Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Spasmi Muscolari

Spasmi muscolari

Spasmi muscolari
Curatore scientifico
Dr. Alfredo Bitonti
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Che cosa sono gli spasmi muscolari?

Gli spasmi muscolari sono contrazioni involontarie di muscoli e si manifestano all'improvviso; di solito si risolvono rapidamente, ma spesso sono dolorosi.

Uno spasmo muscolare è diverso da una contrazione dei muscoli che è incontrollata ed è un movimento di un piccolo segmento di un muscolo più grande che può essere visto sotto la pelle.

I muscoli sono strutture complesse che causano il movimento del corpo, ci sono due tipi di muscoli del corpo:

  • muscoli involontari
  • muscoli volontari 

La muscolatura a sua volta si diffrenzia in muscolatura liscia e muscolatura striata.

I muscoli scheletrici sono ancorati alle ossa, direttamente o tramite un tendine. Quando il muscolo si contrae, la struttura associata si muove; questo meccanismo permette di sollevare le braccia, le gambe per correre e il volto per sorridere.

La maggior parte di questi muscoli sono sotto il controllo intenzionale o consapevole del cervello.

La contrazione di un muscolo scheletrico richiede numerosi passaggi all'interno delle cellule e delle fibre che hanno bisogno di ossigeno, elettroliti e glucosio e che sono alimentati dalla circolazione sanguigna.

La muscolatura liscia si trova nelle pareti delle cave strutture interne del corpo (come arterie, intestino, vescica e iride dell'occhio). Questi muscoli sono involontari e sono controllati dalla parte inconscia della nostra funzione cerebrale, che utilizza il sistema nervoso autonomo.

C'è un equilibrio tra il sistema simpatico (nervi adrenergici) e il sistema parasimpatico (nervi colinergici); queste definizioni si basano sul tipo di prodotto chimico che viene utilizzato per trasmettere i segnali a livello delle terminazioni nervose.

L’adrenalina (dal sistema nervoso simpatico) permette al corpo di reagire allo stress.

L'acetilcolina è la sostanza chimica che è l'anti-adrenalina ed è coinvolta nel sistema nervoso parasimpatico.

Una forma particolare di spasmi muscolari sono le distonie come torcicollo e blefarospasmo. Il trattamento può includere farmaci per contribuire a ripristinare i livelli del neurotrasmettitore a iniezioni di Botox normali e di paralizzare il muscolo interessato e alleviare lo spasmo.

Quali sono le cause degli spasmi muscolari?

Esiste una grande varietà di cause e ciascuna dipende da fattori predisponenti, dalla parte del corpo interessata e dall'ambiente.

  • Stanchezza muscolare: Spasmi possono verificarsi quando un muscolo è stanco, o se è stato tenuto nella stessa posizione per un periodo di tempo prolungato. In questi casi succede che la cellula muscolare esaurisce energia e fluidi e diventa ipereccitabile, causando una contrazione forte. Questo spasmo può interessare parte di un muscolo, il muscolo intero, o anche muscoli adiacenti.
  • Intenso esercizio fisico: Fare attività fisica in un ambiente caldo può causare uno spasmo muscolare scheletrico; spesso si nota in atleti che stanno facendo un intenso esercizio fisico in un ambiente caldo. Quando lo spasmo si verifica associato all'esposizione al calore, la condizione è nota anche come “crampi da calore”.
  • Spasmi addominali: possono verificarsi quando una persona fa molto lavoro con i muscoli addominali, come le flessioni.
  • Crampi dello scrittore: Sono crampi alla mano e alle dita causati da un uso prolungato dei piccoli muscoli della mano.
  • Aterosclerosi o restringimento delle arterie (malattia delle arterie periferiche) possono anche portare a spasmi muscolari e crampi, sempre a causa di un insufficiente apporto di sangue e sostanze nutritive che vengono consegnati al muscolo.
  • Spasmi alle gambe e ai polpacci: sono spesso dovuti a esercizio fisico intenso, lunghe camminate. Anche la sindrome delle gambe senza riposo (condizione tipica della fibromialgia, in cui in posizione supina le gambe hanno spasmi continui e si ha necessità di massaggiarle, muoverle in continuazione come per liberarsi da un velo invisibile e fastidioso) può esserne la causa.
  • Spasmi cronici al collo associati a  mal di schiena.
  • Malattie del sistema nervoso, come la sclerosi laterale amiotrofica, sclerosi multipla o lesioni del midollo spinale, possono essere associate a spasmo muscolare.
  • Spasmi della muscolatura liscia come: spasmi e coliche della parete intestinale, spasmi dell’apparato urinario a causa di calcoli renali che cercano di passare attraverso le pareti dell’uretere (che collega il rene alla vescica).
  • I muscoli che circondano l'esofago possono andare in spasmo quando si soffre da esofagite da reflusso o GERD.
  • La diarrea può essere associata a dolore coliche spastiche.
  • I crampi mestruali si verificano quando le pareti dell’utero si contraggono per espellere il sangue accumulato al suo interno.

