Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Nel Caso In Cui Un Bambino Abbia Un Emangioma Nella Zona Giugulare Di Colore Rosso Porpora E Spesso Qual E La Terapia Indicata

Come comportarsi in caso di emangioma in un bambino?

Mio figlio ha un emangioma nella zona giugulare di colore rosso porpora e spesso: la laserterapia è la terapia più indicata in questi casi?

L’emangioma è uno dei tumori benigni più frequenti nell’infanzia e la sua prevalenza nella popolazione generale è stimata tra il 5 ed il 10%.

Nella gran parte dei casi, si tratta di lesioni singole, di piccole dimensioni, variamente localizzate sulla cute e più raramente con interessamento viscerale.

La diagnosi di emangioma infantile è facilitata dalla storia clinica che prevede nella maggior parte dei casi l’assenza alla nascita e lo sviluppo post natale. Nella fase di crescita nelle prime settimane di vita, si assiste ad un rapido sviluppo dell’emangioma seguito poi dalla stabilizzazione ed infine dalla regressione che avviene nell’arco di alcuni anni, caratterizzata da segni clinici quali lo sbiancamento della porzione centrale e il collasso della componente sottocutanea.

Fino a poco tempo fa, i trattamenti principali per gli emangiomi complicati comprendevano gli steroidi sistemici, la Vincristina, l’Interferon alfa, la terapia chirurgica e la laserterapia.

Prevalentemente, si utilizzavano gli steroidi sistemici a dosaggi elevati, in anni recenti fortunatamente il panorama della terapia dell’emangioma infantile si è completamente rivoluzionato grazie all’osservazione dell’efficacia del Propranololo.

Dalla prima segnalazione del 2008 ad oggi, sono stati pubblicati numerosi lavori che hanno confermato l’efficacia e la rapidità d’azione del Propranololo, che è divenuto un trattamento di prima scelta sia in Italia che all’estero; tuttavia, sono anche emersi i possibili rischi ed effetti collaterali, rendendo necessari protocolli univoci e formulazioni specifiche ad uso pediatrico.

Se tuo figlio è molto piccolo, è bene aspettare e valutare una possibile regressione; un dermatologo potrà aiutarti nella scelta della terapia più appropriata che non necessariamente è la laserterapia. 
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Marco Gigantesco
Dr. Marco Gigantesco
Livorno - VIA MONTEBELLO, 102
Risposte simili
Intervento post ustione: quanto tempo deve passare?
Le cicatrici generalmente si attenuano con il passare del tempo, per cui è meglio aspettare che la cicatrice si stabilizzi prima di programmare un intervento...
Gradi delle ustioni: come vengono definiti?
Si distingue tra ustioni superficiali e profonde: le prime sono epidermiche e guariscono autonomamente, mentre le seconde possono compromettere la sopravvivenza del paziente e in...
Ustioni in un bambino: come sapere se stanno guarendo bene?
Le ustioni sono il risultato di un contatto con agenti termici o chimici. La conseguenza è un danno ai tessuti cutanei, con gravità progressiva,...
Altre risposte di questo specialista
Ittiolo: potrebbe far guarire un foruncolo?
Sì, l'ittiolo può essere utilizzato per far guarire foruncoli.Un saluto
Prurito e macchia rossa: cosa potrebbe essere?
Difficilmente si tratta di fuoco di Sant'Antonio che si presenta con differenti caratteristiche.
Referto esame istologico di un neo: come si interpreta?
Si tratta di una forma di neoplasia che necessita di essere seguita accuratamente. Il mio consiglio è di rivolgerti ad un servizio di oncologia dermatologica. 
Colore dei capelli: da che cosa dipende?
Il colore dei capelli è determinato dal tipo di pigmentazione melanica e dalla sua concentrazione.
Peluria dei bambini: può essere trattata?
Occorre valutare caso per caso, occorre stabilire se si tratta di una ipertricosi isolata o se si tratta ad esempio di una pubertà precoce. Il...
Vedi tutte