Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Emiplegia Braccia E Gambe Tempo

Cosa fare per emiplegia a braccia e gambe?

Dopo 17 mesi, ho ancora emiplegia a braccia e gambe, cosa posso fare per risolvere questa situazione? Grazie mille.

Emiplegia: emi significa metà e plegé vuol dire colpo. Hai subito un colpo. Per caso, hai subito un ictus?

Diciassette mesi sono pochi. L’emiplegia è dovuta ad un danno cerebrale. Questo danno causa la paralisi di una metà del corpo, può interessare la metà destra o sinistra del nostro corpo, a seconda se è colpito l’emisfero cerebrale di sinistra (dominante) o di destra. In ogni caso, c'è bisogno di una riabilitazione particolare e di qualità.

Il nostro cervello è una bellissima centrale elettrica da cui partono ed arrivano impulsi (informazioni) tramite i neuroni. Il danno cerebrale quindi impedisce l’arrivo e la partenza di informazioni ai nostri vari organi tra cui i muscoli.

Il danno al cervello può essere causato o da una rottura o da un'occlusione di un vaso. In entrambi i casi, la parte del cervello interessata non riceve più sostanze nutritive. Le cellule che compongono l'area interessata muoiono. D'altra parte, non esistono circoli (arterie o vene) di compenso perché le arterie cerebrali, tranne quelle del poligono di Willis, alla base del cervello dove sfociano le arterie carotidi e le vertebrali, sono terminali. Perciò, la morte delle cellule (neuroni) è sicura.

C’è una differenza enorme tra emiplegia destra e sinistra. Entrambe sono accomunate dalla paralisi muscolare e dalla spasticità ovvero dal tono dei muscoli. I muscoli si presentano rigidi ancor di più durante il tentativo di muoversi. L'emiplegico ha la mano chiusa, il gomito flesso, il braccio attaccato al petto e la gamba rigida. Devi perciò combattere l’ipertono e la spasticità tramite un programma di riabilitazione specifico.

Ancor di più se è incriminato l’emisfero di sinistra. Devi migliorare l’attenzione, pianificare dove è possibile il movimento e la percezione. Infatti, un semplice passo è fatto da un insieme di processi incredibili: ricordi, calcolo, attenzione, previsioni. In gergo, si chiamano processi cognitivi che bisogna recuperare quanto più è possibile. Basta poco per recuperare una miglior qualità della vita. 

Infine, il recupero non è un arcobaleno che di solito viene dopo il temporale o la minaccia di esso. Molto dipende da te. Il recupero è un sacrificio quotidiano. Guai ad arrendersi. Ce la devi mettere tutta, ma proprio tutta. Ti raccomando perciò di affidarti ad uno specialista che possa seguiti nel tempo.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Aniello Cusati
Dr. Aniello Cusati
Bergamo - Via Vinola
Risposte simili
Dolore alla cervicale: che cura seguire?
L'infiammazione alla cervicale può dipendere da tante cause: tra le più frequenti, soprattutto tra i giovani, ci sono le protrusioni discali, negli anziani...
Spalla in avanti e scapola in fuori: è scoliosi?
La scapola in fuori non è necessariamente solo sintomo di scoliosi. Ha ragione il tuo medico. Fai una visita fisiatrica. ...
Periartrite: quale farmaco assumere?
Salve,periartrite? Hai fatto un'ecografia? Ci sono calcificazioni, immagino, o usura dei tendini della cuffia dei rotatori (in gergo entesopatia)? Nessun farmaco,
Altre risposte di questo specialista
Prevenzione ictus ischemico: che cure seguire?
Studi di provata evidenza scientifica dimostrano che la tollerabilità del Clopidogrel è sovrapponibile a quello dell’acido acetilsalicilico (ASA).Anzi, gli effetti collaterali gastrointestinali, dermatologici...
Cefalea a grappolo: come si cura?
Non esiste alcuna cura per la cefalea a grappolo. La terapia serve a diminuire la gravità del dolore e la durata dei grappoli di...
Cidp: cos'è?
Sinteticamente: CDIP = polineuropatia [poli=molti] demielinizzante infiammatoria cronica. Sono colpiti i neuroni della sensibilità e della motilità [sensitivo-motoria]. La malattia è cronica e...
Torpore alla testa e cedimento: di cosa si potrebbe trattare
Privato? Non esiste. Il Servizio Sanitario Nazionale deve prendersi cura di te. Il tuo medico di famiglia ha tutte le armi per evitare le tagliole...
Mal di testa durante l'allattamento: cosa fare?
Innanzitutto, congratulazioni per il bebè.Emicrania durante l’allattamento? Prima del concepimento ne soffrivi già?Prima di tutto, facciamo una controllatina dell'anemia. Se i valori...
Vedi tutte