Quali malattie possono essere associate a spasmi muscolari?

Gli spasmi muscolari inerenti le gambe consistono in crampi notturni agli arti inferiori e sindrome delle gambe senza riposo; si tratta di sintomi considerati disturbi del sonno.

Malattie sistemiche come il diabete, l'anemia (basso numero di globuli rossi), malattie renali, della tiroide e problemi ormonali sono anche potenziali cause di spasmi muscolari.

Malattie del sistema nervoso, come la sclerosi multipla o lesioni del midollo spinale, possono essere associate a spasmo muscolare.

Anche il muscolo liscio della parete intestinale può andare in spasmo, causando ondate di dolore chiamate “coliche”.

Le distonie, invece, sono disturbi del movimento dove i gruppi di muscoli causano torsione e movimenti ripetitivi, portando all'incapacità di avere una postura normale a causa di spasmo muscolare e crampi. I sintomi possono essere molto lievi, inizialmente, ma, via via, possono diventare più frequenti e aggressivi.

Esempi di questo tipo di spasmo muscolare comprendono: torcicolloblefarospasmo (dove c'è incontrollato spasmo degli occhi) e distonia laringea.

Le distonie possono essere causate da agenti chimici anomali o malfunzionamento dei neurotrasmettitori nella parte del cervello chiamata gangli della base. Queste sostanze chimiche (serotonina, dopamina, acetilcolina, GABA e) sono deputate a inviare correttamente i messaggi che iniziano la contrazione muscolare. 

Quali sono i sintomi e segni di spasmi muscolari?

I sintomi degli spasmi muscolari dipendono dai muscoli coinvolti e dalle circostanze che hanno portato fino allo spasmo.

Lo spasmo del muscolo scheletrico di solito coinvolge i muscoli che sono chiamati a fare un lavoro eccessivo.

Quando c'è insorgenza acuta di dolore il muscolo si contrae.

Il più delle volte, lo spasmo si risolve spontaneamente dopo pochi secondi, anche se può durare molti minuti o più a lungo. Di solito, il paziente sente il bisogno di allungare i muscoli coinvolti, sollevando così lo spasmo e risolvendo l'episodio.

Spesso i sintomi vanno e vengono, e possono essere legati allo stress o all'ansia.

L'ingestione di sostanze stimolanti come la caffeina e pseudoefedrina (che si trova in farmaci contro il raffreddore) può anche causare la contrazione. Farmaci come il salbutamolo, utilizzato per il trattamento di asmam e farmaci usati per trattare disturbo da deficit di attenzione possono essere associati a tic. 

Come sono diagnosticati gli spasmi muscolari?

Per gli spasmi muscolari la diagnosi di solito inizia con una storia e un esame fisico. È utile conoscere le circostanze in cui si sono verificati gli spasmi muscolari, ovvero:

  • Quando hanno cominciato a verificarsi?
  • Quanto tempo durano?
  • Con quale frequenza avvengono?
  • E' sempre la stessa zona interessata?

È utile anche comprende se ci sono stati eventuali malattie recenti, se si sono assunte medicine o integratori alimentari.

Oltre alla storia medica possono essere riesaminate cause tra cui il diabete, ipotiroidismo, malattie renali e lesioni del midollo spinale.

