Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Anatomia
  4. La Pelle

Pelle

Pelle
Curatore scientifico
Dr. Virgilio De Bono
Specialità del contenuto
Dermatologia

Cos'è la pelle

La pelle è un organo speciale sempre in costante rinnovamento, è molto più di una semplice protezione in quanto è l'organo più pesante (3-4 kg) e più esteso del corpo umano (da 1,5 a 2 m²).

Sempre connessa con gli altri organi, la pelle può anche contribuire nella trasmissione di varie disfunzioni e patologie, oltre a quelle strettamente epidermiche.

A cosa serve la pelle

Le funzioni della pelle sono tre:

  • Protezione
  • Trasmissione
  • Scambio.
Dunque la pelle protegge tutto il corpo da attacchi meccanici, fisici, chimici o batterici provenienti dall'ambiente esterno, grazie alle cellule, ai meccanismi immunitari e alla sua impermeabilità, resistenza e adattabilità.

La pelle trasmette informazioni tra il corpo e l'ambiente esterno tramite i nervi che ricevono stimoli tattili, termici e dolorifici. Attraverso questo elemento avvengono vari scambi tra il corpo e l'esterno, infatti la pelle è coinvolta in meccanismi complessi come, per esempio:

  • Controllo della temperatura corporea, attraverso l'eliminazione del calore e l'evaporazione del sudore secreto dalle ghiandole sudoripare
  • Eliminazione delle sostanze dannose
  • Sintesi della vitamina D che è indispensabile per la crescita delle ossa.

Come è fatta la pelle

Gli strati della pelle sono principalmente due, situati uno sopra l'altro, :

  • Epidermide − Si tratta dello strato superficiale della cute ed è un tessuto composto essenzialmente da cheratinociti, cellule che col passare degli anni si saturano di una sostanza forte e impermeabile: la cheratina. L'epidermide contiene anche i melanociti (cellule che forniscono una protezione naturale contro i raggi del sole e sono responsabili della pigmentazione della pelle) e le cellule di Langherhans che fanno parte del sistema immunitario. A sua volta, l'epidermide è composta da quattro strati di cellule: lo strato di base (il più spesso), lo strato spinoso, lo strato granulare e lo strato corneo (quello superficiale).
  • Derma − Si tratta del secondo strato della pelle, situato al di sotto dell'epidermide, dalla consistenza più spessa. Il derma contiene vasi linfatici e sanguigni, fibre muscolari, terminazioni nervose, follicoli piliferi, ghiandole sudoripare e sebacee. A sua volta, consiste di due strati: il derma papillare e il derma reticolare.
  • Strato sottocutaneo − Esso consiste di tessuto connettivo e grasso e si trova situato al di sotto della pelle. Contiene numerosi vasi linfatici e sanguigni, come il derma. Inoltre, serve a isolare e conservare la temperatura corporea, e ad ammortizzare i colpi e i traumi in modo da proteggere i tessuti e gli organi sottostanti. 

Quali sono gli strati della pelle

Come si diceva, in generale gli strati della pelle sono composti da due strati principali e uno strettamente associato.

Epidermide


Essa è composta da un epitelio squamoso stratificato e cheratinizzato. Consiste di quattro o cinque strati di cellule epiteliali, a seconda della sua posizione nel corpo. Non ha alcun vaso sanguigno al suo interno (vale a dire, è avascolare). Gli strati sono (da quello più profondo a quello più superficiale) sono i seguenti:

