Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Cloasma

Cloasma

Cloasma
Curatore scientifico
Dr. Giuseppe Alberto Scaglia
Specialità del contenuto
Dermatologia

Cosa significa cloasma

Il cloasma è una condizione della pelle in cui alcune aree diventano più scure (comparsa di chiazze bluastre) rispetto alle zone circostanti. I medici chiamano questa condizione iperpigmentazione. Il cloasma, noto anche come melasma, si presenta tipicamente sul viso, in particolare sulla fronte, sulle guance e sopra il labbro superiore.

Le macchie scure appaiono spesso su entrambi i lati del viso, spesso in maniera speculare. Le macchie di colore più scuro possono essere di qualsiasi tonalità, dal marrone chiaro al marrone profondo. Raramente, queste macchie scure possono apparire su altre aree del corpo esposte al sole.

Il cloasma si verifica molto più spesso nelle donne (di età compresa tra i venti e i cinquant'anni) che negli uomini, e di solito è associato a cambiamenti ormonali. Ecco perché è molto diffuso il cloasma in gravidanza (noto anche come cloasma gravidico o maschera gravidica) e le macchie scure di solito durano fino alla fine della gravidanza. 

Riassumendo, quindi, il cloasma si presenta:

Sono quattro i tipi di classificazione del cloasma in base alla profondità della loro localizzazione:

  • cloasma epidermico;
  • cloasma dermico;
  • cloasma misto;
  • cloasma generico, riscontrabile in persone di carnagione scura.
Infine, i tipi di cloasma sono:

  • cloasma centrofacciale (al centro del viso);
  • cloasma malare (sugli zigomi);
  • cloasma mandibolare (sulla mascella).

Sintomi di cloasma

Il principale sintomo di cloasma è, come si è detto, l'iperpigmentazione di alcune zone della pelle, di un colore variabile che va dal marrone chiaro al bruno. Esso solitamente compare generalmente sul viso, dove le macchie si localizzano soprattutto con una distribuzione detta "a carta geografica" su:

  • guance superiori;
  • labbro superiore;
  • fronte;
  • mento. 
Tuttavia, non mancano casi in cui le macchie si estendono anche al collo e dietro gli orecchi e molto rari (seppur possibili) i casi in cui le macchie interessano braccia e gambe. Macchie più scure solitamente appaiono sulla fronte, sulle tempie, sulle guance o sopra il labbro superiore; i segni del cloasma sono quindi strettamente sono strettamente cosmetici: solitamente non si sente male, e la pelle più scura non risulta dolorante (asintomatiche).ò

Queste chiazze iperpigmentate appaiono di forma piuttosto irregolare e dai contorni non molto definiti. L'unico fastidio che provocano è unicamente di natura estetica, dal momento che si tratta di un inestetismo decisamente sgradito e indesiderato per la maggior parte delle persone.

Cause di cloasma

Le cause del cloasma possono includere:

  • Esposizione al sole – Si tratta del fattore più importante nello sviluppo del melasma. Utilizzando farmaci che rendono sensibile al sole (ossia fotosensibilizzante) può quindi aumentare il rischio di sviluppare melasma. Pertanto, la protezione dal sole è una parte necessaria del trattamento del melasma. 
  • Assunzione di ormoni – Questi possono includere alcuni farmaci utilizzati per trattare problemi ovarici o tiroidei, oppure la pillola anticoncezionale o una generica terapia ormonale.
  • Cambiamenti ormonali interni all'organismo – È questo il caso di una gravidanza. 
Il fattore solare rimane comunque il più determinante: per esempio, le donne che sono incinte o che assumono un farmaco ormonale ed evitano il sole hanno meno probabilità di sviluppare il melasma rispetto a coloro che passano molto tempo al sole.

Quando andare dal medico per il cloasma

Consultare il medico se si sviluppa qualsiasi inspiegabile decolorazione della pelle. Anche se il melasma non richiede trattamento, un medico può distinguere il melasma da altri disturbi della pelle.

Diagnosi di cloasma

Generalmente la diagnosi di cloasma viene effettuata dal dermatologo attraverso un'attenta analisi della pelle; solo nei casi più gravi si ricorre a una biopsia della pelle.

Un medico può diagnosticare melasma semplicemente osservando la pelle. La vostra storia medica aiuterà a determinare tutti i fattori che possono aver causato il disturbo.

Il medico può utilizzare una lampada speciale che emette luce ultravioletta. Questo permette di osservare più chiaramente la tipologia e la profondità di decolorazione della pelle.

