Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Prurito Scroto Cura

Come curare il prurito allo scroto?

Da un paio d'anni, ho un crescente prurito allo scroto, quasi sempre di notte. All'inizio mi assaliva una volta alla settimana, poi è diventato sempre più frequente, per cui adesso mi sveglio una, 2 volte di notte per grattarmi. La dermatologa mi disse che non c'era nulla di particolare e che probabilmente dipendeva da disturbi alla colonna vertebrale, i cui centri nervosi, quando sono supino, si scaricano nella zona scrotale, provocando prurito. Dopo un anno, un'altra dermatologa mi ha detto la stessa cosa, prescrivendo farmaci che non hanno avuto alcun risultato. Il disturbo si manifesta sempre verso sera, molto prima di coricarmi. La pelle non subisce danni o modificazioni particolari come dovrebbe, ma non credo possa andare avanti così all'infinito.

Buongiorno,
a quanto sembra, siamo in presenza di un forte prurito localizzato e con un caratteristico andamento nell'arco della giornata. Gli specialisti da te contattati hanno attribuito il tuo disturbo ad un problema di natura ortopedica, che però non ho ben chiaro se tu abbia o meno affrontato e con quale esito.
Sicuramente, dovrebbero essere escluse anche altre possibili e più frequenti cause di prurito scrotale, quali ad esempio la pediculosi del pube, le micosi, l'acariasi, il lichen simplex o forme di eczema.
Dovresti poi escludere le cause extradermatologiche di prurito (diabete, tiroidopatie, epatopatie, gotta, nefropatie, parassitosi intestinali, assunzioni di farmaci o altre sostanze, solo per fare esempi).
Spesso, poi, il prurito localizzato ha un'origine psicosomatica, con frequenti e significative correlazioni con emozioni, stress e situazioni conflittuali ed è associato a note di iperemotività ed ansia
Non sarebbe male, una volta che hai escluso le cause derrmatologiche e extradermatologiche, che prendessi in considerazione l'ipotesi di un'origine psicosomatica e facessi dei colloqui con uno psicoterapeuta.

Cordiali saluti

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giuseppe Hautmann
Dr. Giuseppe Hautmann
Firenze - Via Luigi Alamanni, 21, Firenze, FI, Italia
Altre risposte di questo specialista
Clobetasolo: è prescrivibile?
Buongiorno, alcune malattie infiammatorie croniche che interessano la cute, soprattutto quando le lesioni hanno estensione limitata, possono essere controllate con successo, attraverso...
Prurigo nodularis: come si cura?
La prurigo nodulare è un'affezione dermatologica abbastanza frequente, caratterizzata dalla presenza, come dice il nome stesso, di lesioni nodulari intensamente pruriginose localizzate generalmente...
Herpes labiale: quando capita di solito?
Buongiorno. L'herpes labiale è causato nella stragrande maggioranza dei casi dall'Herpes simplex virus di tipo 1 e più raramente dal tipo 2 (responsabile per lo...
Clorossina: esiste un farmaco equivalente?
Non mi risultano novità riguardo al farmaco a base di clorossina, salvo il fatto che alcuni anni fa cambiò l'autorizzazione alla sua commercializzazione. ...
Nei: vanno fatti controllare?
I nei hanno bisogno delle stesse attenzioni di tutto il resto del corpo. L’obiettivo del controllo periodico dei nei è la prevenzione del melanoma cutaneo....
Vedi tutte
Risposte simili
Prostatite: quando è inevitabile operare?
In situazioni specifiche sono state impiegate metodologie chirurgiche di trattamento tese a rimuovere o distruggere parte del tessuto prostatico, ma le conseguenze sull'eiaculazione...
Iperplasia prostatica benigna: quali sono le conseguenze?
È la più comune neoplasia benigna nell'uomo. È caratterizzata dalla proliferazione, soprattutto a carattere fibroso/muscolare, della zona centrale della ghiandola prostatica, a differenza del
Fimosi: di che cosa si tratta e come viene trattata?
La fimosi può essere presente dalla nascita oppure può manifestarsi in seguito a traumi conseguenti a brusche manovre di retrazione del prepuzio. È...