icon/back Indietro Esplora per argomento

Spasmex in gravidanza: a cosa serve e perché assumerlo

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 20 Febbraio, 2024

Dottore e paziente con inquadratura solo delle mani

Si può assumere lo Spasmex in gravidanza? A cosa serve questo farmaco e quali proprietà presenta? È vero che ha delle controindicazioni

Ecco cosa c'è da sapere su questo argomento.

Spasmex in gravidanza: a cosa serve?

Spasmex è il nome commerciale di un farmaco a base di un principio attivo chiamato floroglucina biidrata

Viene utilizzato nel trattamento del dolore spastico, soprattutto di quello che riguarda la muscolatura dell'apparato gastrointestinale, biliare e urogenitale

Tale medicinale esercita quindi un'azione antispastica nei confronti dei muscoli localizzati soprattutto tra il tratto intestinale e quello urogenitale, grazie ad un processo di inibizione dell'enzima catecol-O-metil-transferasi, coinvolto nella contrazione. Viene prescritto spesso in caso si soffra di coliche renali, coliche biliari o crampi addominali.

Il suo effetto antispastico viene sfruttato per alleviare il dolore che si manifesta con crampi alla zona bassa del ventre, come ad esempio le contrazioni. 

Generalmente Spasmex viene assunto per via orale tramite compresse, ma si trova anche sotto forma di fiale da iniettare in vena o come supposta; può essere venduto solo con ricetta medica e viene prescritto solo in caso di reale necessità. 

Si può assumere lo Spasmex in gravidanza?

Per quanto riguardo l'uso di Spasmex in gravidanza, non vi sono evidenze scientifiche che attestino la presenza di problematiche per il feto o per la donna incinta, tuttavia, in virtù del principio di precauzione, si consiglia di evitarne l'assunzione durante il primo trimestre e di utilizzarlo solo se realmente necessario e avendo prima chiesto consiglio al proprio medico. 

Non vi sono ancora abbastanza studi clinici incentrati sull'utilizzo di questo farmaco durante la gravidanza, tuttavia sembra che esso non abbia particolari effetti collaterali né sulla salute del feto, né su quella della madre. 

È comunque raccomandabile assumerlo solo chiedendo prima un parere al proprio medico e preferibilmente dopo i primi tre mesi di gestazione.


Potrebbe interessarti anche:


Attualmente la somministrazione del principio attivo dello contenuto nello Spasmex, ovvero il floroglucinolo, è stato sperimentato solamente in studi scientifici che hanno coinvolto animali; in questo caso non si è rilevata alcuna azione teratogena nei confronti del feto, tuttavia resta valida l'indicazione di somministrare il farmaco solo in caso di reale necessità e mai durante l'allattamento

Controindicazioni ed effetti collaterali dello Spasmex

Non vi sono ancora dati certi circa la presenza di controindicazioni legate a questo farmaco, tuttavia l'uso di Spasmex a inizio gravidanza e durante l'allattamento sarebbe da evitare in virtù del principio precauzionale

Si tratta di un medicinale non adatto alle persone intolleranti al lattosio, ai bambini sotto i 12 anni di età e a coloro che soffrono di glaucoma, atonia intestinale, esofagite da reflusso, colite ulcerosa, stenosi pilorica, ipertrofia prostatica e sindrome miastenica

Chi sta assumendo farmaci antidepressivi triciclici o antalgici dovrebbe altresì evitare Spasmex, a causa del rischio di potenziamento degli effetti del medicinale, così come chi utilizza antistaminici. 

undefined

Inoltre, se si è allergici al principio attivo del farmaco è assolutamente sconsigliato utilizzarlo, o vi è la possibilità che si sviluppino delle reazioni allergiche che possono provocare:

  • sonnolenza;
  • rush cutanei;
  • secchezza delle fauci;
  • midriasi;
  • ritenzione urinaria;
  • aumento del tono oculare;
  • diminuzione della sudorazione;

In presenza di tali sintomi è opportuno contattare il proprio medico o recarsi immediatamente al pronto soccorso.

Condividi
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Marcello Sergio
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Gravidanza

899 articoli pubblicati

a cura di Dr. Marcello Sergio
Contenuti correlati
Dottoressa e donna incinta durante un controllo medico
Fibrinogeno alto in gravidanza: che cosa comporta?

Fibrinogeno alto in gravidanza: cause, rischi ed esami. Vediamo cos'è questo valore e cosa comporta avere il fibrinogeno alto nel periodo della gestazione.

Ferro in gravidanza: fabbisogno necessario e possibile carenza

Qual è il fabbisogno di ferro in gravidanza e cosa succede se esso è troppo basso? Come fare per aumentarne i valori? Ecco cosa sapere sull'argomento.

icon/chat