da lievi a gravi, e l'artrite psoriasica può colpire qualsiasi articolazione. Anche se la malattia di solito non è così paralizzante come altre forme di artrite, può causare rigidità e danni articolari progressivi.

Sintomi di psoriasi

I più comuni sintomi di psoriasi solitamente includono placche arrossate e desquamante, di forma rotonda o ovalare; esistono, però, altri segni di psoriasi, che includono:

  • Placche squamose grandi e spesse, di colore bianco-argenteo
  • Macchie rosse o rosa sulla pelle
  • Placche ispessite, squamose e dall'aspetto "roccioso"
  • Rigidità articolare
  • Prurito, bruciore o sensazione di dolore
  • Pelle secca e screpolata che può sanguinare.
La psoriasi può comparire anche in forma di chiazze rosse anche sull'ombelico o tra le natiche; mentre sulle unghie, può apparire sotto forma di macchie bianche o bruno-giallastre e può essere confusa erroneamente con le infezioni fungine delle unghie.

Cause di psoriasi

La causa esatta della psoriasi non è completamente nota. Tuttavia, si pensa che sia correlata a un problema del sistema immunitario e, in particolare, con la funzione dei linfociti t e di altri globuli bianchi, detti neutrofili. I linfociti T viaggiano normalmente attraverso il corpo per difendersi da elementi estranei, come virus o batteri.

Ma se si soffre di psoriasi, i linfociti T arrivano ad attaccare erroneamente le cellule della pelle sana, come se la interpretassero come una ferita da guarire o una infezione da combattere.

Le cellule T iperattive innescano, inoltre, una maggiore produzione di cellule sane della pelle, sia di linfociti T che di altri globuli bianchi, soprattutto neutrofili. Questi viaggi all'interno della pelle causano arrossamento e talvolta pus. I vasi sanguigni dilatati nelle zone affette da psoriasi producono, infine, calore e arrossamento nelle lesioni cutanee.

Il processo diventa quindi un continuo circolo vizioso, in cui le nuove cellule della pelle si spostano verso lo strato più esterno troppo rapidamente, ossia in giorni anziché in settimane. Le cellule della pelle si accumulano quindi in macchie spesse e squamose sulla superficie dell'epidermide, continuando fino a quando il trattamento della psoriasi non interrompe tale ciclo cellulare.

Ciò che causa il malfunzionamento dei linfociti T nelle persone con psoriasi non è del tutto chiaro. I ricercatori ritengono che giochino un ruolo importante la predisposizione genetica e i fattori ambientali, ma anche alcuni fattori scatenanti di natura psicologica.

Infine, la psoriasi inizia o peggiora in genere a causa di un fattore scatenante che è possibile identificare ed evitare. I fattori che possono innescare la psoriasi includono:

  • Infezioni, come lo streptococco o altre infezioni della pelle.
  • Lesione alla pelle, come un taglio o graffio, un morso di insetto, o una grave scottatura.
  • Stress.
  • Fumo.
  • Forte consumo di alcol.
  • Carenza di vitamina D.
  • L'assunzione di alcuni farmaci, tra cui il Litio, che è prescritto per il disturbo bipolare, o farmaci per la pressione alta come betabloccanti, farmaci antimalarici, e ioduri.

Chi è colpito da psoriasi

La psoriasi è una patologia molto comune; può colpire persone di ogni età, sebbene si manifesti con maggior frequenza nei soggetti di età adulta.

Fattori di rischio per la psoriasi

Chiunque può sviluppare la questa patologia, ma i seguenti fattori possono contribuire ad aumentare il rischio di psoriasi. Essi includono:

  • Ereditarietà – Questo è uno dei fattori di rischio più significativi. Avere un genitore con psoriasi aumenta il rischio di sviluppare la malattia, mentre avere due genitori con psoriasi lo raddoppia.
  • Infezioni virali e batteriche – Le persone affette da HIV hanno più probabilità di sviluppare psoriasi rispetto alle persone con un sistema immunitario sano. I bambini e i giovani adulti con infezioni ricorrenti, in particolare la faringite, possono anche trovarsi in un maggior rischio.
  • Stress – Poiché lo stress può influenzare il sistema immunitario, alti livelli di stress possono aumentare il rischio di psoriasi.
  • Obesità – L'eccesso di peso o l'obesità aumentano il rischio di psoriasi. Lesioni (placche) associate a tutti i tipi di psoriasi spesso si sviluppano in pieghe della pelle.
  • Fumo – Fumare tabacco non solo aumenta il rischio di psoriasi, ma anche può incrementare la gravità della malattia. Il fumo potrebbe anche svolgere un ruolo nello sviluppo iniziale della malattia.

