Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Tumore Benigno

Tumore benigno

Tumore benigno
Curatore scientifico
Dr. Carlo Pastore
Specialità del contenuto
Oncologia

Cos'è

I tumori benigni corrispondono sostanzialmente a una crescita eccessiva di cellule che possono provocare la formazione di masse cellulari anche molto grandi.

Inoltre, sono considerati tumori benigni anche:
Sebbene i tumori benigni non siano di grave entità come i tumori maligni, è di fondamentale importanza tenerli sempre sotto controllo. 

Infatti i tumori benigni talvolta possono secernere ormoni che alterano la salute, ma anche accrescendosi distruggere i tessuti e le ossa e compromettere il funzionamento di organi associati. 

Differenza tra tumore benigno e maligno

Innanzitutto, è importante definire cosa non è un tumore benigno.

Un tumore benigno non è un cancro (e quindi un tumore maligno), perché è caratterizzato dalla crescita anomala di diverse cellule che danno luogo a masse caratterizzate da una dimensione ben delineata, delle stesse caratteristiche del tessuto da cui si sono originate.

Questo significa che i tumori benigni non causano metastasi e non invadono gli organi circostanti, come fanno invece i tumori maligni

In generale, i tumori benigni differiscono dal cancro perché:
  • costituiscono un problema di salute meno grave;
  • possono essere rimossi se causano disagio fisico o di tipo estetico;
  • possono essere rimossi completamente. 
Un'altra differenza tra tumore benigno e maligno consiste nel fatto che, una volta asportato, il tumore benigno non si ripresenta, al contrario del cancro (a patto che sia stato escisso senza residuo).

Inoltre, mentre i tumori maligni crescono molto velocemente, quelli benigni sono caratterizzati da una crescita molto lenta e spesso latente.

Differenza tra cancro e tumore

Il tumore può essere quindi di due tipologie: benigno e maligno. Ciò che accomuna queste due formazioni è proprio la parola “tumore”, che deriva dal latino tumor, ossia gonfiore o rigonfiamento.

Con il termine cancro invece, si intendono tutti i tumori maligni. Per esempio, il melanoma è un cancro molto pericoloso perché, sebbene generalmente non provoca danni importanti alla pelle, alle volte può raggiungere i vasi sanguigni e linfatici determinando la crescita di masse tumorali in tutto l’organismo.

Tra i più comuni tipi di cancro è possibile trovare:
I tumori maligni possono inoltre differenziarsi per tipologia di tessuto da cui prendono origine. Per esempio, sono tumori maligni:
  • carcinomi, che coinvolgono i tessuti epiteliali;
  • sarcomi, che si originano all’interno dei tessuti molli, come vasi sanguigni, muscoli, grasso corporeo e nervi;
  • leucemia, un cancro del sangue.
Infine, un altro termine molto utilizzato per indicare un tumore è “neoplasia”, che deriva dal greco e significa “nuova formazione”. 

La neoplasia può essere sia di tipo benigno che maligno e infatti è utilizzato come sinonimo di tumore. 

Un tumore benigno può diventare maligno?

Sebbene i tumori benigni non siano gravi come i tumori maligni non devono tuttavia essere sottovalutati, non solo perché possono provocare degli scompensi in tutto l’organismo, ma anche perché alcune tipologie possono trasformarsi in cancro.

È il caso del tumore al colon-retto che si può sviluppare da polipi benigni dell’intestino. Tali polipi hanno origine dalla mucosa e crescono in maniera molto lenta. 

Raggiunte adeguate dimensioni ed assommando mutazioni cellulari possono trasformarsi in tumore maligno.

Secondo recenti ricerche una donna con cisti benigne al seno può avere un rischio più alto di sviluppare un cancro alla mammella in futuro. 

Questa evoluzione un tempo era ritenuta scontata, ma al giorno d’oggi è stato possibile verificare che cisti e cancro al seno si sviluppano in modo indipendente.

In modo analogo, in passato si pensava che ad un ingrossamento della prostata seguisse sempre lo sviluppo di un cancro a quest'organo

Questa ipotesi è stata largamente smentita da specifiche prove scientifiche.

I soggetti affetti da tumori benigni con un’alta possibilità di evoluzione in cancro devono sottoporsi spesso a controllo periodici, adottare uno stile di vita di tipo precauzionale per evitare l’innesco dello sviluppo oppure rimuovere il tumore benigno in modo chirurgico. 

Sintomi

Anche se non sono indice di una situazione pericolosa, i sintomi del tumore benigno possono causare alcuni disturbi. I segni dei tumori benigni, tuttavia, dipendono anche da dove sia localizzato.

Essi includono:
  • Secrezione eccessiva di alcune sostanze, se il tumore benigno ha origine in una ghiandola
  • Compressione dei vasi sanguigni, nel caso il tumore sia localizzato nelle loro vicinanze, o di qualsiasi organo in prossimità del quale è ubicato il tumore benigno; ciò determina dolore e indolenzimento nel paziente.

Tumore benigno al cervello

I tumori di tipo benigno al cervello costituiscono un problema di grave entità, in quanto la loro formazione e crescita è ostacolata dalla scatola cranica.