  • Strato basale − (chiamato anche Stratum germinativum) è lo strato epidermico più profondo e attacca l'epidermide alla lamina basale, sotto la quale si trovano gli strati del derma. Le cellule dello strato basale si legano al derma attraverso l'intreccio di fibre di collagene, detto membrana basale. Nella parte superficiale del derma si trova la papilla dermica che aumenta la forza della connessione tra epidermide e derma; maggiore è la piegatura, più forti sono le connessioni effettuate. Lo strato basale è dunque un singolo strato di cellule costituite principalmente da cellule basali. Una cellula basale è una cellula staminale a forma di cuboide che è un precursore dei cheratinociti dell'epidermide. Tutti i cheratinociti sono prodotti da questo singolo strato di cellule, che sono costantemente passando attraverso la mitosi per produrre nuove cellule. Man mano che si formano nuove cellule, le cellule esistenti vengono allontanate superficialmente dallo strato basale. Altri due tipi di cellule si trovano disperse tra le cellule basali nello strato basale. La prima è una cellula di Merkel, che funziona come recettore ed è responsabile della stimolazione dei nervi sensoriali che il cervello percepisce come tatto. Queste cellule sono particolarmente abbondanti sulla superficie delle mani e dei piedi. Il secondo è un melanocita, una cellula che produce il pigmento noto come melanina. La melanina dona ai capelli e alla pelle il suo colore, e aiuta anche a proteggere le cellule vive dell'epidermide dai danni da radiazioni ultraviolette (UV).
  • Strato spinoso − Come suggerisce il nome, lo strato spinoso presenta delle sporgenze a causa dei processi cellulari che uniscono le cellule attraverso una struttura chiamata desmosoma. I desmosomi si intrecciano tra loro e rafforzano il legame tra le cellule. È interessante notare che la natura "spinosa" di questo strato è un artefatto del processo di colorazione. I campioni di epidermide non macchiata non presentano questo aspetto caratteristico. Lo strato spinoso è composto da otto a 10 strati di cheratinociti, formati come risultato della divisione cellulare nello strato basale. Tra i cheratinociti di questo strato è presente un tipo di cellula dendritica chiamato la cellula di Langerhans, che funziona come un macrofago in grado di inghiottire batteri, particelle estranee, e cellule danneggiate presenti in questo strato.
  • Strato granulare − Esso presenta un aspetto granuloso a causa di ulteriori modifiche ai cheratinociti che vengono spinti dallo strato spinoso. Le cellule (da tre a cinque strati di profondità) diventano più piatte, le loro membrane cellulari si ispessiscono, e generano grandi quantità di proteine cheratina, che è fibrosa, e cheratoialina, che si accumula all'interno delle cellule. Queste due proteine costituiscono la maggior parte della massa cheratinocitaria nello strato granuloso e danno allo strato il suo aspetto, appunto, granuloso. I nuclei e gli altri organelli cellulari si disintegrano mentre le cellule muoiono, lasciando dietro di sé la cheratina, la cheratoialina e le membrane cellulari che formeranno lo strato Lucidum, lo strato corneo e le strutture accessorie di capelli e unghie.
  • Strato Lucidum − Si tratta di uno strato liscio, apparentemente traslucido dell'epidermide situato appena sopra lo strato granuloso e sotto lo strato corneo. Questo sottile strato di cellule si trova solo nella pelle spessa dei palmi e delle piante dei piedi suole. I cheratinociti che compongono lo strato Lucidum sono morti e appiattiti. Queste cellule sono densamente imballate con una proteina libera ricca in lipidi, derivati dal cheratoialina, che dà a queste cellule il loro aspetto trasparente (cioè, lucido) e fornisce una barriera all'acqua.
  • Strato corneo − Si tratta dello strato più superficiale dell'epidermide e anche di quello più esposto all'ambiente esterno. Di solito ci sono da 15 a 30 strati di cellule nello strato corneo. Questo strato aiuta a prevenire la penetrazione dei microbi e la disidratazione dei tessuti sottostanti, e fornisce una protezione meccanica contro l'abrasione per gli strati più delicati e sottostanti. Le cellule di questo strato vengono periodicamente liberate e sostituite da cellule spinte verso l'alto dallo strato granuloso (o dallo strato Lucidum, nel caso dei palmi e delle piante dei piedi). L'intero strato viene sostituito per un periodo di circa 4 settimane. Le procedure cosmetiche, come la microdermoabrasione, aiutano a rimuovere parte dello strato superiore secco e mirano a mantenere la pelle "fresca" e sana.
Derma

Può essere considerato il "nucleo" del sistema integumentario, distinto dall'epidermide (epi- = "su" o "sopra") e dall'ipoderma (hypo- = "sotto"). Contiene vasi sanguigni e linfatici, nervi e altre strutture, come follicoli piliferi e ghiandole sudoripare. Il derma è costituito da due strati di tessuto connettivo che compongono una rete interconnessa di fibre di elastina e collagene, prodotta da fibroblasti. Il derma, a sua volta, si distingue in:

