Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Tumore Delle Vie Biliari

Tumore delle vie biliari

Tumore delle vie biliari
Curatore scientifico
Dr. Carlo Pastore
Specialità del contenuto
Oncologia

Quali sono i tumori delle vie biliari?

Il tumore può riguardare qualunque parte dell’albero biliare. I medici identificano le tipologie di cancro delle vie biliari dalla loro localizzazione:

  • Colangiocarcinoma extraepatico. Il tumore più comune, che colpisce la parte di dotto che si trova fuori dal fegato. È il tumore più trattabile.
  • Colangiocarcinoma dell’ilo. Il tumore si colloca nel punto dove i dotti destro e sinistro si uniscono.
  • Colangiocarcinoma intraepatico. Circa il 5-10% dei tumori è intraepatico. 

Quali sono le cause dei tumori delle vie biliari?

Non si può parlare di vere e proprie cause dei tumori, ma sono stati evidenziati dei fattori di rischio che aumentano la possibilità di sviluppare un cancro del genere. È importante notare che molti pazienti in realtà non presentano nessuno di questi fattori, nonostante siano affetti.

  • Irritazione dei dotti biliari o disturbi precedenti.
  • Età. Gli adulti sviluppano il cancro più facilmente.
  • Alcune sostanze chimiche. Diossine, nitrosammine e policlorobifenili.

Quali sono i sintomi tipici del cancro delle vie biliari?

I sintomi caratteristici appaiono solamente più tardi nel corso della malattia, ma talvolta appaiono più precocemente, rendendo il trattamento più efficace.

I sintomi sono per lo più dovuto al fatto che il dotto biliare è bloccato:

  • Itterizia, ingiallimento della pelle e degli occhi a causa della bilirubina contenuta nella bile.
  • Prurito, causato dalla bilirubina.
  • Feci chiare. La bilirubina contribuisce a donare il colore marrone alle feci; se non raggiunge l’intestino queste saranno più chiare. Inoltre questo potrebbe essere dovuto all’impossibilità di digerire i grassi.
  • Urina scura.
  • Dolori addominali.
  • Perdita di appetito e di peso.
  • Febbre.
  • Nausea e vomito.

Qual è l’aspettativa di vita?

La sopravvivenza per questi tipi di cancro dipende per larga parte da dove si colloca e da quanto è avanzato quando viene diagnosticato per la prima volta.

Solitamente, le statistiche si riferiscono ai 5 anni successivi alla diagnosi del cancro, quindi indicano la percentuale di pazienti sopravvissuti dopo 5 anni.

Queste statistiche del 2000-2006 provengono dal programma SEER del National Cancer Institute.

Tumore intraepatico

  • Localizzato     15%
  • Regionale        6%
  • Distante          2%

Tumore extraepatico

  • Localizzato     30%
  • Regionale        24%
  • Distante          2%
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Teratomi
Il teratoma è un tumore embrionale diffuso, di solito, nelle ovaie e nei testicoli rispettivamente di donne e uomini.
Tumore alle cellule di Sertoli-Leydig
Le cellule di Leydig, dette anche cellule endocrine interstiziali di Leydig, sono site nello stroma, tra i tubuli seminiferi dei testicol...
Tumore benigno
I tumori benigni rappresentano una forma tumorale (massa) generalmente non pericolosa per l'uomo. Alcune tipologie possono comunque trasf...