icon/back Indietro Esplora per argomento

Pelle secca? Perché assumere vitamina D

Redazione

Ultimo aggiornamento – 04 Novembre, 2022

Vitamina D e Pelle Secca: Qual è il Legame?

Quando la pelle appare desquamata, come se quasi tirasse, è molto probabile che si tratti di pelle secca. Essa può avere molte e diverse cause, ma è importante individuare quella giusta per risolvere il problema alla radice.

Ma qual è l’origine della pelle secca? Come mai alcune persone sono più esposte a screpolature e spaccature rispetto ad altre? Scopriamo quali sono le cause più comuni e qual è il legame con la vitamina D.

Carenza di vitamina D: i sintomi sulla pelle

Se si soffre di pelle secca, sarà capitato di notare che questa condizione è particolarmente presente in inverno; probabilmente, la causa della secchezza può attribuirsi alla vitamina D.

Una carenza di vitamina D, infatti, tende a manifestarsi anzitutto sulla pelle, che si mostra:

  • scarsamente idratata;
  • poco elastica;
  • fragile;
  • tendente a desquamazione.

Inoltre, in gravi carenze di vitamina D, il rachitismo è uno dei possibili sintomi, riconoscibile sia dagli esami radiologici sia da quelli ematochimici, ma visibile anche tramite esame obiettivo (alcuni esempi sono: solco di Harrison, caviglia rachitica, rosario rachitico). 

Pelle secca: le cause (e il legame con l'ipovitaminosi D)

Come dicevamo, la pelle secca può avere numerose cause, che dipendono anche da fattori fisiologici, tra questi:

  • età;
  • stato di salute;
  • stili di vita;
  • condizioni metereologiche;
  • abitudini scorrette (ad esempio: acqua troppo calda per lavarsi, prodotti aggressivi, scrub troppo frequente e prolungata esposizione al sole).

Oltre alle cause dettate dalle proprie caratteristiche e abitudini comportamentali, possono però esservi numerose patologie che possono comportare la pelle secca, tra cui:

Oltre a queste cause, vi è anche la già menzionata carenza di vitamina D (meglio detta ipovitaminosi D). Ma perché la mancanza di vitamina D rende la pelle secca?

Uno studio condotto su due gruppi (rispettivamente di 83 e di 61 soggetti) ha rilevato che vi è una relazione tra livelli di vitamina D3 e idratazione della pelle.

Ulteriori studi hanno rivelato che la vitamina D è fondamentale per fare in modo che vi sia equilibrio tra i tessuti presenti sulla pelle. In mancanza di questo equilibrio si può verificare la comparsa di rughe e secchezza della pelle.

La pelle ha, infatti, uno strato in grado di convertire le radiazioni ultraviolette B in vitamina D. Se non ci si espone al sole, questa conversione viene meno. Ecco perché è più frequente che si verifichi una mancanza di vitamina D in inverno: in questa stagione si esce di meno all’aria aperta e, quando lo si fa, gran parte del corpo è coperta da vestiti per ripararsi dal freddo. Inoltre, spesso, anche il sole è nascosto dietro alle nuvole e le ore di luce sono di meno.

Per tutti questi motivi, venendo meno l’esposizione frequente al sole, il corpo perde, stagionalmente, la possibilità di acquisire dai raggi solari la vitamina D di cui ha bisogno e, pertanto, occorre assumerla tramite integratori oppure con una dieta specifica a base di alimenti con un’alta concentrazione di vitamina D.

A cosa serve la vitamina D

Con vitamina D intendiamo un complesso di almeno sette vitamine liposolubili. La maggior parte di queste vengono prodotte dalla pelle con l’esposizione al sole e la restante parte può essere integrata attraverso l’alimentazione, nonostante ben pochi cibi la contengano in forma biodisponibile (un esempio è il tuorlo d’uovo).

Ma a cosa serve questo complesso vitaminico detto, in sintesi, vitamina D? 

Questo pro-ormone interviene nella regolazione di moltissime attività cellulari. Ecco perché molte cellule possiedono i recettori per la vitamina D (le cellule di derma ed epidermide ne possiedono milioni in forma attiva - calcitriolo o vitamina D3 -). 

Questa vitamina viene prodotta dalla pelle durante le ore diurne, sia per se stessa sia per il resto del corpo. Tuttavia, è importante sapere che la vitamina D non è utile solo ai pazienti con pelle secca, ma anche a quelli con pelle grassa.

Questo è uno dei motivi per cui molte malattie della pelle (sia secca che grassa) beneficiano della vitamina D, tendendo a migliorano con l'esposizione al sole, grazie proprio all’aumentata quantità di vitamina D a disposizione nei tessuti cutanei. Qualche esempio: 

  • acne;
  • eczema nummulare;
  • dermatite seborroica e dermatite atopica;
  • psoriasi.