  • Strato papillare − Esso è costituito da tessuto connettivo areolare allentato, il che significa che le fibre di collagene ed elastina di questo strato formano una maglia allentata. Questo strato superficiale del derma si proietta nello strato basale dell'epidermide per formare papille dermiche simili a dita. All'interno dello strato papillare sono fibroblasti, un piccolo numero di cellule grasse (adipociti), e l'abbondanza di piccoli vasi sanguigni. Inoltre, lo strato papillare contiene fagociti, cellule difensive che aiutano a combattere i batteri o altre infezioni che hanno violato la pelle. Questo strato contiene anche capillari linfatici, fibre nervose e recettori tattili chiamati corpuscoli Meissner.
  • Strato reticolare − Esso si trova sotto allo strato papillare ed è molto più spesso, composto da tessuto connettivo denso e irregolare. Questo strato è ben vascolarizzato e ha un ricco apporto di nervi sensoriali e simpatici. Lo strato reticolare appare reticolato (simile a una rete) a causa di un reticolo stretto di fibre. Le fibre di elastina forniscono una certa elasticità alla pelle, consentendo il movimento. Le fibre di collagene forniscono struttura e resistenza alla trazione, con fili di collagene che si estendono sia nello strato papillare che nell'ipoderma. Inoltre, il collagene lega l'acqua per mantenere la pelle idratata. Iniezioni di collagene aiutano, infatti, a ripristinare turgore della pelle introducendo collagene esternamente.
Ipoderma o strato sottocutaneo

Si tratta di uno strato direttamente sotto il derma e serve a collegare la pelle alla fascia sottostante (tessuto fibroso) delle ossa e dei muscoli. Non è strettamente una parte della pelle, anche se il confine tra ipoderma e derma può essere difficile da distinguere. L'ipoderma è costituito da tessuto connettivo ben vascolarizzato, allentato, areolare e tessuto adiposo, che funziona come una modalità di stoccaggio del grasso e fornisce isolamento e ammortizzazione.

L'ipoderma è sede della maggior parte del grasso che riguarda le persone quando stanno cercando di mantenere il loro peso sotto controllo. Il tessuto adiposo presente nell'ipoderma è costituito da cellule immagazzinanti grasso chiamate adipociti. Questo grasso immagazzinato può servire come una riserva energetica, isolare il corpo per prevenire la perdita di calore, e agire come un cuscino per proteggere le strutture sottostanti da traumi.

Come avere una bella pelle

Per avere una buona pelle è necessario dedicarsi quotidianamente alla sua cura, nota anche come skin care. Essa può infatti aiutare a mantenere la pelle giovane e sana.

La regola più importante per la cura della pelle è proteggersi dal sole. Quando sei all'aperto, indossa indumenti protettivi e utilizzare una protezione solare adeguata al tuo tipo di pelle. Poi, evita saponi aggressivi e cerca di gestire stress e stanchezza il più possibile.

Naturalmente, la cura della pelle va oltre la protezione solare e la pulizia quotidiana. Altre regole da seguire per prendersi cura della propria pelle prevedono:

  • Comprendere i rischi e i benefici dei tatuaggi e dei piercing, comprese le più recenti tecniche di rimozione dei tatuaggi. 
  • Conoscere i pro e i contro dei prodotti abbronzanti senza fattore di protezione solare (SPF). 
  • Scoprire i modi migliori per trattare l'acne
  • Valutare se la depilazione laser è adeguata alla tua tipologia di pelle.
Qualunque sia la cura di cui la vostra pelle ha bisogno, contare su informazioni affidabili e sul parere di un valido dermatologo.

Quale frutta fa bene alla pelle

La dieta è essenziale per migliorare l'aspetto della pelle, e i benefici della frutta per la pelle e anche per la salute non mancano. Ecco quindi un elenco di frutti che contribuiscono ad avere una bella pelle:

