Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Perdita Di Coordinazione Dei Movimenti

Perdita di coordinazione dei movimenti

Perdita di coordinazione dei movimenti
Curatore scientifico
Dr. Leila Turnava
Specialità del contenuto
Neurologia

In cosa consiste la perdita di coordinazione nei movimenti?

Il termine che indica la mancanza, la perdita e i disturbi di coordinazioni è atassia.

Nello specifico, l'atassia è un disordine che consiste nella mancata coordinazione muscolare, che rende difficile eseguire movimenti volontari, in gran parte controllati dal cervelletto.

La disprassia, invece, è un disturbo che si manifesta nei bambini in età infantile, e che consiste nella difficoltà a compiere alcune semplici azioni quotidiane.

La difficoltà di coordinazione motoria si traduce in movimenti scoordinati e discontinui e si verifica quando c'è un'interruzione nella comunicazione tra il cervello e il resto del corpo.

Quali sono i sintomi?

Per alcuni la condizione può svilupparsi lentamente, per altri si verifica invece improvvisamente e senza preavviso. Il sintomo più comune è la perdita di equilibrio e di coordinazione, che porta infine a una perdita di capacità motorie.

Altri sintomi sono:

  • vertigini
  • disturbi visivi
  • problemi a parlare
  • difficoltà a deglutire
  • tremori

Questi sintomi possono essere simili a quelli di un ictus, quindi è importante rivolgersi immediatamente al medico.

Quali sono le cause di perdita di coordinazione?

I movimenti coordinati coinvolgono il cervelletto, i nervi periferici del corpo e il midollo spinale. Malattie e lesioni possono danneggiare o distruggere qualsiasi di queste strutture e portare ad atassia. Queste includono:

  • trauma alla testa
  • alcolismo
  • sclerosi multipla, una malattia cronica che colpisce il cervello e il midollo spinale
  • ictus
  • attacco ischemico transitorio (TIA), una temporanea riduzione nell'afflusso di sangue al cervello
  • atassie genetiche
  • paralisi cerebrale
  • tumori cerebrali
  • sindromi paraneoplastiche
  • neuropatia
  • lesioni spinali
  • carenza di vitamina B12 (per alterato assorbimento, anche nelle persone che prendono inibitori della pompa protonica a lungo, o insufficiente apporto)

Alcune sostanze hanno effetti tossici che possono portare alla perdina di coordinazione. Questi includono:

  • alcol (più comune)
  • farmaci chemioterapici
  • litio
  • cocaina ed eroina
  • sedativi
  • mercurio, piombo e altri metalli pesanti
  • toluene e altri tipi di solventi

Come si diagnostica la perdita di coordinazione nei movimenti?

Bisogna rivolgersi a un medico per la diagnosi nei casi in cui si verifichino uno o più dei seguenti sintomi:

  • perdita di equilibrio
  • difficoltà a deglutire
  • mancanza di coordinazione per più di pochi minuti
  • perdita di coordinazione in una o entrambe le gambe, braccia o mani
  • biascicamento
  • problemi a camminare

Per la diagnosi, il medico vi chiederà innanzitutto della vostra storia medica per poi effettuare un esame fisico di base. Verrà eseguito un esame neurologico dettagliato che include i sistemi muscolare e nervoso. Verrà controllata la capacità di equilibrio sia con i piedi ben saldi che in punta di piedi. Infine viene eseguito il test di Romberg per vedere se si riesce a mantenere l'equilibrio ad occhi chiusi.

Altri test sono:

  • analisi del sangue
  • analisi delle urine
  • tomografia computerizzata (TC)
  • risonanza magnetica (MRI)
  • puntura lombare
  • test genetici

Quali sono i rimedi?

Non c'è cura per l'atassia in sé, ma si può trattare il problema di base che la causa. In alcuni casi però non è possibile fare nemmeno quest'ultima cosa, per fortuna esistono alcuni modi e farmaci che aiutano a gestire questa condizione.

La terapia fisica consiste in esercizi di coordinazione che possono aiutare a rafforzare il corpo e ad aumentarne la mobilità.

La terapia occupazione ha lo scopo di migliorare l'abilità nei compiti di vita quotidiana.

La logopedia aiuta la comunicazione, a deglutire e a mangiare.

Semplici modifiche nelle proprie abitudini quotidiane possono rendere più facile, per una persona affetta da atassia, continuare con la propria normale vita. Per esempio:

  • mantenere la zona giorno pulita e ordinata
  • installare ampie passerelle
  • installare dei corrimano
  • rimuovere tappeti e altri oggetti che potrebbero far scivolare e cadere.

Anche dal punto di vista alimentare ci sono dei piccoli accorgimenti che possiamo prendere in considerazione.

I ricercatori del Medical Center hanno scoperto alcune forme curabili di atassia. AVED (Atassia con vitamina E carenza) è un tipo di atassia che migliora con l'integrazione con vitamina E. L'atassia causata dal glutine migliora con una dieta priva di quest'ultimo.

L'Università di Londra ha anche riferito che la vitamina B-3, o nicotinamide, può aiutare le persone con atassia di Friedreich. Questo trattamento può aumentare i livelli di fratassina, una proteina che è bassa nelle persone con questo tipo di atassia.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Incubi
Gli incubi sono manifestazioni notturne, rappresentate da sogni infelici o spaventosi, che possono anche svegliare chi li sta facendo. Gl...
Crisi epilettiche (attacchi epilettici)
Si stima che in Italia circa il 5% della popolazione abbia avuto o avrà almeno una volta nella vita una crisi epilettica, ovvero una scar...
Dolore neuropatico
Il dolore neuropatico si manifesta come diretta conseguenza di un danno o di una malattia che colpisce il sistema nervoso.