Complicazioni della psoriasi

Se si soffre di psoriasi, si corre maggiormente il rischio di sviluppare alcune malattie. Le principali complicazioni da psoriasi includono:

  • Artrite psoriasica – a volte, i dolori articolari sono l'unico segno della malattia. L'artrite psoriasica può causare danni articolari e una perdita di funzionalità in alcune articolazioni, che può essere debilitante. 
  • Condizioni oculari – Alcuni disturbi oculari (come congiuntivite, blefarite e uveite) sono più comuni nelle persone con psoriasi.
  • Obesità – I pazienti con psoriasi, soprattutto quelli con malattie più gravi, hanno più probabilità di sviluppare obesità. Non è tuttavia chiaro come queste malattie siano collegate. L'infiammazione legata all'obesità può svolgere un ruolo nello sviluppo della psoriasi, oppure può essere che le persone con psoriasi abbiano più probabilità di aumentare di peso, forse perché sono meno propense, a causa del disagio psicologico, a esporre la pelle.
  • Diabete di tipo 2 – Il rischio di diabete di tipo 2 aumenta nelle persone con psoriasi. Più grave è la psoriasi, maggiore è la probabilità di diabete di tipo 2.
  • Pressione alta – Le probabilità di avere la pressione alta è maggiormente elevata per le persone con psoriasi.
  • Malattie cardiovascolari – Per le persone con psoriasi, il rischio di malattie cardiovascolari è due volte più alto rispetto a quelli senza la malattia. La psoriasi e alcuni trattamenti aumentano anche il rischio di battito cardiaco irregolare, ictus, colesterolo alto e arteriosclerosi.
  • Sindrome metabolica – Questo gruppo di condizioni (tra cui pressione alta, livelli elevati di insulina e livelli di colesterolo anormali) aumentano il rischio di malattie cardiache.
  • Altre malattie autoimmuni Celiachia, sclerosi e la malattia infiammatoria intestinale, chiamata morbo di Crohn, hanno più probabilità di colpire le persone con psoriasi.
  • Morbo di Parkinson – Questa condizione neurologica cronica è più probabile che si verifichi in persone con psoriasi.
  • Malattia ai reni –  Alla psoriasi grave è stato collegato un rischio più elevato di malattie renali.
  • Problemi emotivi – La psoriasi può anche influenzare la qualità della vita. La psoriasi è associata a bassa autostima e depressione e ritiro sociale.

Cura per la psoriasi

Attualmente, esiste una cura per la psoriasi, anche se in alcuni casi si assiste alla remissione spontanea. Per la psoriasi di grado medio o lieve, per esempio, si prediligono trattamento con riducenti naturali come la crema solfosalicilica, la crema all’ittiolo solfonato o la crema al catrame minerale.

Si può agire sfruttando l’azione dei raggi UV con la fototerapia (lampade UV) o la elioterapia (sole). Si possono anche utilizzare prodotti che contengono i derivati dell’acido retinoico, che hanno una azione antipsoriasica.

Nei casi di psoriasi severa o di associazione con artrite psoriasica, si ricorre ai farmaci biologici in grado di bloccare alcuni fattori dell’infiammazione, facendo regredire la psoriasi.

Psoriasi: quando andare dal medico

Se si sospetta di avere la psoriasi, consultare il medico per un esame. Inoltre, parlare con il medico se la psoriasi:

  • Causa disagio e dolore.
  • Rende difficile l'esecuzione di compiti quotidiani.
  • Causa preoccupazione per l'aspetto della pelle.
  • Porta a problemi articolari, come dolore, gonfiore o incapacità di svolgere attività quotidiane.
Consultare un medico se i segni e i sintomi peggiorano o non migliorano con il trattamento. Potrebbe essere necessario un farmaco diverso o una combinazione di trattamenti per gestire la psoriasi.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.
Cisti Sebacea
La Cisti Sebacea si presenta come una lesione cutanea dall'aspetto di un protuberanza o di un nodulo nella cute, e al tatto appare più du...
Cheratosi seborroica
Le cheratosi seborroiche sono lesioni pigmentate benigne, la cui causa è sconosciuta.