Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Prurigo Nodularis Cure Alternative

Come può curare il prurigo nodularis una donna di 60 anni?

Mia moglie di anni 60, da circa 5 anni ha la prurigo nodularis, ultime cure effettuata con bagni di creme al cortisone e fototerapia, ben 3 cicli di 7 terapie, con risultati irrisori. Esistono altre cure?Dove? Grazie.

La prurigo nodulare è un'affezione dermatologica abbastanza frequente, caratterizzata dalla presenza, come dice il nome stesso, di lesioni nodulari intensamente pruriginose localizzate generalmente agli arti.

E’una malatttia di lunga durata, più frequente e grave nelle donne, che si presenta più spesso in persone giovani o di mezza età.

La prurigo nodulare ha generalmente un enorme impatto sulla qualità della vita. Nella prurigo nodulare, la persona colpita avverte prurito intenso, solo in determinate aree inizialmente, con bisogno incontrollabile di grattarsi.

Il paziente si presenta spesso con vistose escoriazioni dovute al grattamento ripetuto e cronicizzato e lesioni nodulari, di consistenza aumentata e spesso iperpigmentate e ipercheratosiche, di circa 1 cm di diametro.

La causa non è conosciuta, ma devono essere escluse malattie (sia dermatologiche che internistiche) che spesso sono associate alla prurigo nodulare: tra queste, una storia di atopia, le disfunzioni tiroidee, alcune epatopatie, la dermatite a IgA lineari, la policitemia, oltre poi a malattie tumorali.

Opportuna anche un'attenta indagine psicologico-psichiatrica, perchè spesso si rileva un'associazione con disturbi in questa area. Vari studi sembrerebbero indicare che nella prurigo nodulare vi sia una neuropatia a carico delle piccole fibre nervose cutanee.

La terapia prevede la fototerapia e gli steroidi, sia per via topica che sistemica, che riducono sensibilmente il prurito, che però si ripresenta alla cessazione dell'assunzione del cortisonico.

Altre possibili terapie prevedono l'impiego della Talidomide o la crioterapia, con discreti risultati. Incoraggianti risultati si sono avuti anche con l'impiego del Gabapentin, degli analoghi della vitamina D e dei cannabinoidi.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giuseppe Hautmann
Dr. Giuseppe Hautmann
Firenze - Via Luigi Alamanni, 21, Firenze, FI, Italia
Altre risposte di questo specialista
Clobetasolo: è prescrivibile?
Buongiorno, alcune malattie infiammatorie croniche che interessano la cute, soprattutto quando le lesioni hanno estensione limitata, possono essere controllate con successo, attraverso...
Prurito allo scroto: come curarlo?
Buongiorno, a quanto sembra, siamo in presenza di un forte prurito localizzato e con un caratteristico andamento nell'arco della giornata. Gli specialisti da te...
Herpes labiale: quando capita di solito?
Buongiorno. L'herpes labiale è causato nella stragrande maggioranza dei casi dall'Herpes simplex virus di tipo 1 e più raramente dal tipo 2 (responsabile per lo...
Clorossina: esiste un farmaco equivalente?
Non mi risultano novità riguardo al farmaco a base di clorossina, salvo il fatto che alcuni anni fa cambiò l'autorizzazione alla sua commercializzazione. ...
Nei: vanno fatti controllare?
I nei hanno bisogno delle stesse attenzioni di tutto il resto del corpo. L’obiettivo del controllo periodico dei nei è la prevenzione del melanoma cutaneo....
Vedi tutte
Risposte simili
Ustione: qual è la prima cosa da fare?
Sia che il paziente sia un adulto o un bambino la prima cosa da fare è allontanare la fonte dell`ustione (che può essere una fonte...
Ustione di 3° grado: è possibile eliminarne i segni?
Purtroppo non è possibile eliminare completamente una cicatrice anche se la si può rendere meno visibile; dipende dal tipo: se è retraente o distrofica (quando...
Ustioni: sono utili i rimedi naturali?
Usare rimedi naturali senza il parere di un medico può essere pericoloso. Le ustioni devono essere curate in base alla loro...