La vitamina D può essere anche applicata attraverso l’uso topico (come ad esempio la crema, il gel oleoso, l’unguento, la schiuma, la mousse e lo spray) o mediante specifici integratori ad uso orale.

La vitamina D, infatti, non è utile solo per mantenere la pelle elastica e liscia, ma ha anche molte altre funzioni che aiutano l’organismo a svolgere al meglio i suoi compiti. Ad esempio: 

  • aiuta l’organismo nel riassorbimento del calcio a livello intestinale, renale e osseo;
  • la presenza di recettori per la vitamina D si trova in molti tessuti e organi del corpo umano (come cute, cervello, intestino, ossa, paratiroidi, ipofisi, gonadi, pancreas, mammella, muscoli, tessuto adiposo e molto altro ancora).

A volte la carenza di vitamina D non è dovuta alla scarsa esposizione al sole, ma anche a causa di:

  • problemi di malassorbimento: come nel caso di: celiachia, morbo di Crohn, fibrosi cistica;
  • sovrappeso;
  • resistenza alla vitamina D;
  • insufficienza epatica o insufficienza renale cronica.

Come assumere vitamina D e dove trovarla

Il modo migliore per assumere la vitamina D è esporsi al sole in modo ottimale; il sole del mattino è preferibile. Per quale motivo? Per evitare le scottature solari (che, peraltro, possono comportare con prurito e bruciore alla pelle prima che diventino troppo gravi). 

Tuttavia, è sempre necessario applicare una crema protettiva con filtro solare: oltre a diminuire il rischio di scottature, proteggerà dal rischio di melanomi, consentendo comunque di beneficiare di una certa pigmentazione (o abbronzatura) e di una fisiologica produzione di vitamina D.

Oltre all’esposizione al sole, la vitamina D si può integrare attraverso ciò che portiamo in tavola, attraverso cibi di origine vegetale ed animale che contengono questo prezioso nutriente. Ad esempio:

  • Funghi porcini
  • Funghi chiodini
  • Funghi shitake
  • Soja
  • Latte di soja
  • Latte di riso
  • Verdure a foglia scura
  • Cereali
  • Muesli
  • Olio di fegato di merluzzo
  • Sgombro
  • Salmone
  • Pesce spada
  • Tonno
  • Uova
  • Ricotta

In generale, si può dire che la vitamina D di origine vegetale (vitamina D2) ha una minore attività rispetto alla vitamina D di origine animale (vitamina D3).

Ma quali sono gli alimenti con la più alta concentrazione di vitamina D? Eccoli:

  • Salmone: un buon piatto di salmone fresco offre il 100% della quantità giornaliera di vitamina D necessaria. Questo pesce, inoltre, è ricco di omega 3-acidi grassi, che aiutano a contrastare la pelle secca e a migliorare la salute dei capelli. Altre alternative al salmone: sardine, tonno e olio di fegato di merluzzo.
  • Spremuta d’arancia: un bicchiere di spremuta d'arancia garantisce un terzo del fabbisogno quotidiano di vitamina D, oltre che di vitamina C, che fornisce collagene, un elemento prezioso per contrastare l'invecchiamento della pelle.
  • Un vasetto di yogurt: aiuta a fornire circa il 20% del fabbisogno giornaliero di vitamina D. Inoltre, è un alimento probiotico: ciò significa che rafforza la flora intestinale, migliora la digestione e riduce il rischio di infezioni.
  • Cereali integrali: i cereali integrali forniscono circa un quarto della dose di vitamina D necessaria ogni giorno e, in più, sono un ottimo apporto di fibre, ideali per un intestino sano e regolare e per tenere sotto controllo il peso.

Nel caso in cui la carenza di vitamina D fosse davvero severa, è possibile assumerla tramite integratori di vitamina D:

  • Fino a 1.000 UI in età pediatrica.
  • Fino a 2.000 UI negli adulti.

Dunque, per evitare carenze da vitamina D, prendere il sole nelle prime ore del mattino e integrare la vitamina attraverso questi alimenti (soprattutto in inverno) può aiutare. In ogni caso, è sempre bene richiedere il parare del proprio medico.  

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Isabella Gallerani
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Viso

1774 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Isabella Gallerani
Contenuti correlati
Scopriamo quali sono i rimedi per la pelle secca nei piedi
Ecco i rimedi per pelle dei piedi secca

Cure per la pelle secca dei piedi? Partiamo con una lista di rimedi naturali, per poi capire come prevenire questo fastidio. Leggi qui.

mano-che-tiene-un-fiore-su-sfondo-neutro
Cosa vuol dire ripartire dalla propria pelle: un focus sulla dermatite atopica

La dermatite atopica può avere un notevole impatto sulla qualità di vita delle persone, ma con un approccio consapevole la situazione può migliorare. Scopriamo come.

icon/chat