Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Listeriosi

Listeriosi

Curatore scientifico
Dr. Antonio Silvestri
Specialità del contenuto
Malattie infettive e tropicali Microbiologia e virologia

Cos'è

La listeriosi nota anche come infezione da listeria, è appunto un'infezione alimentare causata dal batterio Listeria monocytogenes.

Sintomi

I sintomi della listeriosi dipendono dalla forma con la quale tale infezione si manifesta.

Se assume la forma tipica delle intossicazioni alimentari, essa si manifesta nel giro di poche ore provocando:
La forma più invasiva invece si diffonde in tutto l'organismo fino ad arrivare al sistema nervoso e la manifestazione dei sintomi può verificarsi anche uno o tre mesi dopo l'ingestione di cibo contaminato.  Questo provoca:
  • confusione
  • irrigidimento del collo
  • perdita dell'equilibrio
  • encefaliti o emicranie;
  • meningiti;
  • forme acute di sepsi

Rischi

L'infezione causata da listeriosi potrebbe espandersi fino al cervello, rischiando di causare una meningite, uno stato mentale alterato (confusione, ridotta attività della mente), problemi di equilibrio e convulsioni

I soggetti più a rischio sono certamente i pazienti con problemi al sistema immunitario quali malati di cancro, di diabete, di Aids, le persone anziane e i neonati. Particolarmente a rischio risultano infine le donne in gravidanza: l'infezione da Listeria può infatti provocare parto prematuro, aborto spontaneo, infezione del feto e morte in utero.

Diagnosi

La listeriosi generalmente viene diagnosticata attraverso:
  • esami del sangue;
  • coltura del liquido celebrospinale;
  • coltura del liquido amniotico.

Terapia

La terapia per la listeriosi generalmente prevede la somministrazione di antibiotici. La lunghezza del trattamento antibiotico aumenta con la gravità della listeriosi.

Contagio

La maggioranza delle persone che hanno contratto la listeriosi, hanno consumato alimenti contaminati. Poiché i batteri sono spesso presenti nel suolo e nell'acqua, alimenti come le verdure coltivate possono essere facilmente contaminati, soprattutto attraverso animali o rifiuti di fertilizzante. I processi di pastorizzazione e cottura, invece, eliminano facilmente il batterio che la causa.

Il batterio che provoca la listeriosi è presente in molti tipi di cibi crudi quali:
  • frutti di mare;
  • carni;
  • verdure;
  • formaggi. 
Dopo aver ingerito il cibo contaminato, potrebbero essere necessarie fino a tre settimane per i microrganismi per avvertire i sintomi della listeriosi, se nella sua forma organica.

Listeriosi in gravidanza

 Durante la gravidanza bisogna prestare particolare attenzione agli alimenti potenzialmente infetti. L'infezione da listeria in gravidanza può infatti provocare aborto spontaneo, parto prematuro, morte in utero o infezione del feto. È pertanto di fondamentale importanza seguire scrupolosamente una dieta che eviti carni crude, pesce crudo, verdure crude e formaggi non pastorizzati, 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Pneumococco
Lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è un batterio Gram-positivo responsabile della maggior parte delle polmoniti acquisite in comun...
Quarta Malattia
La quarta malattia o scarlattinetta è una malattia esantematica tipica dell’età pediatrica ma che può essere contratta anche dagli adulti.