Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Blastomicosi

Blastomicosi

Blastomicosi
Curatore scientifico
Dr. Virgilio De Bono
Specialità del contenuto
Medicina generale Microbiologia e virologia

Cos’è la blastomicosi?

La blastomycosi è una malattia causata dal fungo Blastomyces dermatitidis. Il fungo vive in terreni umidi e in associazione con materia organica in decomposizione, come il legno e le foglie. Una persona, dopo aver inalato microscopiche spore fungine presenti nell'aria, può sviluppare un'infezione polmonare.

Tuttavia, molte persone che inalano le spore non si ammalano. I sintomi di blastomicosi sono simili ai sintomi influenzali, e l'infezione a volte può diventare grave se non viene trattata.

Cosa è nello specifico un Blastomyces?

Il Blastomyces è un fungo che vive nei terreni umidi e ricchi di materia organica decomposta, come legno e foglie. In questi ambienti, produce spore fungine molto piccole. Quando queste spore vengono respirate da persone o animali ed entrano nei polmoni. La nostra temperatura corporea (di circa 36-37°C) consente alle spore di trasformarsi in lievito, il quale può rimanere nei polmoni o diffondersi in altre parti del corpo.

Purtroppo non è possibile accertare con precisione quali siano i luoghi più a rischio, in quanto un campione di terreno la cui analisi risulta positivo per la presenza di Blastomyces non è necessariamente una fonte di infezione. Lo stesso discorso vale se il campione è negativo: in questo caso non è detto che il fungo non sia presente nel terreno analizzato. Inoltre, non esistono test commerciali in grado di individuare la presenza di Blastomyces nell’ambiente.

Quali sono i sintomi della blastomicosi?

Solo circa la metà delle persone infettate da blastomicosi mostra dei sintomi.

Nel caso, i sintomi compaiono generalmente tra 3 e 15 settimane dopo l'esposizione al fungo. I sintomi di blastomicosi sono simili a quelli influenzali e comprendono:

In casi molto gravi di blastomicosi, il fungo si può diffondere ad altre parti del corpo, come la pelle e le ossa.

Quali sono i soggetti a rischio per la blastomicosi?

Chiunque può contrarre la blastomicosi, anche le persone che sono in buona salute. Tuttavia, i pazienti affetti da alcune condizioni mediche come il diabete possono avere una maggiore probabilità di contrarre l'infezione.

Il Dermatitidis Blastomyces, il fungo che provoca blastomicosi, si può trovare in tutto il mondo, ma è più comune in alcune parti del Nord, Centro e Sud America. Negli Stati Uniti, il fungo è endemico (originario e comune), così come nel sud-est e del Midwest.

Le persone che vivono in aree endemiche e occupate in attività che li espongono ad aree boschive, possono essere a più alto rischio di contrarre la blastomicosi. Tra questi possono essere inclusi gli agricoltori, i lavoratori forestali, i cacciatori e campeggiatori.

Chiunque può contrarre la blastomicosi, in particolare le persone che svolgono attività all’aria aperta e in aree boscose. Le persone con difese immunitarie indebolite sono più a rischio.
In linea generale, la blastomicosi non è contagiosa né tra persone né tra persone e animali, i quali possono contrarne una forma che presenta una sintomatologia simile a quella umana.

Nel caso in cui sospettiate che il vostro animale domestico – soprattutto se si tratta di cani – possa aver contratto la blastomicosi, rivolgetevi il prima possibile al vostro veterinario di fiducia.

Come si può prevenire la blastomicosi?

Non esiste un vaccino per prevenire la blastomicosi. Nelle regioni endemiche, come il Mississippi e le valli fiume Ohio, potrebbe non essere possibile evitare completamente l'esposizione al fungo. Tuttavia, le persone che hanno un sistema immunitario indebolito possono prendere in considerazione la possibilità di evitare aree boschive in cui il fungo è prevalente

Quali sono le fonti di infezione della blastomocosi?

Il Blastomyces dermatitidis vive nel suolo e in associazione con la materia organica in decomposizione come foglie e legno. Le spore fungine microscopiche possono essere rilasciate dall'aria quando il terreno viene smosso, e respirare le spore può causare infezioni nei polmoni. Il Blastomycosis non diffondesi da persona a persona o da animali alle persone.

