Cellule epiteliali alte nelle urine, le cause e quando preoccuparsi

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 16 Agosto, 2023

cellule-epiteliali-alte-nelle-urine

Cosa sono le cellule epiteliali e cosa significa quando ci sono le cellule epiteliali nelle urine? 

Un piccolo numero di cellule epiteliali nelle urine è normale perché queste cellule vengono espulse passando nel tratto urinario, in seguito al normale ricambio cellulare. 

Se però il numero di queste cellule supera una certa soglia, è bene indagarne le cause attraverso un test delle urine, per valutare la possibile presenza di infiammazioni, infezioni del tratto urinario, calcoli renali o uretrali, o altre condizioni cliniche che vediamo in questo articolo.

La diagnosi di eventuali condizioni cliniche deve essere fatta da un medico specialista sulla base dei sintomi, della storia clinica e di altri esami che potranno essere prescritti per approfondimento.

Cosa sono le cellule epiteliali

Le cellule epiteliali sono un tipo di cellula che riveste le superfici interne ed esterne del corpo umano, tra cui la pelle, i vasi sanguigni, le ghiandole esocrine ed endocrine, gli organi interni come i polmoni, l'intestino, i reni e il tratto urinario. Le cellule epiteliali hanno la caratteristica di aderire tra loro in modo da formare l'epitelio.

Quale funzione svolgono le cellule epiteliali

L'epitelio è il tessuto epiteliale che protegge gli organi vitali del corpo dall'attacco di agenti patogeni e che regola l'assorbimento dei nutrienti e l'eliminazione delle scorie dall'organismo. 

Le funzioni delle cellule epiteliali sono quelle di protezione, secrezione e assorbimento, a seconda del tipo e della posizione nel corpo.

Nel caso del tratto urinario, le cellule epiteliali rivestono la superficie interna delle vie urinarie, comprese le pareti della vescica e dell'uretra. 

Cellule epiteliali alte nelle urine

Le cellule epiteliali nelle urine provengono dalle vie urinarie, nello specifico dalla superficie delle loro pareti interne. Non rappresentano di per sé un problema di salute, nel limite della norma, anzi la loro presenza è dovuta a processi fisiologici di ricambio cellulare. 

Infatti una caratteristica degli epiteli è proprio la loro attività di rigenerazione, per via del ricambio cellulare. Ecco perché se ne possono trovare in quantità piccole o moderate nelle urine. Queste cellule si staccano naturalmente dal rivestimento e vengono eliminate attraverso le urine (sfaldamento delle cellule epiteliali).

Se ne devono indagare le cause, invece, quando il numero di queste cellule supera un certo limite, diventando elevato. In questo caso si potrebbe trattare di patologie o disturbi delle vie urinarie (infezioni, cistiti, calcoli renali).

È importante sottolineare che la presenza di cellule epiteliali nelle urine non è detto sia il segnale di una malattia, può essere dovuta a lievi irritazioni o anche a fattori esterni, come per esempio un prelievo di campione contaminato durante la raccolta.

Tipologie di cellule epiteliali nelle urine

Esistono diversi tipi di cellule epiteliali nelle urine, a seconda della loro origine, forma, dimensione e aspetto.

Le cellule epiteliali nelle urine possono essere di tre tipi: 

  • cellule epiteliali squamose o pavimentose: le più grandi e piatte di forma allungata e irregolare, originarie dall'uretra e dalla vagina o dai genitali esterni. Un numero elevato di queste cellule può significare una contaminazione del campione durante la raccolta o l'infiammazione della parte esterna dell'uretra
  • tubulari renali o cellule renali: originano dai tubuli renali e un numero elevato può significare la presenza di un disturbo renale da approfondire con opportuni esami
  • cellule epiteliali transizionali hanno diverse forme, ricoprono le pelvi, e possono indicare un problema alla vescica. 

Le cellule epiteliali squamose sono solitamente presenti nelle urine in piccole quantità, senza significare alcuna condizione clinica particolare. Un elevato numero può manifestarsi a causa di un'infezione delle vie urinarie o di una lesione. Ma può anche essere dovuto alla contaminazione del campione di urina.

Per valutare la presenza di cellule epiteliali nelle urine, si può eseguire un esame delle urine.

Esami delle urine e cellule epiteliali 

L'esame delle urine è un esame diagnostico che può far parte di un normale check-up oppure essere prescritto appositamente dal medico per valutare eventuali patologie delle vie urinarie. 

La presenza di cellule epiteliali alte nelle urine viene diagnosticata attraverso un test che misura le diverse sostanze presenti nella pipì (si analizza il sedimento urinario che si deposita sul fondo del campione, dopo esser stato sottoposto alla centrifuga), avvalendosi dell'osservazione al microscopio del campione di urine raccolto al mattino. 