  • Arance − L'assunzione giornaliera di vitamina C è essenziale per la pelle radiosa. Gli oli naturali presenti nelle arance mantengono idratata la pelle, rendendola idratata. La vitamina C è nota per aiutare nella produzione di collagene, che mantiene la pelle ferma e riduce la comparsa di segni di invecchiamento. Ricca di vitamina C e antiossidanti, le arance aiutano a combattere i radicali liberi nel corpo, minimizzando i danni al DNA. Questo rallenta l'invecchiamento precoce.
  • Papaya − La papaya è un agente idratante naturale che aiuta a mantenere la pelle idratata e morbida quando viene usata localmente. Ricca di vitamina A, C e B, questo frutto può rivelarsi efficace nel mantenere una buona salute della pelle. La papaya può anche migliorare il sistema digestivo e prevenire la stitichezza. Questo, a sua volta, aiuta a schiarire la pelle. Gli studi suggeriscono che questo frutto può anche accelerare il processo di guarigione della ferita.
  • Limone − Il limone è comunemente utilizzato in una serie di prodotti per la cura della pelle. Dalle creme anti-acne alle lozioni anti-invecchiamento, questo agrume può prevenire una serie di problemi della pelle. Ricco di vitamina C, il limone può aiutare a ridurre i segni di invecchiamento, l'iperpigmentazione e le cicatrici. Il limone è anche un agente sbiancante naturale. Aiuta a ridurre il danno solare e l'abbronzatura.
  • Anguria − L'anguria è ricca di fibre e, naturalmente, di acqua: ne contiene infatti il 92%, il che si traduce in idratata, morbida ed elastica. L'anguria contiene vitamina C, A, B1, B6 e licopene che sono essenziali per migliorare la salute generale della pelle e la sua consistenza. La vitamina C aiuta a ridurre la comparsa di linee sottili e rughe. La vitamina A e la vitamina B contribuiscono a mantenere una consistenza della pelle. Il licopene agisce come un radicale libero, prevenendo danni ai tessuti della pelle.
  • Banana − Questo frutto è ricco di proprietà antiossidanti e antimicrobiche, ed è anche molto idratante. Contiene vitamina E, A, C, K e folati e minerali che la rendono efficace nel migliorare la salute della pelle. È anche ricco di fibre alimentari, necessarie per un buon sistema digestivo. Le banane sono anche agenti idratanti che aiutano a lenire la pelle secca.
  • Kiwi − Gli occhi gonfi e le rughe possono essere un problema per alcuni di noi. Tuttavia, i kiwi possono possono costituire una soluzione, perché promuovono la produzione di collagene nel corpo. Ricco di vitamina C, questo frutto previene anche lo stress ossidativo.
  • Ananas − Gli ananas contengono vitamina K, A, C e minerali essenziali per mantenere la pelle pulita e sana. Sono anche ricchi di bromelina, che ha proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti. Questo frutto può migliorare la consistenza della pelle, ridurre le macchie di sole e ridurre i sintomi dell'acne. È anche efficace nell'accelerare il processo di guarigione della pelle e la rimozione delle cellule morte.
  • Mango − Questo frutto non è solo un piacere per le papille gustative, ma presenta anche numerosi benefici per la pelle. I manghi sono ricchi di vitamine A, E e C. Possiedono anche proprietà cicatrizzanti, il che li rende efficace nel ridurre l'aspetto di linee sottili e segni di acne. Ha anche proprietà anti-infiammatorie che aiutano ulteriormente a ridurre i sintomi dell'acne. 
  • Albicocche − Le albicocche sono ricchi di antiossidanti e vitamina C, che aiuta a combattere i radicali liberi nel vostro corpo. Aiuta a ridurre la comparsa di segni dell'invecchiamento. Le albicocche possiedono anche proprietà anti-infiammatorie che possono migliorare i sintomi dell'acne. Le albicocche sono anche ricche di vitamina A, K e folati che sono efficaci nel migliorare la salute generale della pelle.
  • Uva − Un altro frutto ricco di antiossidanti è l'uva. L'uva contiene resveratrolo che proteggono la pelle dai danni UV. Sono anche ricchi di vitamina C, K, folato e minerali. Ciò che li distingue è che i loro estratti di semi hanno la pelle ringiovanente e le proprietà curative.
  • Mele − Le mele contengono vitamine A e C che soddisfano una serie di problemi di pelle. Le bucce di mela sono anche ricche di antiossidanti che aiutano a ridurre l'aspetto dei segni dell'invecchiamento e combattono i radicali liberi nel corpo, riducendo lo stress ossidativo.
  • Fragole − Le fragole possiedono qualità che possono aiutare a migliorare la salute della pelle; infatti, sono ottimi esfolianti chimici. Esse  contengono l'acido salicilico, un ingrediente popolare nei prodotti di bellezza. L'acido salicilico possiede di per sé proprietà antinfiammatorie e antibatteriche che possono aiutare a ridurre i sintomi dell'acne. Pulisce la pelle e rimuove lo sporco indesiderato e batteri che possono ostruire i pori. Le fragole contengono anche vitamina C e acido ellagico. L'acido ellagico previene i danni UV e riduce la comparsa dei segni dell'invecchiamento.
  • Pesche − Le pesche sono ricche di vitamine C, A, E e K. Contengono anche calcio e altri minerali, insieme a fibre alimentari per un sistema digestivo sano. Le pesche contengono antiossidanti che aiutano a combattere i radicali liberi nel corpo, prevenendo danni ai raggi UV.
  • Melograno − Le bucce di melograno sono ricche di antiossidanti e la frutta stessa è ricca di vitamine C, K, folato e minerali. Aiuta a ridurre i danni UV e la pigmentazione. 
  • Avocado − Gli avocado possiedono proprietà antinfiammatorie che riducono lo stress ossidativo. Questo previene danni alla pelle. Contengono anche fibre alimentari e vitamine A, C, K, B3 e B6.
    Gli avocado contengono anche luteina e zeaxantina, che proteggono la pelle dai danni indotti dai raggi UV. L'avocado migliorare anche la compattezza della pelle e accelera il suo processo di guarigione.
  • Ciliegie − Le ciliegie sono estremamente benefiche per la pelle. Contengono vitamina A, C, K, folato e minerali e possono fare meraviglie per la vostra pelle. Sono anche dotate di proprietà antiossidanti e antinfiammatorie che riducono i danni causati alla pelle.
  • Mirtilli I mirtilli hanno un alto valore nutrizionale e sono ricchi di vitamine A e C. Contengono anche antiossidanti, che combattono i radicali liberi nel corpo. Questi frutti, se consumati regolarmente, possono lasciare la pelle più morbida e più giovane.