Non è da trascurare anche la storia del lavoro svolto o dell’esercizio fisico attuato.

L'esame fisico può essere utile nella ricerca di sottostanti problemi medici che possono risultare d'aiuto nel fare la diagnosi. Per esempio, se il paziente lamenta spasmo muscolare delle gambe, l'esame può includere la palpazione o la percezione degli impulsi nei piedi.

Aterosclerosi o indurimento delle arterie possono essere associati con la perdita del polso arterioso nella estremità coinvolte. Per coloro che hanno il dolore da spasmo della muscolatura liscia, il dolore può essere abbastanza grave da portarli a rivolgersi al pronto soccorso.

L'esame fisico e la storia personale saranno volti alla ricerca della fonte del dolore e, al tempo stesso, nella ricerca del controllo dei sintomi. Per i pazienti con spasmi muscolari ricorrenti, in cui la causa non è facilmente diagnosticata da anamnesi ed esame obiettivo, i test possono essere necessari per dare una direzione da potenziali cause.

Gli esami del sangue possono includere un emocromo completo (CBC) alla ricerca di anemia, elettroliti (soprattutto sodio, potassio, calcio e magnesio), glucosio e creatinina (per controllare la funzionalità renale), può essere valutato anche un test di funzionalità tiroidea.

Come vengono trattati gli spasmi muscolari?

Poiché sono spesso associati con disidratazione e disturbi elettrolitici, è importante mantenere il corpo ben idratato. Se la perdita di liquidi è dovuta a una malattia con febbre o vomito e diarrea, controllare i sintomi vi aiuterà a limitare la perdita di liquidi e prevenire gli spasmi. Allo stesso modo, per coloro che lavorano o fanno esercizio fisico in un ambiente caldo, è importante bere liquidi a sufficienza per mantenersi idratati.

I muscoli devono anche essere preparati per l'attività che essi sono tenuti a fare. Proprio come gli atleti si estendono e si riscaldano prima della partita, i muscoli devono riscaldarsi prima di lavori pesanti o attività fisica che non si è abituati a fare.

Se un grande muscolo scheletrico va in spasmo (spesso indicato come un crampo), il trattamento iniziale è allungare delicatamente il muscolo posteriore in lunghezza, per rompere il ciclo di spasmi e risolvere la situazione acuta.

L'ulteriore trattamento dipenderà dalla causa degli spasmi muscolari. Per i muscoli che sono stati danneggiati o tesi, possono essere somministrati farmaci per il sollievo dal dolore a breve termine, tra cui anti-infiammatori come l'ibuprofene, miorilassanti come la tizanidina, o il tiocolchioside per gli spasmi relativi ai muscoli scheletrici. Il floroglucinolo è per gli spasmi che interessano la muscolatura liscia (esempio colica renale, colica intestinale, dolore mestruale).

La prevenzione è la chiave per gli episodi di spasmi muscolari dovuti a disidratazione e squilibri elettrolitici; pertanto è importante mantenere il corpo ben idratato.

Se la perdita di liquidi è dovuta ad una malattia con febbre o vomito e diarrea, controllare i sintomi aiuterà la perdita di liquidi, limitando e prevenendo gli spasmi.

Allo stesso modo, per chi lavora o esegue un esercizio fisico in un ambiente caldo, è consigliabile bere liquidi a sufficienza per mantenere idratato il corpo.

Per i muscoli che sono stati danneggiati i farmaci possono essere necessari a breve termine per la cura del dolore, tra cui anti-infiammatori (ibuprofene), narcotici e miorilassanti. In tutti i casi il trattamento dello spasmo della muscolatura liscia dipende dalla causa di fondo. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ipercifosi
L'ipercifosi è una condizione patologica che interessa la colonna vertebrale, che consiste in un’accentuazione della normale curva toraci...
Olistesi
L'olistesi è una malattia che riguarda principalmente le vertebre lombari della colonna vertebrale.
Sindrome compartimentale
La sindrome compartimentale è una dolorosa condizione che avviene quando la pressione intramuscolare raggiunge livelli pericolosi.