Orticaria

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Giuseppe Hautmann, Medico Chirurgo, Psicoterapeuta
Indice contenuto:
  1. Che cos'è l'orticaria?
  2. Quali sono i diversi tipi di orticaria?
  3. Orticaria solare: definizione, sintomi e cure
  4. Quali sono i sintomi e i segni dell'orticaria ordinaria?
  5. Quali sono le cause dell'orticaria?
  6. Qual è il trattamento dell'orticaria?

Che cos'è l'orticaria?

L'orticaria appare sulla pelle come pomfi. Un pomfo è un rilievo edematoso circoscritto cutaneo, rotondeggiante o ameboide, di colorito roseo-rosso, spesso bianco opalino al centro, con eventuale alone eritematoso periferico, di grandezza variabile, di consistenza elastica, fugace e pruriginoso.

Come si presenta l'orticaria?

L'orticaria si presenta con pomfi di varie forme e dimensioni, da pochi millimetri a diversi centimetri di diametro in qualsiasi parte del corpo. Si stima che il 20% delle persone contrarranno l'orticaria ad un certo punto della loro vita. L'orticaria è più comune nelle donne che negli uomini.

Come si riconosce l'orticaria?

Il tratto tipico dell'orticaria è la tendenza a modificarsi nella dimensione molto rapidamente e di muoversi, scomparendo in un posto e riapparendo in altri, spesso in poche ore.

Quanto dura l'orticaria?

L'orticaria episodica di solito dura non più di 24 ore. Un focolaio che sembra impressionante, addirittura allarmante al mattino può essere completamente passato a mezzogiorno, per poi essere di nuovo infiammato nel corso della giornata.

Poche altre malattie della pelle si presentano e si risolvono così rapidamente. Pertanto, anche se non si dispone di alcuna prova di pomfi da mostrare al medico quando si arriva in studio per sottoporsi a un esame, il medico può spesso stabilire la diagnosi in base alla storia dei sintomi.

Poiché l'orticaria varia così tanto e così velocemente, è utile portare con sé una fotografia dello sfogo al suo peggio.

Quali sono i diversi tipi di orticaria?

L'orticaria si divide in due categorie:

  • orticaria acuta: orticaria ordinaria che si risolve dopo 6-8 settimane.
  • orticaria cronica: continua più di sei-otto settimane. 

Orticaria solare: definizione, sintomi e cure

L’orticaria solare è una fotodermatosi rara, caratterizzata da prurito, bruciore, eritema e formazione di pomfi dopo un breve periodo di esposizione alla luce solare naturale o a una fonte di luce artificiale che emette una similare lunghezza d’onda.

Inizialmente descritta da Merklen nel 1904, l’orticaria solare è localizzata in aree esposte della pelle, anche se può verificarsi anche al di sotto di abbigliamento sottile.

L’orticaria solare scompare in un arco di tempo che va dai pochi minuti ad alcune ore, senza cambiamenti pigmentosi (se viene evitata un’ulteriore esposizione al sole).

La condizione piò essere molto invalidante e di difficile gestione. Si ha spesso un esordio drammatico, ma si hanno poche informazioni disponibili su durata e aspetto finale dell’orticaria stessa.

L’orticaria solare rappresenta il 5,3% dei casi di dermatosi fotosensibili in tutto il mondo. È nota una leggera predisposizione femminile per l’orticaria solare.

Per quanto riguarda l’età, la malattia ha una vasta gamma di insorgenza (tra i 10 e i 70 anni); tuttavia, l’età media di insorgenza di orticaria è di 35 anni, anche se è stata riscontrata già dalla prima infanzia.

Nonostante la natura persistente e cronica dell’orticaria solare, essa è un disturbo benigno localizzato sulla pelle, che non compromette la salute generale del problema. L’orticaria solare è probabilmente causata da una reazione antigene-anticorpo.

L’irraggiamento solare può indurre un antigene nel siero o nel plasma di individui affetti. Sono stati proposti i seguenti tipi di orticaria solare:

  • Tipo I – Questo tipo è caratterizzato da un’immunoglobulina E (IgE) – e l’ipersensibilità è mediata da fotoallergeni specifici, trovati solo nei pazienti affetti da orticaria solare.
  • Tipo II – Questo tipo è caratterizzato da una ipersensibilità IgE – mediata da fotoallergeni aspecifici trovati sia nei pazienti affetti da orticaria solare, sia negli individui sani.

L’orticaria solare è di solito una condizione cronica; alcuni pazienti manifestano una remissione spontanea della malattia. La continua assunzione di antistaminici orali può impedirne il ritorno in una certa misura, permettendo così una certa tolleranza all’esposizione alla luce solare.

