Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Ipertrofia Papillare

È possibile che un'ipertrofia papillare porti a gonfiore alle palpebre?

Salve, ho 31 anni e ho sempre portato lenti a contatto mensili dall'età di 15 anni. Quattro mesi fa, l'oculista mi ha detto di sospendere le lenti a contatto (nonostante le usassi molto poco in quel periodo) perché sto sviluppando un'intolleranza alle stesse, che mi ha provocato ipertrofia papillare congiuntiva tarsale, su entrambi gli occhi. Mi ha prescritto Fluaton collirio, più le lacrime artificiali per 7 giorni. Dopo un mese e mezzo, ho ripreso saltuariamente con lenti a contatto giornaliere (su indicazione del medico) che dopo un mesetto mi davano secchezza, ho sospeso nuovamente e l'oculista ha riscontrato sempre ipertrofia papillare, prescrivendomi solo lacrime artificiali Artelac complete per un mese. È da 12 giorni che metto Artelac, ma percepisco molta stanchezza agli occhi, li sento sempre indolenziti, anche dopo un'ora di computer (lavoro al computer) e da 4 giorni sento l'occhio sinistro strano, come sensazione di appannamento, pur vedendoci bene. É possibile che questa ipertrofia porti del gonfiore nella palpebra e quindi percepisca stranamente l'occhio sinistro? Non so se sospendere con le gocce, se ne sono la causa. Fluaton collirio questa volta non mi è stato prescritto. Grazie.

La congiuntivite micro/gigantopapillare tarsale da lenti a contatto può essere dovuta a:
  • disturbo della secrezione lacrimale (Dry Eye oppure sindrome del discomfort oculare: da evidenziare coi test opportuni);
  • monomero rilasciato dal polimero delle lenti a contatto, con reazione locale.
In entrambi i casi, il trattamento prevede:
  • sospensione dell'uso di lenti a contatto per 3/6 mesi;
  • lacrime artificiali senza conservanti 2/4 volte die per tutto il periodo e prosecuzione dell'uso anche successivamente con lenti a contatto nuovamente indossate.
Schema di terapia desensibilizzante:
  • acido spaglumico collirio senza conservante (aBAC)- Naaxia 2 volte die per 6-12 mesi;
  • collirio steroideo idrosolubile (desametasone: azione per contatto, bassa penetrazione intraoculare) gocce 2 volte al di in OO per 3 settimane; 
  • diluire il collirio al 50% con soluzione fisiologica sterile, gocce 2 volte al dì per 3 settimane;
  • controllo dell'oftalmotono a 6 settimane;
  • diluire ancora il collirio al 75% (25 parti di collirio, 75 parti di soluzione fisiologica) gocce 2 volte al dì per almeno altre 3 settimane (o più, se l'oftalmotono si mantiene inalterato, cioè se sei un soggetto steroide-non-responder);
  • cambia il materiale delle lenti a contatto; 
  • abbandona il silicone, usando preferibilmente usa/getta (daily) ad altissimo contenuto di acqua; 
  • prova marche e tipologie diverse e verifica l'adattamento soggettivo.
Prosegua i controlli presso l'oculista di fiducia (Medico Oftalmologo Specializzato, non ottico commerciante), mostrandogli questa risposta e chiedendo se la condivide; in ogni caso, seguine le prescrizioni.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Pier Enrico Gallenga
Dr. Pier Enrico Gallenga
(0)
Pescara - Viale Giovanni Bovio, 275
Altre risposte di questo specialista
Ialutim: cosa assumere al suo posto?
Un'associazione beta-bloccante + inibitore dell'anidrasi carbonica (CAI) alternativa al Cosopt è l'Azarga collirio, 2 volte al dì, avendo durata di efficacia di...
Herpes zoster all'occhio: come si può curare?
Buongiorno,se pensi che l'eruzione da herpes zoster si chiama 'fuoco di Sant'Antonio', realizzi subito che la reinfezione tardiva in VI-VIII decade dopo una...
Quadrantopsia: a chi rivolgersi?
Buongiorno, tutti gli ottimi medici che hanno raccolto la tua anamnesi e sintomatologia, programmato e valutato gli esami necessari per raggiungere una...
Collirio Xiidra: a chi rivolgersi per proporsi come volontario?
Gentile Signora, la sindrome di Sjogren si inquadra nell'artrite reumatoide come patologia autoimmune che aggredisce le ghiandole che...
Ulcera dell'occhio piena di pus: che rischi si corrono?
Se la tua descrizione è corretta (''troppo piena'' non vuol dire niente: il pus o c'è o non c'è) è molto grave. Non perdere tempo...
Vedi tutte

Risposte simili

Occhio pigro: cos'è?
L'occhio pigro è un disturbo visivo tipico dell'infanzia. Il bimbo usa maggiormente l'occhio che gli fornisce la visione migliore, penalizzando quello più debole (
Lesione retinica: è grave?
Comprendo la tua preoccupazione. La retina è la parte “nobile” dell`occhio. Per farti capire meglio le mie parole, potrebbe essere paragonata ad una pellicola fotografica...
Cisti sulla palpebra: in cosa consiste l'intervento per rimuoverla?
Ti spiego brevemente quali sono i tipi di cisti di cui parli. Le cisti palpebrali sono generalmente 3: ...