Quando si rigenera la pelle

La pelle si rigenera circa ogni 27 giorni. Parallelamente, una corretta cura della pelle è essenziale per mantenere la salute e la vitalità di questo organo protettivo.

Infatti, l'epidermide si rinnova costantemente: nuove cellule vengono prodotte negli strati inferiori: questi si spostano in superficie entro quattro settimane. Questo costante rinnovamento serve a sostituire le cellule che si disperdono (note anche come cellule morte) che cadono a terra quando la pelle viene strofinata.

Quando invecchia la pelle

Solitamente, a partire da circa 25-30 anni iniziano a manifestarsi sulla superficie della pelle i primi segni di invecchiamento. Appaiono per prime le linee sottili e le rughe, mentre la perdita di volume e di elasticità diventano evidenti nel tempo.

Altri processi di invecchiamento invece, non sono comuni fino a molto più tardi nella vita. Anche se alcuni cambiamenti si verificano sempre insieme con l'invecchiamento, si verificano in tempi diversi e in misura diversa.

La principale causa dell'invecchiameno della pelle dipende dall'esposizione solare. Nel corso del tempo, la luce ultravioletta del sole (UV) danneggia alcune fibre della pelle chiamata elastina. La rottura delle fibre di elastina provoca pieghe e allungamenti, e la pelle perde progressivamente la sua tonicità.

I laser possono anche aiutare a invertire alcuni dei danni solari. Tuttavia, non è mai troppo tardi per iniziare a proteggersi dall'esposizione al sole e dal cancro alla pelle. Puoi ritardare i cambiamenti associati all'invecchiamento riparandoti dal sole, coprendoti opportunamente, indossando cappello e occhiali schermanti e seguendo l'abitudine di usare la protezione solare.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Peli
I peli sono delle formazioni cheratinose che ricoprono, in parti più o meno ampie, il corpo dei mammiferi. Nell'uomo, le parti maggiormen...
Fibromi penduli (porri)
I fibromi penduli sono delle escrescenze dermatologiche che si formano per molteplici motivi. Avvertiti come antiestetici non sono però n...
Sebo
Il sebo è una sostanza grassa che viene prodotta dalle ghiandole sebacee ed è utile per alcune funzioni dell'organismo. Una sua produzion...