Un miglioramento significativo e più duraturo è stato osservato nei pazienti che si sottopongono a fototerapia o fotochemioterapia. Alcuni pazienti ritengono che la loro condizione sia diventata gestibile dopo essersi sottoposti a misure preventive.

In alcuni casi, l’eruzione cutanea è accompagnata da sintomi quali: mal di testa, nausea, vomito, broncospasmo e sincope. Il tasso di mortalità per orticaria solare non è stato determinato.

Quali sono i sintomi e i segni dell'orticaria ordinaria?

L'orticaria ordinaria divampa improvvisamente e di solito senza una ragione specifica. I pomfi appaiono spesso in luoghi diversi.

Essi bruciano, prudono, si gonfiano, e vanno via in pochi minuti o ore, per poi apparire altrove. Questa sequenza può andare avanti da giorni a settimane.

La maggior parte degli episodi di orticaria durano meno di sei settimane. Anche se questo limite massimo è arbitrario, l'orticaria che dura più di sei settimane è spesso chiamata cronica.

Quali sono i sintomi dell'orticaria cronica?

L'orticaria cronica (definita dalla durata di sei settimane o più) può durare da mesi ad anni.

La valutazione di questa condizione è difficile, test allergologici e prove di laboratorio sono raramente utili in questi casi. La valutazione accurata di questa condizione richiede al paziente di dare al proprio medico informazioni precise sulla sua storia medica completa, sulle abitudini personali, e sull'assunzione di cibo.

Occasionalmente può essere necessario limitare specifici alimenti o farmaci per un tempo al fine di osservare alcuni effetti sulla condizione della pelle. Certe malattie sistemiche e infezioni possono occasionalmente presentarsi sulla pelle come orticaria. Se c'è una causa scatenante che può essere determinata, i trattamenti specifici per quella specifica condizione possono essere efficaci, o, nel caso di allergie alimentari o ai farmaci, è necessaria la stretta astensione dall'uso.

Quali sono le cause dell'orticaria?

Come detto sopra, molti casi di orticaria ordinaria è idiopatica, cioè la causa è sconosciuta. Altri casi possono essere scatenati da infezioni virali.

Alcuni possono essere causati da farmaci, di solito quando sono stati presi per la prima volta poche settimane prima.

Quando un farmaco è implicato come causa di orticaria, il farmaco deve essere interrotto, dal momento che nessun esame della pelle o del sangue rivelerà la connessione.

Nella maggior parte dei casi, l'orticaria farmaco-indotta andrà via in pochi giorni.

Se un farmaco viene interrotto e i focolai non sono scomparsi, è una forte indicazione che il farmaco non era in realtà la causa dei focolai.

Che cos'è l'orticaria fisica?

L'orticaria fisica è un tipo di orticaria cronica prodotta da stimoli fisici. Di gran lunga la forma più comune è il dermografismo, che letteralmente significa scrivere sulla pelle.

Si tratta di una forma esagerata di ciò che accade a chiunque, quando la pelle viene graffiata o strofinata: un filetto rosso appare la linea del graffio.

Nel dermografismo segni rossi pruriginosi ed in rilievo con aloni adiacenti compaiono dove la pelle è graffiata o dove cinture e altri capi di abbigliamento sfregano contro la pelle, provocando mastociti per far fuoriuscire l'istamina.

Che cos'è l'orticaria colinergica?

Un'altra forma comune di orticaria fisica indotta è chiamata orticaria colinergica. Questa produce centinaia di piccoli bozzi pruriginosi.

Questi bozzi si verificano entro 15 minuti dall'esercizio fisico o uno sforzo fisico e di solito vanno via prima che un medico riesca ad esaminarli. Questa forma di orticaria accade più spesso nei giovani.

Altre forme di orticaria fisica sono molto meno comuni. La causa scatenante per questi includono il freddo, l'acqua e la luce del sole.

Ci sono altre condizioni simili all'orticaria?

Ci sono altre eruzioni cutanee che possono apparire come orticaria ma il fatto che rimangono stabili e non si risolvono entro 24 ore è utile per distinguerli dall'orticaria. Queste eruzioni cutanee potrebbero dover essere sottoposte a biopsia (un piccolo campione di pelle prelevati ed esaminati al microscopio) per determinare con precisione la natura della malattia della pelle.

Qual è il trattamento dell'orticaria?

L'obiettivo di trattare la maggior parte dei casi di orticaria ordinaria è per alleviare i sintomi, mentre la condizione va via da sola. I trattamenti più comunemente usati sono gli antistaminici per via orale, che aiutano a contrastare gli effetti dell'istamina trapelata dai mastociti. L'effetto collaterale principale degli antistaminici è la sonnolenza.