La compressione che ne deriva può provocare forti mal di testa, ma anche convulsioni e disturbo di equilibrio, dell’udito, della vista e dell’olfatto, oltre a problemi di memoria, concentrazione e linguaggio.

I tumori benigni al cervello sono quindi una delle forme più gravi e devono necessariamente essere rimosse per evitare sintomatologie invalidanti.

Tumore benigno al seno

La maggior parte dei noduli mammari sono benigni, il che significa che non si tratta di tumori maligni o cancerosi. Il tumore benigno del seno di solito presenta bordi lisci e spesso si trova in entrambi i seni.

Esistono diverse cause di tumore benigno al seno, compresi i normali cambiamenti nel tessuto mammario che si verificano tutta la vita di una donna, le infezioni del seno, o le lesioni.

I fibroadenomi sono i noduli benigni più comuni. Al tatto, risultano solidi e rotondi, ossia dei grumi gommosi che si muovono liberamente.

Anche i mutamenti fibrocistici, ossia i cambiamenti negli ormoni durante i cicli mestruali, possono creare cambiamenti nel seno. Questi sono noti come cambiamenti fibrocistici del seno. 

Tumore benigno allo stomaco

I più comuni tumori benigni allo stomaco sono i polipi (tumori epiteliali) e costituiscono il 75% di tutti i tumori benigni allo stomaco.

Gli altri comuni tumori benigni dello stomaco sono leiomiomi. Nel duodeno, la lesione benigna più comune è l'adenoma, inclusi gli adenomi della ghiandola di Brunner, seguiti da leiomiomi e lipomi.

Tumore benigno alla pelle

Le cisti e i tumori benigni della pelle sono problemi dermatologici che a volte causano dolore. 

Le cisti della pelle sono tasche chiuse non cancerose o sacche di tessuto che vengono riempiti con liquido o altro materiale. Al tatto risultano come piccoli piselli al di sotto della superficie della pelle e di solito si sentono liscia e rotolare sotto la pelle quando la pressione viene applicata a loro. 

I tumori della pelle sono escrescenze anormali del tessuto che può essere maligno (canceroso) o benigno (innocuo). I tumori della pelle diventano estremamente comuni quando le persone invecchiano.

Alcuni tumori benigni comuni includono:
  • Verruche – Tumore della pelle risultante da un virus
  • Cheratosi seborroiche – Escrescenze sulla pelle che vanno dal colore chiaro della pelle al marrone scuro
  • Nevi – Escrescenze della pelle come nei o voglie
  • Dermatofibromi – Tessuto cicatriziale da un vecchio morso di insetto o lesione da acne
  • Lipomi – Grasso normale in una posizione anormale, più spesso da una lesione traumatica

Tumore benigno al rene

Un tumore benigno al rene è una crescita che non si diffonde (metastasi) ad altre parti del corpo. I tumori non cancerosi non pongono solitamente in pericolo di vita. 

Essi sono tipicamente rimossi con la chirurgia e di solito non tornare indietro (recidiva).

Una condizione non cancerosa del rene è un cambiamento di cellule renali, ma non si tratta di un cancro. Le condizioni non cancerose non si diffondono ad altre parti del corpo e pongono dunque il paziente a rischio di vita.

Tumore benigno al polmone

Un tumore benigno al polmone si presenta sotto forma di nodulo, ossia di "macchia sul polmone", visto su una radiografia o tomografia computerizzata (CT) scansione. 

Infatti, un nodulo si manifesta su circa uno ogni 500 radiografie toraciche. Normale tessuto polmonare circonda questo piccolo rotondo o ovale solida crescita di tessuto. 

Può essere un nodulo polmonare singolo o solitario. Oppure, si può avere noduli multipli.

Il nodulo polmonare è più probabile che sia benigno se:
  • Si hanno meno di 40 anni
  • Non si è fumatori
  • Il nodulo contiene calcio
  • Il nodulo è di piccole dimensioni
  • Un tumore polmonare benigno è una crescita anomala del tessuto che non serve a nulla e si trova a non essere canceroso. Tumori polmonari benigni possono crescere da molte strutture diverse del polmone.
Determinare se un nodulo è un tumore benigno o una fase precoce del cancro è molto importante. Questo perché la diagnosi precoce e il trattamento del cancro ai polmoni può migliorare notevolmente la vostra sopravvivenza.

Trattamento

Il trattamento per il tumore benigno in molti casi non è necessari.

I tumori benigni, infatti, devono essere trattati solo in presenza di un rischio di degenerazione o se il paziente sperimenta dei disturbi correlati. In queste circostanze, la loro rimozione a livello chirurgico costituisce la cura definitiva. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Tumori germinali
Anche le cellule germinali, come tutte le altre cellule dell’organismo, possono subire delle profonde alterazioni che portano allo svilup...
Teratomi
Il teratoma è un tumore embrionale diffuso, di solito, nelle ovaie e nei testicoli rispettivamente di donne e uomini. 
Tumore alle cellule di Sertoli-Leydig
Le cellule di Leydig, dette anche cellule endocrine interstiziali di Leydig, sono site nello stroma, tra i tubuli seminiferi dei testicol...