alluce valgo

Contenuto di:

L'alluce valgo è una patologia che affligge il primo dito del piede; è una condizione dolorosa a cui spesso l'unico rimedio è l'intervento chirurgico.

Alluce valgo: cos'è?

Alluce_valgo | Pazienti.it

L’alluce valgo è una patologia, molto frequente, che coinvolge le seguenti aree dell'avampiede:

  • Deviazione mediale del primo metatarso, 
  • Deviazione e/o rotazione dell’alluce laterale, con arrossamento e infiammazione
  • Prominenza, con o senza mediale allungamento dei tessuti moli della prima testa

Questa condizione può portare a un doloroso movimento dell’articolazione e, di conseguenza, problemi sia di deambulazione che di postura, unitamente ad una difficoltà nell’indossare calzature.

Quali sono le cause dell'alluce valgo?

Nel XIX secolo, la comprensione prevalente dell’alluce valgo era un allargamento del tessuto molle, della prima testa metatarsale o di entrambi, più comunemente causati dall’indossare calzature sbagliate e deformanti.

Il trattamento aveva risultati variabili, con pareri controversi sul rimuovere solo la borsa sovrastante l’alluce o in combinazione con un’esostosectomia della testa mediale.

Poiché molti chirurghi considerano questa tipologia di interventi sotto il loro controllo, una più piena comprensione della patologia dell’alluce valgo si è sviluppata lentamente.

Gradualmente, i chirurghi cominciarono a riconoscere che le borsiti si potrebbero sviluppare a causa di molti fattori, che avevano a che fare con la familiarità, e che spesso esse erano associate ad altre deformità del piede.

L’alluce valgo è noto per avere numerose eziologie, tra cui i fattori biomeccanici, traumatici e metabolici.

L’eziologia più comune, e ancora difficile da comprendere, è l’instabilità biomeccanica.

In presenza di un alluce valgo, il primo metatarso e l’alluce formano tra loro l'angolo di valgismo, da cui prende nome la deformità.

Un alluce valgo può essere di derivazione ereditaria; colpisce maggiormente il sesso femminile che quello maschile, a causa del tipo di calzature indossate e al patrimonio ormonale che comporta anche delle differenze anatomiche sostanziali. 

Come avviene l'intervento per l'alluce valgo?

Il primo intervento chirurgico per affrontare questa patologia deformante è stato descritto da Reverdin il 4 maggio 1881, in un rapporto consegnato al Medical Society of Genfer.

In questa procedura, ad un’incisione curva mediale all’estensore lungo dell’alluce, è seguita l’incisione del periostio, la scalpellatura fuori della esostosi, la rimozione di un cuneo di osso da dietro il capitello del metatarso e la sutura dell’osso con un budello. Questa operazione è la precorritrice di tutte le operazioni che hanno lo scopo di correggere l’alluce valgo mediante osteotomia.

Fin dalla sua istituzione, la procedure di Reverdin ha subito molte variazioni e modifiche, tra cui l’aggiunta di uscite laterali e osteotomie prossimali, nel tentativo di risolvere le deformità. Infatti, sono state sviluppate più di 100 procedure per la correzione dell'alluce valgo.

Tuttavia, molte di queste sono state sviluppate per ignoranza; alcune sono state anche ripetizioni di procedure precedenti, con tassi incoerenti di fallimento e di successo. I chirurghi continuano a rivalutare l’osteotomia per il trattamento dell’alluce valgo per determinare la procedura più stabile e con meno complicazioni. In base al grado di deformità dell'alluce, alla propria esperienza a riguardo, ogni specialista utilizzerà la tecnica che considererà più oppurtuna.

Quali sono i rimedi per l'alluce valgo?

L’alluce valgo è una deformità complessa e vari approcci sono disponibili. I trattamenti che si effettuano sull’alluce valgo sono tesi a migliorare la sintomatologia, ma non possono correggere la deformità né migliorare l’aspetto dell’alluce.

Tra queste misure vi sono l’utilizzo di farmaci antidolorifici e antinfiammatori, infiltrazioni a base di cortisone e l’applicazione di cuscinetti protettivi plantari.

Anche l'utilizzo di scarpe comode che non causino arrossamenti ed attriti può aiutare a prevenire questa patologia. Spesso, vengono consigliati anche dei plantari correttivi, che hanno lo scopo di scaricare testa metatarsale dolente. Aiutano molto a separare l'alluce dalla calzatura i cappucci in silicone, con il loro effetto ammortizzante.

Di solito, però, il metodo più usato per la correzione dell’alluce valgo è la chirurgia.

Se la deformità e l’eziologia sono affrontate con successo, i benefici del trattamento superano di gran lunga i rischi.

Quali sono i sintomi dell'alluce valgo?

Non sempre un alluce valgo presenta una sintomatologia. Quando si avvertono dei fastidi diffusi utilizzando anche le scarpe più comode che si possiedono, significa che l'alluce valgo è solo il primo dei vari problemi che potrebbero insorgere come conseguenza. Il sintomo più comune dell’alluce valgo consiste nell’avvertire dolore alla base dell’alluce, a causa del cambiamento anatomico subito dal piede; la pelle intorno al piede, inoltre, si presenta arrossata e ispessita, con la formazione di callosità; altri sintomi dell’alluce valgo sono:

Se non vengono presi per tempo, questi sintomi possono provocare dei veri e propri scompensi di equilibrio a livello vertebrale, che porterebbero al coinvolgimento degli arti inferiori.

Si può prevenire l’alluce valgo?

Contrariamente alla credenza comune, le scarpe con il tacco alto o a punta non causano da sole l’alluce valgo.

Tuttavia, tali calzature tengono l’alluce in posizione di abduzione se il valgo è presente, causando lo stiramento meccanico e la deviazione del tessuto molle mediale, più sintomi aggravanti.

Inoltre, le scarpe strette possono causare dolore mediale e intrappolamento del nervo.

Il modo migliore per ridurre il rischio di sviluppare tale patologia è indossare calzature comode e funzionali, che permettano al piede di muoversi liberamente.

Argomenti: alluce valgo alluce