Prevenzione del cloasma

Il modo migliore per prevenire il melasma è quello di limitare l'esposizione della pelle al sole. Se si esce al sole, prendere queste misure preventive:

  • Indossare un cappello con una tesa per ombreggiare e proteggere il viso.
  • Applicare un protettivo solare sulle zone esposte (come ossido di zinco o biossido di titanio).
  • Utilizzare una protezione solare che protegge sia contro i raggi ultravioletti A sia contro raggi ultravioletti B. La protezione solare deve avere un fattore di protezione solare (SPF) di almeno 30.

Rimedi per il cloasma

In concomitanza con le applicazioni di creme e filtri solari, i trattamenti per il cloasma includono l'assunzione di rimedi cosmetici. È però vero che non appena gli ormoni si stabilizzano oppure si prendono le dovute precauzioni per la pelle, le macchie scure di melasma di solito svaniscono da sole; in particolare le donne sviluppano melasma a causa della gravidanza spesso vedono le macchie svanire mesi dopo la nascita del bambino.

Le donne che assumono contraccettivi orali o terapia ormonali sostitutive spesso vedono le patch svanire una volta che smettono di prendere i farmaci. Alcune opzioni possono aiutare a eliminare il colasma e includono

  • Idrochinone – Si tratta di una crema che rimuove il pigmento dalla pelle; blocca il processo chimico naturale che porta alla creazione di melanina, la sostanza che rende la pelle scura.
  • Tretinoina – La tretinoina è un tipo di vitamina A che aiuta ad aumentare il ricambio cellulare. Questo fa sì che la macchia del melasma sbiadisca più rapidamente non appena le cellule pigmentate sono sostituite da nuove formazioni cellulari.
  • Crema acida azelaica – Sembra funzionare rallentando o bloccando la produzione di pigmentazione, che notoriamente rende la pelle più scura.
  • I peeling chimici – Il peeling chimico consiste di soluzioni liquide applicate alla pelle per determinare una bruciatura chimica lieve, simile alle scottature solari. Nel corso del tempo, gli strati bruciati si staccano, lasciando a livello sottostante strati di pelle nuova e rigenerata. I peeling chimici variano in base alla loro intensità. L'acido glicolico è tra i più miti, e quindi ha meno probabilità di causare cicatrici o decolorazione della pelle. Peeling chimici possono essere utilizzati nei casi in cui il melasma non risponde ad altri trattamenti.
  • Terapia laser – Essa si serve di determinate lunghezze d'onda di luce per rimuovere le aree pigmentate della pelle.

Cosa fare per il cloasma

I rimedi per eliminare il cloasma (o del cloasma, a seconda dei casi) può portare a ottimi risultati. Tuttavia, per favorire l'efficacia del trattamento e prevenire il cloasma o la sua ricomparsa, i dermatologi generalmente consigliano di adottare alcuni accorgimenti, ossia:

  • Applicare quotidianamente la crema solare – I raggi UV sono sempre presenti nell'atmosfera, anche quando non ci si espone ai raggi diretti del sole. Dal momento che la relazione tra esposizione solare diretta e melasma è molto intensa, l'uso di prodotti solari con alta protezione aiuta a prevenire il problema o evitarne il peggioramento. 
  • Indossare indumenti protettivi – Come per esempio occhiali da sole e cappelli, in modo da proteggersi completamente dai raggi UV. Ricordiamo, tuttavia, che l'uso di indumenti protettivi non sostituisce l'uso di filtri solari che devono comunque essere applicati.
  • Utilizzare cosmetici – Per la cura della pelle devono essere impiegati prodotti delicati e di qualità, per evitare di aggiungere irritazioni e stress a una pelle già di per sé sensibile ed esposta a inestetismi.
  • Evitare la ceretta – La ceretta è un metodo di depilazione, che però dovrebbe essere evitato nelle aree in cui si manifesta il melasma o il cloasma. Infatti, la ceretta potrebbe causare infiammazioni cutanee, andando ad aggravare le manifestazioni del cloasma. Il dermatologo saprà consigliare al paziente quale tecnica di epilazione adottare nelle aree interessate dal melasma.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.
Cisti Sebacea
La Cisti Sebacea si presenta come una lesione cutanea dall'aspetto di un protuberanza o di un nodulo nella cute, e al tatto appare più du...
Cheratosi seborroica
Le cheratosi seborroiche sono lesioni pigmentate benigne, la cui causa è sconosciuta.