Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Ventricolografia

Ventricolografia

Ventricolografia
Curatore scientifico
Dr. Leon Bertrand
Specialità del contenuto
Cardiologia Neurologia

Cos’è la ventricolografia?

La ventricolografia è un test che mostra immagini specifiche del cuore o del cervello. Le immagini permettono al medico di controllare la salute delle camere inferiori del cuore, chiamate ventricoli e delle varie sezioni del cervello.

Come viene eseguito il test?

La ventricolografia si esegue tramite iniezione di mezzo di contrasto, in genere il tecnezio, nelle vene. Questa sostanza si attacca ai globuli rossi e passa attraverso l'organo interessato. In questo modo, è possibile rilevare un'immagine con una speciale macchina fotografica, collegata a un elettrocardiogramma. Infine, un computer esamina le immagini.   

Cos’è la ventricolografia cardiaca?

La ventricolografia cardiaca è un test medico di imaging utilizzato per determinare la funzione cardiaca del paziente. Prevede l'iniezione di un mezzi do contrasto nel ventricolo del cuore per misurare il volume di sangue pompato. Può essere eseguita con un radionuclide o con un liquido di contrasto di iodio nella cateterizzazione della camera cardiaca.

Le 3 misure principali ottenute con la ventricolografia cardiaca sono:

  1. frazione
  2. volume del tratto
  3. uscita cardiaca

Queste tre misure condividono una comunanza di rapporti tra il volume sistolico finale e il volume diastolico finale. il test può essere effettuato in modo invasivo o non invasivo.

La procedura non invasiva si effettua con una preventiva iniezione di colorante che viene immessa nel sangue del paziente. Il medico utilizzerà una telecamera speciale per vedere quanto sta pompando il sangue nel cuore.

La procedura invasiva viene fatta come parte di una cateterizzazione cardiaca. Il medico inserisce nel cuore un catetere sottile e flessibile e lo userà per iniettare il colorante all’interno del cuore. Questo colorante permette di mostrare l’organo su un raggio X.

Perché viene eseguito il test?

Questo esame di diagnostica mostra come il sangue è pompato in differenti parti del cuore

Cosa può evidenziare?

Diversi possono essere i risultati negativi e le problematiche risultanti dal test, quali:

  • malattie coronariche
  • problemi alla valvola cardiaca
  • patologie cardiache che indeboliscono il cuore
  • infarto del miocardio
  • scarsa funzione di pompaggio

Tuttavia, il test può essere eseguito anche in caso di:

Cos’è la ventricolografia cerebrale?

La pneumoencefalografia (nota anche come ventricolografia cerebrale) è stata una procedura medica comune per molto tempo, con la quale la maggior parte del liquido cerebrospinale veniva drenata dal cervello mediante una puntura lombare e sostituita da aria, ossigeno o elio per consentire alla struttura del cervello di mostrare più chiaramente un'immagine a raggi X. Un tempo, l'aria veniva iniettata attraverso fori che venivano praticati nel cranio.

La procedura è stata introdotta nel 1919 dal neurochirurgo americano Walter Dandy ed è stata eseguita estensivamente fino alla fine degli anni '70, quando è stata sostituita da tecniche di neuroimaging moderne, più sofisticate e meno invasive.

Come avviene il procedimento?

Sebbene la pneumoencefalografia fosse il modo più semplice per localizzare le lesioni cerebrali, era tuttavia estremamente dolorosa e generalmente non ben tollerata dai pazienti coscienti.

La pneumoencefalografia è stata associata ad una vasta gamma di effetti collaterali, tra cui mal di testa e vomito grave, che spesso duravano ben oltre la procedura. Durante lo studio, l'intero corpo del paziente veniva ruotato in posizioni diverse per consentire all'aria di spostare il sangue in diverse aree del sistema ventricolare e intorno al cervello. Questo ha aggiunto ulteriormente il livello di disagio già elevato del paziente (se non anestetizzato).

Quali sono i limiti della pneumoencefalografia?

La pneumoencefalografia utilizza immagini a raggi X semplici. Queste sono piuttosto scarse se si parla di tessuti molli, come il cervello. Inoltre, tutte le strutture catturate nell'immagine sono sovrapposte l'una all'altra, rendendo difficile individuare singoli oggetti di interesse (a differenza dei moderni scanner che sono in grado di produrre sezioni virtuali sottili del corpo, inclusi i tessuti molli). 

La struttura complessiva del cervello contiene fessure e cavità che vengono riempite dal liquido cerebrospinale. Sia il cervello che il liquido producono segnali simili su un'immagine a raggi X. Tuttavia, il drenaggio del liquido cerebrospianle consente un maggiore contrasto tra la materia del cervello e le fessure in esso e intorno, che poi si presentano come ombre scure sull'immagine a raggi X. Lo scopo della pneumoencefalografia è quello di delineare queste strutture ad aria compressa che creano un’ombra in modo che possano essere esaminate nella loro forma e posizione anatomica. 

Seguendo la procedura, un radiologo esperto studia le immagini ai raggi X per vedere se la forma o l'ubicazione di queste strutture sono distorte o sono state spostate dalla presenza di alcuni tipi di lesioni. Ciò significa anche che, per mostrarsi sulle immagini, le lesioni devono essere situate proprio sul bordo delle strutture o, se si trovano altrove nel cervello, essere abbastanza grandi da spingere sui tessuti sani circostanti in una misura necessaria da causare una distorsione nella forma delle cavità più lontane (i tumori distali rilevati in questo modo tendono ad essere abbastanza grandi).

Nonostante la sua utilità, c'erano grandi parti del cervello e altre strutture della testa che la pneumoencefalografia non era in grado di rappresentare. Ciò è stato parzialmente compensato dall'aumento dell'uso dell’angiografia come strumento diagnostico complementare, spesso nel tentativo di dedurre la condizione della patologia non neurovascolare dalle sue caratteristiche vascolari secondarie. Questo test aggiuntivo non è senza rischi, in particolare a causa delle tecniche rudimentali di cateterizzazione e degli agenti radio contrastanti.

La ventricolografia è rischiosa?

L'esposizione al materiale radioattivo in piccole quantità è innocua, se questo test non è eseguito spesso. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Melatonina
La melatonina è un ormone prodotto dall'ipofisi, che aiuta a regolare il ciclo sonno veglia. Quando vi sono dei disturbi del sonno, è pos...
Catecolamine
Le catecolamine sono ammine derivate dall'aminoacido tirosina. Le catecolamine principali sono dopamina, epinefrina (adrenalina) e norepi...
Enzimi cardiaci
Gli enzimi cardiaci sono elementi proteici che fanno parte della struttura muscolare del cuore, fondamentali per la sua funzionalità. In ...