Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Terapia Fotodinamica

Terapia fotodinamica

Terapia fotodinamica
Curatore scientifico
Dr. Virgilio De Bono
Specialità del contenuto
Dermatologia

Cos’è la terapia fotodinamica?

La terapia fotodinamica è un trattamento che utilizza un farmaco, chiamato fotosensibilizzatore o agente fotosensibilizzante, e un particolare tipo di luce. Quando il fotosensibilizzatore è esposto ad una specifica lunghezza d’onda, produce una forma reattiva dell’ossigeno che uccide le cellule vicine. Ogni fotosensibilizzatore è attivato da un raggio luminoso ad una specifica lunghezza d’onda. Quest’ultima determina quanto può penetrare il raggio luminoso attraverso i tessuti corporei. Di conseguenza, in base all’area da trattare si usa una diversa lunghezza d’onda.

La sorgente luminosa utilizzata è solitamente un laser, ma si può utilizzare anche un diodo luce-emittente (LED). Introducendo un cavo a fibra ottica con luce laser in un endoscopio, è possibile trattare alcuni tumori degli organi interni (come polmone o esofago); la luce del LED, invece, è usata per il trattamento di tumori cutanei.

La tecnica è stata di recente impiegata anche per il trattamento di malattie cutanee non tumorali, soprattutto per la psoriasi. La psoriasi e altre condizioni dermatologiche come la dermatite atopica, tuttavia, sono più comunemente trattate con la fototerapia con radiazione UVB a banda stretta. I risultati sperimentali ottenuti con la fototerapia dinamica però sono incoraggianti anche per il trattamento di:

  • acne;
  • invecchiamento cutaneo;
  • smagliature (insieme alla tecnica needling o mesoterapia);
  • verruche resistenti alla crioterapia.

L’invecchiamento cutaneo solitamente è trattato con laserterapia e consente la produzione di collagene, che rimpolpa la pelle e distende le rughe. Il fotoringiovanimento cutaneo è un’alternativa al fill di acido ialuronico.

Anche in altri ambiti fototerapia dinamica sembra produrre buoni risultati, come per il trattamento della degenerazione maculare. La degenerazione maculare è un’alterazione progressiva della macula cioè la regione centrale della retina, e viene diagnosticata tramite l’esame della macula con lampada a fessura e tecniche di imaging come la fluorangiografia.

Com’è usata per trattare il cancro?

Per il trattamento del cancro, l’agente fotosensibilizzante è iniettato nel circolo sanguigno o applicato con una crema e assorbito dalle cellule, ma nelle cellule cancerose esso permane più a lungo. Nelle 24-72 ore successive all’iniezione del farmaco o nelle 2-3 ore successive in caso di applicazione topica, avviene l’esposizione al raggio luminoso.

Il tempo d’attesa è necessario ad assicurarsi che le cellule non tumorali abbiano eliminato il farmaco. Nelle cellule tumorali, invece, la luce attiva il fotosensibilizzatore e viene prodotta una forma reattiva dell’ossigeno che è in grado di:

  • alterare profondamente le cellule tumorali, causando loro un danno con conseguente morte;
  • estendere il danno anche ai vasi sanguigni che irrorano il tumore, e da cui esso trae nutrimento, impendendone così l’ulteriore crescita;
  • attivare il sistema immunitario contro le cellule tumorali.

Alcuni dei farmaci più utilizzati sono:

  • porfimero di sodio;
  • ematoporfirina derivato;
  • 5-ALA.

La fototerapia dinamica non è una terapia intensiva, poiché il trattamento è ripetuto solo nei casi di tumori di maggiore spessore.

Quali tipi di tumore sono trattati con la terapia fotodinamica?

Con questo tipo di terapia si possono trattare tumori e lesioni pre-neoplastiche (come la displasia di alto grado dell’esofago e la cheratosi attinica). I tumori che possono essere trattati sono quelli di:

  • cute e mucose;
  • vescica;
  • esofago;
  • polmoni (carcinoma non a piccole cellule).

La tecnica è in sperimentazione clinica anche per altri tipi di tumore, come quelli della prostata, dello stomaco e dell’intestino. La ricerca continua anche tentando di rendere più penetrante e specifica la terapia, così da trattare tumori più profondi o di dimensioni maggiori e limitare ulteriormente gli effetti dannosi sulle cellule sane.

Attualmente, per diversi tipi di tumori del sangue è in sperimentazione un tipo di terapia fotodinamica: la fotoforesi extracorporea. In questo tipo di terapia, un macchinario:

  • raccoglie le cellule sanguigne del paziente;
  • le tratta con l’agente fotosensibilizzante;
  • le reintroduce nel paziente.

Si ritiene inoltre che la tecnica possa essere utile anche per ridurre il rigetto dopo trapianto.

Tuttavia, la tecnica ha alcuni limiti:

  • la luce non può agire troppo in profondità, perciò è usata per trattare tumori superficiali cutanei o delle cavità interne;
  • non è efficace su tumori di grandi dimensioni e su tumori aggressivi (per i tumori cutanei, una buona strategia preventiva è quella di sottoporsi alla mappatura dei nei);
  • non è efficace sui tumori che hanno prodotto metastasi.

Quali sono gli effetti collaterali della terapia fotodinamica?

I pazienti trattati con porfimero di sodio dovrebbero evitare l’esposizione diretta e l’illuminazione interna intensa per almeno 6 settimane poiché il farmaco tende a rendere cute e occhi più sensibili alla luce.

Con i diversi farmaci impiegati è possibile che si produca qualche danno anche ai tessuti normali limitrofi al tumore, causandone:

  • bruciature;
  • gonfiore;
  • dolore;
  • cicatrizzazione.

Altri effetti collaterali temporanei sono dovuti alla zona di applicazione della terapia, e sono stati descritti:

  • tosse, respiro doloroso e fiato corto;
  • gonfiore;
  • dolori gastrici.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Autoabbronzanti
Se non vuoi esporre la tua pelle agli effetti dannosi dei raggi solari, ma vorresti comunque un aspetto baciato dal sole considera l’uso ...
Medicazioni ulcere cutanee
Alcune patologie croniche causano la comparsa delle ulcere cutanee, che interessano in particolar modo pazienti in età avanzata. Il tratt...
Emollienti
Gli emollienti aiutano a mantenere la pelle umida ed elastica, riducendo la perdita di acqua dall'epidermide, lo strato esterno della pel...