L'esame, che viene anche definito 'analisi microscopica delle urine', 'esame microscopico delle urine', 'test delle urine', ha l'obiettivo di individuare possibili cellule, batteri, cristalli o altri elementi presenti nella pipì. Le cellule epiteliali possono essere identificate in base alla loro forma e al loro aspetto.

Sono tre i possibili risultati del test:

  • cellule rare (risultati normali)
  • cellule moderate (può indicare una condizione medica che è meglio approfondire se in presenza di altri sintomi)
  • cellule numerose.

Se dall'indagine ne emerge un numero elevato (superiore alla quantità compresa tra 0 e 20 n /uL)., il medico prescriverà altri esami per scoprirne la causa: esami del sangue, test di funzionalità renale, analisi di imaging come ecografie o TAC.

Tuttavia per inquadrare al meglio la condizione clinica, in presenza delle cellule epiteliali nelle urine, è necessario considerare anche fattori come la presenza eccessiva di altre cellule, globuli bianchi (leucociti), globuli rossi (eritrociti), batteri o sangue nelle urine. 

Come premesso, gli esami possono essere un controllo di routine oppure prescritti dal medico in presenza di alcuni sintomi, tra i quali:

  • Dolore / bruciore durante la minzione
  • Aumento della frequenza urinaria
  • Sangue nelle urine (ematuria)
  • Dolore pelvico, addominale e alla schiena
  • Difficoltà nella minzione (disuria).

Se si manifestano questi sintomi, si consiglia di affidarsi al medico per una diagnosi precisa finalizzata a scoprire le cause dei disturbi.

Cause delle cellule epiteliali alte nelle urine

Si deve tener conto di diverse possibili cause dell'elevata presenza di cellule epiteliali nelle urine. In alcuni casi si tratta solo di una lieve irritazione vescicale o delle vie urinarie.

Altre cause comprendono: 

  • Malattie e infezioni del tratto urinario, una delle cause più comuni dell'elevata presenza di cellule epiteliali nelle urine è spesso associata a infezioni delle vie urinarie, come la cistite, cistite interstiziale, infezione renale, l'uretrite. L'infezione può causare infiammazione e danni alle cellule del tratto urinario, che possono staccarsi e finire nelle urine. Tra i sintomi, il bisogno frequente o urgente di urinare, dolore o bruciore durante la minzione, urina torbida o dal cattivo odore, presenza di sangue nelle urine, dolore nella parte bassa dell'addome.
  • Calcoli renali e malattie come la pielonefrite o la nefrite.
  • Malattie epatiche che possono comprendere diverse forme, correlate all'alcol; epatite; emocromatosi; cirrosi biliare primitiva.
  • Infezione da lievito causata dal fungo Candida Albicans. I livelli oscillanti di ormoni o l'assunzione di antibiotici possono alterare l'equilibrio dei batteri nella vagina, quindi il lievito può crescere in modo anormale e causare un'infezione. Tra i sintomi, prurito o dolore nella zona vaginale; dolore o bruciore durante la minzione o il rapporto sessuale.
  • Traumi o lesioni alle vie urinarie, come quelli causati da un incidente o da un intervento chirurgico.
  • Tumori delle vie urinarie.

Fattori di rischio che comportano un elevato numero di cellule epiteliali nelle urine sono:

  • sistema immunitario indebolito
  • diabete
  • ipertensione arteriosa
  • malattia renale cronica
  • prostata ingrossata
  • gravidanza.

Trattamenti

Il trattamento è legato alla causa scatenante del numero anomalo di cellule epiteliali. La cause legate a infezioni batteriche verranno trattate con antibiotici e antinfiammatori, per smorzare gli effetti dell'infezione delle vie urinarie. Mentre le cause virali, con i farmaci antivirali. In tutti gli altri casi, il medico adotterà la terapia più appropriata.

È bene anche adottare misure di altro tipo, che hanno a che vedere con lo stile di vita e con le abitudini alimentari, come bere più acqua, ridurre o eliminare l'alcol, il fumo, fare attività fisica e scegliere una dieta più adatta alla propria condizione. Fattori questi, che giocano sempre a favore. 

Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr.ssa Emiliana Meleo
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Salute

576 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Emiliana Meleo
Contenuti correlati
Tumore alla vescica: Sintomi, Diagnosi e Cure
Tumore alla vescica: come riconoscerlo in tempo

Riconoscere in tempo un Tumore alla Vescica: come? A darci delle Indicazioni sui Sintomi e sulle ultime cure, la dr.ssa Roberta Gunelli, specialista in urologia, presidente di AURO.