Nell'ambiente, il Blastomyces dermatitidis esiste sotto forma di muffa, con ife; le ife producono spore conidi. Queste spore possono essere inalate, o inoculate nella pelle da un ospite sensibile. La temperatura più calda all'interno dell'ospite induce la trasformazione in lievito.

Il lievito può continuare a colonizzare i polmoni o diffondersi mediante il sangue ad altre parti del corpo, come la pelle, ossa e articolazioni, organi e del sistema nervoso centrale.

Come viene diagnosticata?

Ci sono diversi test disponibili per diagnosticare la blastomicosi. Il modo migliore per diagnosticare l'infezione è quello di eseguire una coltura fungina. I medici prendono piccoli campioni di tessuti o fluidi corporei, come il sangue, l'espettorato, il midollo osseo, il fegato o la pelle per vedere se il fungo crescerà da questi campioni in un laboratorio.

La blastomicosi può anche essere diagnosticata cercando in un piccolo campione di tessuto infetto al microscopio. Un test dell'antigene può rilevare la presenza del fungo in un campione di urina o siero, e un esame del sangue può misurare la precedente esposizione al fungo rilevando gli anticorpi della blastomicosi.

L’esame medico per la blastomicosi prevede l’analisi di un campione di sangue o di un campione di urina. Inoltre, il personale sanitario può eseguire test di imaging, come i raggi X al torace o scansione CT dei polmoni.

Un’alternativa è l'analisi di un campione di fluido del tratto respiratorio oppure una biopsia tissutale, in cui un piccolo campione di tessuto potenzialmente infetto viene prelevato dal corpo ed esaminato ad un microscopio.

I risultati degli esami sono pronti solitamente entro pochi giorni.

Qual è il trattamento della blastomicosi?

Trattandosi di un’infezione micotica, la cura principale consiste in un trattamento con farmaci antifungini, che devono essere prescritti dal medico.

Per le persone con infezioni lievi o moderate,  è comunemente usato l'itraconazolo. Le persone con infezioni più gravi possono richiedere un trattamento più aggressivo con amfotericina B, soprattutto se l’infezione si è diffusa in altre parti del corpo.

Alcuni farmaci antifungini triazolici più recenti, come il voriconazolo e il posaconazolo, sono altre valide alternative, ma il loro ruolo nel trattamento blastomicosi è ancora in corso di definizione. 

A seconda della gravità dell’infezione dello stato immunitario del paziente, il corso del trattamento può variare da sei mesi a un anno.

Quanto è diffusa e comune la blastocisti?

La blastomicosi è un’infezione complessivamente rara. La maggior parte dei casi si verifica negli Stati Uniti e in Canada, luoghi in cui la tipologia di terreno consente la proliferazione di questi funghi e delle loro spore.

In generale, i tassi di incidenza annuali presentano circa da 1 a 2 casi per una popolazione 100.000 persone. Il Wisconsin, negli Stati Uniti, è uno degli stati con la più altra incidenza di blastomicosi, con tassi annuali che variano da 10 ad addirittura 40 casi per una popolazione di 100.000 persone.

Anche se la maggior parte dei casi di blastomicosi non è associata a focolari, questi possono verificarsi occasionalmente, di solito legati ad una fonte comune. Queste fonti si trovano quasi sempre in zone di costruzione o scavo, in cui il suolo viene distrutto, oppure in aree specifiche, ad esempio nei pressi di laghi e fiumi, dove caccia, pesca e campeggio sono le attività più praticate.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Mal di pancia
Il mal di pancia è un disturbo molto comune, anche tra i più piccoli. Può essere causato da un eccesso di aria intestinale, da un virus o...
Febbre
Con il termine febbre si indica una temperatura corporea superiore a 38°C. La febbre si verifica quando le difese immunitarie combattono ...
Singhiozzo
Il singhiozzo è un fenomeno normale ed innocuo, anche se talvolta può risultare fastidioso. In casi molto rari, esso può celare una condi...