Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Itterizia

Itterizia

Itterizia
Curatore scientifico
Dr. Chiara Tuccilli
Specialità del contenuto
Epatologia

Che cos'è l'itterizia?

L'itterizia è il termine comunemente utilizzato per indicare l’ittero, e indica la colorazione gialla della cute e delle sclere (il bianco degli occhi) causata da alti livelli ematici del pigmento biliare, cioè della bilirubina.

L'ittero si può estendere ad altri tessuti, come le mucose, e fluidi corporei e può anche rendere l'urina scura. Il solo ingiallimento della pelle può anche essere causato dal consumo di molte carote o dal bere in modo eccessivo il loro succo.

La bilirubina e l'ittero

Il pigmento biliare, la bilirubina, si origina dal catabolismo dell’emoglobina contenuta nei globuli rossi.

La vita media dei globuli rossi è di circa 120 giorni, al termine dei quali essi vengono normalmente distrutti dal corpo, liberando la molecola che trasporta l'ossigeno all'interno delle cellule, l'emoglobina, che viene rilasciata nel sangue.

Nel sangue, l’emoglobina subisce la trasformazione a bilirubina. Quest’ultima viene poi rimossa dal circolo sanguigno ad opera del fegato, modificata ed escreta nella bile. La modificazione consiste nel processo di coniugazione con l’acido glucoronico, e da questo momento la bilirubina prende il nome di bilirubina coniugata o bilirubina diretta. 

La bile, contenente la bilirubina, fluisce nell'intestino in modo che la bilirubina venga poi eliminata nelle feci. È la bilirubina che dà alle feci il colore marrone.

L'ittero può verificarsi ogni volta che questo normale processo di distruzione dei globuli rossi e l'eliminazione di bilirubina vengono alterati.

Ciò si verifica quando:

  • vi è un'anomalia nella distruzione dei globuli rossi (emolisi);
  • in presenza di malattie del fegato, che riducono la capacità dell'organo di rimuovere e modificare la bilirubina;
  • quando vi è un'ostruzione al flusso della bile nell'intestino.

L’ittero può manifestarsi a seguito di diverse cause, pertanto si distinguono diversi tipi di ittero:

  • ittero ostruttivo;
  • ittero epatocellulare;
  • ittero emolitico;
  • ittero neonatale.

L’ittero neonatale è una condizione spesso fisiologica, dovuta al fatto che il fegato non è ancora abbastanza maturo per svolgere le attività che gli competono, tra cui captare, modificare e rimuovere la bilirubina.

La terapia consiste nell’esposizione del neonato ad una luce blu, ed è quindi una fototerapia.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ittero
Con il termine ittero intendiamo la colorazione gialla della cute e delle sclere, causata da alti livelli ematici del pigmento biliare, l...
Colemia
La colemia è una condizione patologica caratterizzata dalla presenza di bile nel sangue in quantità elevata.
Ammoniemia
L’ammoniemia misura la quantità e l’eventuale eccesso di ammoniaca nel sangue (indica la concentrazione di ammoniaca nel sangue).