icon/back Indietro Esplora per argomento

Spugna contraccettiva: cos'è e come funziona

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 13 Febbraio, 2024

Donna durante una visita con la dottoressa

Che cos'è la spugna contraccettiva e perché viene definita un metodo "di barriera"? Quali vantaggi apporta e come funziona

Ecco tutto quello che c'è da sapere su questo anticoncezionale.

Che cos'è la spugna contraccettiva?

La spugna contraccettiva, anche detta spugna anticoncezionale o spugna vaginale, è un metodo per evitare gravidanze indesiderate che appartiene alla categoria dei cosiddetti "contraccettivi di barriera". 

Ancora poco conosciuta in Italia, la spugnetta contraccettiva gode di maggior successo negli USA, e deve la sua fortuna al fatto che essa è in grado di combinare il classico metodo "di barriera" (essa, infatti, copre letteralmente la cervice femminile) con quello chimico, dovuto alla sinergia con la crema spermicida.

Questo dispositivo anticoncezionale è un vera e propria spugnetta di piccole dimensioni dal diametro di circa quattro centimetri e dalla forma rotonda, la quale ricorda quella di un cuscinetto. 

Realizzata in poliuretano, prima di utilizzarla va inumidita con dell'acqua, poi ripiegata su sé stessa e infine va inserita all'interno della vagina.

Il termine "contraccettivo di barriera" fa riferimento proprio al fatto che la spugna blocca fisicamente l'entrata degli spermatozoi nell'utero della donna, tuttavia per aumentarne l'efficacia essa può essere abbinata a una crema spermicida

Essa va inserita fino a un massimo di 24 ore prima di avere un rapporto sessuale e per ottenerla non serve alcuna prescrizione medica; la spugna contraccettiva, inoltre, può essere inserita autonomamente dalla donna, senza bisogno che intervenga un professionista sanitario.


Potrebbe interessarti anche:


Una volta avvenuto il rapporto sessuale, la spugna va mantenuta nella sua sede per almeno sei ore, tuttavia va poi eliminata entro 30 ore dopo la penetrazione. 

Per quanto riguarda la sua efficacia, essa risulta meno sicura rispetto al diaframma e, mentre se inserita rispettando tutti gli accorgimenti necessari e in modo ideale la possibilità che si verifichi una gravidanza indesiderata nelle donne che hanno già partorito è di circa il 12%, se utilizzata senza mai aver dato alla luce un bambino il tasso di rischio sale fino al 24%.

Pro e contro della spugna contraccettiva

Come tutti gli altri metodi anticoncezionali, anche la spugna contraccettiva presenta pro e contro

Fra i vantaggi associati al suo utilizzo troviamo:

  • il fatto che essa non viene praticamente quasi avvertita, né dalla donna, né dall'uomo;
  • una volta inumidito questo dispositivo è in grado di adattarsi perfettamente alla dimensione e alla struttura della cervice femminile;
  • rappresenta una buona alternativa al diaframma;
  • è possibile aumentare il suo livello di efficacia abbinandola a un ulteriore metodo contraccettivo, come ad esempio una crema spermicida o il preservativo.

La spugna, tuttavia, non è esente da qualche lato negativo, fra cui:

  • seppur raramente, essa può provocare reazioni allergiche, irritazioni o secchezza vaginale;
  • la sua rimozione può risultare difficoltosa, soprattutto se è la prima volta che viene usata;
  • questo metodo aiuta a proteggere dalle gravidanze indesiderate ma non dalle infezioni sessualmente trasmissibili;
  • è controindicata in caso di utero retroverso;
  • se mantenuta all'interno della vagina per più delle 30 ore indicate, potrebbe causare gravi reazioni all'organismo, come ad esempio la sindrome da shock tossico;
  • è preferibile non utilizzare questo metodo se si è risultate allergiche o ipersensibili a qualche componente contenuto nelle creme spermicide;
  • occorre fare attenzione a non rimuovere la spugna prima delle sei ore canoniche, in moda da lasciare il tempo alla crema spermicida di agire;
  • rispetto ad altri metodi contraccettivi, le spugne risultano meno efficaci: esse, infatti, proteggono da eventuali gravidanze indesiderate in circa il 77%-91% dei casi, con una percentuale di fallimento che si attesta intorno al 9-23%.

Che cosa sono i contraccettivi di barriera

Con la definizione di "contraccettivi di barriera" si fa riferimento a una particolare categoria di dispositivi anticoncezionali che devono la loro efficacia al fatto che essi bloccano fisicamente l'accesso degli spermatozoi nell'utero femminile

Ce ne sono di diverse tipi, fra cui il preservativo, il diaframma, il cappuccio cervicale, il gel contraccettivo, gli spermicidi (sotto forma di creme, di supposte o di schiume) e, appunto, la spugna anticoncezionale. 

Tutti questi metodi vanno utilizzati ogni qual volta la donna ha un rapporto sessuale con il partner, con l'obiettivo di evitare una possibile gravidanza indesiderata.

undefined

Il fine ultimo di tali dispositivi è, appunto, quello di fare in modo che gli spermatozoi non raggiungano la cellula uovo, e alcuni di essi riescono, nel frattempo, a proteggere i soggetti dalle malattie sessualmente trasmissibili

Sebbene nessun metodo contraccettivo possa garantire una percentuale di protezione dalle gravidanze indesiderate pari al 100%, alcuni fra questi anticoncezionali presentano un ottimo livello di efficacia: il preservativo, ad esempio, è considerato una buona protezione, mentre altri, come ad esempio la spugna, non sono così sicuri, né per quanto riguarda la trasmissione di malattie veneree, né per quanto riguarda la probabilità di rimanere incinta.

Condividi
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Marcello Sergio
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Relazioni

896 articoli pubblicati

a cura di Dr. Marcello Sergio
Contenuti correlati
Momento di intimità e gioco tra ragazzo e ragazza
Sesso tra amici: è davvero possibile? Pro e contro

Il sesso in amicizia è un tipo di rapporto da valutare con consapevolezza e che potrebbe non essere adatto a tutti. Ecco pro e contro del sesso tra amici.

Donna in lingerie nel letto
Masturbazione compulsiva: cause e rimedi

La masturbazione compulsiva è una condizione che può generare diversi disagi e difficoltà nel soggetto che la mette in pratica: scopri qui cause e rimedi.

icon/chat