Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Reazioni Allergiche Anestetici

Le reazioni allergiche ad anestetici locali sono frequenti?

Quanto sono frequenti le reazioni allergiche ad anestetici locali?

Le reazioni avverse agli anestetici locali avvengono nel 2-5% delle procedure anestesiologiche loco-regionali. Nella grande maggioranza dei casi, tali reazioni sono di tipo tossico, dose, dipendenti, spesso prevedibili e correlabili alla concentrazione ematica elevata dell’anestetico, dovuta ad accidentale iniezione in circolo, somministrazione di quantità eccessiva, biodegradazione lenta da parte del paziente.
Le vere reazioni allergiche agli anestetici locali sono molto rare, rappresentando lo 0,6-1% di tutte le reazioni indesiderate ad anestetici locali.
Sono da considerare soggetti a rischio solo i pazienti che durante precedenti anestesie locali abbiano presentato nelle 1-2 ore successive alla procedura anestesiologica manifestazioni cliniche compatibili con reazioni allergiche: orticaria, angioedema, asma, edema della glottide, anafilassi.
La contemporanea presenza di malattia allergica dimostrata (esempio allergia alimentare, rinocongiuntivite o asma allergica) non costituisce un fattore di rischio per l’insorgenza di allergia ad anestetici locali. Per tale motivo, in questi soggetti non c’è indicazione all'esecuzione di accertamenti allergologici preventivi.
I test cutanei per anestetici locali (prick test, intradermoreazioni) non sono standardizzati e nel work up allergologico costituiscono solo l’approccio iniziale, dovendo essere obbligatoriamente seguiti dal test di tolleranza, che si esegue per via sottocutanea somministrando l’anestetico a dosaggi scalari. 
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Roberto Bernardini
Dr. Roberto Bernardini
(0)
Firenze - VIALE BOCCACCIO
Altre risposte di questo specialista
Allergia ai farmaci: è possibile guarire?
Vi sono alcuni casi in cui si rende necessario usare un farmaco verso cui è dimostrata, sia da un punto di vista anamnestico che immunologico,...
Allergia ai farmaci: che cosa bisogna fare?
È innanzitutto da evitare la pratica del cosiddetto pomfo di prova, che consiste nell’iniettare una quantità non standardizzata del farmaco sospetto per via sottocutanea poco...
Orticaria dopo assunzione di Tachipirina: potrebbe essere allergia?
I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono responsabili prevalentemente di reazioni non IgE mediate, che dipendono dalla azione di questi farmaci su enzimi chiamati ciclossigenasi...
Allergia a beta-lattamico: che cosa fare?
Nel paziente con allergia ad insorgenza immediata ad un antibiotico beta lattamico, le cross reazioni, prevalentemente dovute a similitudini molecolari tra 2 tipi...
Test di tolleranza per le allergie: come si esegue?
Il test di tolleranza deve essere fatto in ambiente ospedaliero controllato, il paziente non deve aver assunto farmaci antistaminici o cortisonici, devono essere a disposizione...
Vedi tutte

Risposte simili

Macchie rosse sulla pelle: cosa potrebbero essere?
Una netta positività (12k u/l verso uno degli allergeni ricombinanti più importanti: l'HEV B 1) del lattice di gomma mi portano a consigliarti un...
Muffe dell'aspergillo: quali disturbi causano?
Le muffe della specie dell'aspergillo possono provocare differenti forme di allergie, provocando difficoltà respiratorie, spossatezza, nausea e sintomi simili a quelli influenzali. Solitamente, la...
Allergia agli antibiotici: posso assumere betametasone?
Tuo figlio dovrebbe associare anche un antistaminico, ma per prudenza ti consiglio di farlo sottoporre anche a dei test dermici in ambiente ospedaliero. Così facendo...