Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Come Va Assunta La Pillola Anticoncezionale

Come va assunta la pillola anticoncezionale?

Vorrei cominciare a prendere la pillola, ma non so come fare: ci sono delle regole e delle controindicazioni da seguire?

L'efficacia e quindi la sicurezza della pillola contraccettiva o anticoncezionale dipende sostanzialmente dalla corretta assunzione da parte della donna e dall’osservanza di alcune regole fondamentali che ho cercato di riassumerti in alcuni punti cardine.

Il primo mese, assumi la pillola dal 1° giorno del ciclo, indicativamente alla stessa ora; poi, nei mesi successivi, attieniti allo schema indicato nel blister. Se dimentichi di prendere la pillola e sono passate meno di 12 ore, assumi la pillola dimenticata, in questo caso, non vi sono rischi; se invece la dimentichi e sono passate più di 12 ore, assumi la pillola dimenticata, ma proteggi i rapporti successivi per almeno 7 giorni o fino alla fine del blister.

Se si verifica vomito o diarrea dopo 4 ore dall'assunzione della pillola, non occorre assumerne altre, non vi sono rischi, ma se si verifica vomito o diarrea prima di 4 ore dall'assunzione della pillola, assumine un’altra e proteggi i rapporti successivi per almeno 7 giorni.

Se assumi altri farmaci, controlla sul foglio illustrativo possibili interazioni che riducano l’efficacia contraccettiva. Durante i primi 2-3 mesi di assunzione della pillola, può verificarsi uno spotting, cioè perdita di sangue: non allarmarti, è un fenomeno che può succedere.

Se lo spotting persiste oltre i primi 3 mesi, parlane con il tuo ginecologo per un'eventuale sostituzione della pillola. Non fumare: il fumo può far aumentare lo spotting, inoltre, se hai più di 35 anni vi è un aumento di rischio tromboembolico. Esegui il controllo annuale dal tuo ginecologo con l'esecuzione di un pap test ed ecografia mammaria.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Marcello Sergio
Dr. Marcello Sergio
Roma - Via R. Malatesta, 326
Risposte simili
Irsutismo: di cosa si tratta?
Per irsutismo, si intende una condizione caratterizzata dall’anomala presenza di peluria terminale (grossa, ruvida e pigmentata che prima della pubertà è presente solo a livello...
Prolattina alta: quali sono le cause e le conseguenze?
Buongiorno,la prolattina è un ormone, normalmente prodotto dall'ipofisi, che ha la funzione di stimolare la produzione di latte nelle donne dopo la gravidanza...
Isterectomia: che cos'è?
L'isterectomia è l'asportazione chirurgica dell'utero. L'isterectomia è indicata quando la patologia uterina o quella di strutture vicine (come le ovaie) non permette...
Altre risposte di questo specialista
Condilomi: si può cauterizzare il tessuto con crioterapia?
Sarebbe bene evidenziare i condilomi con acido acetico per poi fare il trattamento fisico (radiofrequenza o laser o crioterapia) sotto visione...
Mioma: che cos'è e come viene trattato?
Il mioma o fibroma uterino è un tumore benigno dell’utero, rappresentato da tessuto muscolare.È una patologia molto frequente nelle donne e...
Prolasso della vescica: quali sono le cause?
Le cause del prolasso della vescica di tua madre possono dipendere da un fattore genetico, dal numero delle gravidanze e dei parti,...
Infezione da Ureaplasma urealyticum: causa infertilità?
Buongiorno,l’infezione da Ureaplasma urealyticum riguarda il complesso gruppo di uretriti non gonococciche (UNG) che si possono presentare sia nel sesso femminile che in quello...
Febbre in gravidanza: è pericolosa?
La febbre non rappresenta un problema in gravidanza: la febbre è infatti un meccanismo di difesa dell’organismo, perché al di sopra dei 37,5°C...
Vedi tutte
Sai che su Pazienti.it puoi trovare sconti per prestazioni mediche? Scopri di più