Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Miastenia Crisi Respiratorie

Cosa fare per le crisi respiratorie dovute a miastenia?

Buongiorno, mia madre ha 80 anni. É sempre stata una persona attiva e totalmente autonoma, ma 2 settimane fa è stata ricoverata urgentemente e, dopo alcune verifiche, é stata confermata la miastenia ed é stata curata con Mestinon. Da 2 giorni é a casa e prende 4 pastiglie di Mestinon 60 alle ore 8, 12, 16, 20. Anche in ospedale però aveva soventi crisi di respirazione della durata di 15-20 minuti. Con le medicine, la palpebra si alza e la voce migliora, ma rimane tanta stanchezza, tanto da riuscire solo ad alzarsi dal letto e fare pochi passi, non molto di più. L'affanno arriva 3-4 volte al giorno e spesso si trasforma in "fame d'aria": mia madre dice di sentire oppressione intorno alla testa, molto caldo e mancanza di fiato, come se affogasse. Queste crisi sono veramente sconvolgenti per lei e per chi é attorno che si sente inerme. Passano così come sono arrivate, ma solo se messa seduta. Noi figli vorremmo capire se possiamo fare qualcosa negli attimi di crisi respiratoria e se c'è qualche farmaco immediato. Ringrazio anticipatamente per il tempo che vorrete dedicarmi. Saluti.

I farmaci "immediati" per crisi respiratorie sono essenzialmente i broncodilatatori, ma in questo caso sarebbero utili se le crisi fossero attacchi di asma; nel caso di tua madre, se i sanitari lo ritengono opportuno, potrebbe essere utile dell'ossigenoterapia.

Per valutare l'ossigenazione, sarebbe opportuno effettuare, da parte dei sanitari nei momenti di crisi, un'emogasanalisi.

La fame d'aria potrebbe essere dovuta o ad un'insufficiente risposta alla terapia di base, con debolezza dei muscoli respiratori, o ad altre cause, ad esempio di origine cardiaca. Talora bisogna però far attenzione, una volta escluse le cause appena elencate, i sintomi descritti potrebbero anche essere legati ad elevazione della quota ansiosa, attacchi di panico. In ogni caso, una "crisi" respiratoria in un miastenico è un fatto da tenere sotto stretto controllo medico. 

Cordialità
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr.ssa Giovanna Bellini
Dr.ssa Giovanna Bellini
Livorno - Viale Alfieri
Risposte simili
Idrocefalo nel bambino: che cosa significa?
L'idrocefalo è determinato da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor nelle cavità cerebrali denominate ventricoli. Ciascun individuo produce normalmente tale liquido all’interno dei...
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...
Altre risposte di questo specialista
Paresi improvvisa ad un braccio: cosa fare?
La rachicentesi e l'elettromiografia con velocità di conduzione possono essere derimenti, fatta la diagnosi ad esempio nelle CIDP le terapia sono su base...
Mal di testa e vertigini: quali sono le cause?
I sintomi e la durata sono aspecifici e non derimenti, per quanto si possa rispondere con queste poche notizie anamnestiche va valutata l'eventuale presenza di...
Paralisi periferica del nervo facciale: si può recuperare?
I neurinomi del VII nascono a diversa localizzazione, intratemporali ed extracranici, i più frequenti, ed i neurinomi intracranici molto rari. Originano dalle cellule di...
Febbre e mal di testa: cosa può essere?
Un mal di testa come quello che descrivi è compatibile con la situazione di base di tuo padre, la febbre, inoltre, l'astinenza dal...
Referto TAC cerebrale: cosa significa?
È opportuno approfondire con una risonanza magnetica cerebrale e un'angioRMN dei vasi intracranici per capire se si tratta di un angioma venoso in sede parietale...
Vedi tutte
Sai che su Pazienti.it puoi trovare sconti per prestazioni mediche? Scopri di più