Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Sindrome Di Gardner

Sindrome di Gardner

Sindrome di Gardner
Curatore scientifico
Dr. Giuseppe Gattulli
Specialità del contenuto
Gastroenterologia Oncologia

Che cos’è la sindrome di Gardner?

La sindrome di Gardner è un disturbo genetico raro. Di solito, provoca la crescita benigna o non cancerosa di una massa. È classificato come un sottotipo di poliposi familiare adenomatosa, che nel tempo provoca il cancro al colon.

La sindrome di Gardner può portare a sviluppi su varie aree del corpo. I tumori compaiono più comunemente nel colon, a volte in gran numero. Tendono ad aumentare con l'età. Oltre ai polipi nel colon, può provocare la comparsa di fibromi, tumori desmoidi, cisti sebacee, polipi sessili, polipi iperplastici, cisti mandibolari, cisti mesenteriche. Anche delle lesioni oculari possono verificarsi sulla retina in qualche paziente che ha la sindrome di Gardner.

A che età si sviluppa la sindrome di Gardner?

Nella sindrome di Gardner il tumore del colon-retto si sviluppa intorno alle età medie di:

  • 39 anni per chi è affetto dal tipo classico di poliposi adenomatosa familiare
  • 55 anni per le persone colpite da una variante del disturbo chiamata poliposi adenomatosa familiare attenuata

Il principale fattore di rischio per lo sviluppo della sindrome di Gardner è avere almeno un genitore con la stessa condizione. Una mutazione spontanea nel gene APC è un evento molto meno comune.

Quali sono le cause?

La sindrome di Gardner è una condizione genetica, il che significa che è ereditaria. Il gene dell’Adenomatous Polyposis Coli (APC) media la produzione di proteine APC. La proteina APC regola la crescita cellulare impedendo alle cellule di dividersi troppo velocemente o in modo disordinato.

Le persone con la sindrome di Gardner hanno un difetto nel gene APC. Ciò porta a una crescita anormale del tessuto. Ciò che causa la mutazione di questo gene non è stato determinato.

Quali sono le varianti della sindrome di Gardner?

La sindrome di Gardner può essere caratterizzata da:

  • poliposi adenomatosa familiare di tipo classico
  • poliposi adenomatosa familiare attenuata
  • poliposi adenomatosa familiare di tipo autosomico recessivo

Nelle persone con il tipo classico, il numero di polipi aumenta con l'età fino ad arrivare a centinaia di migliaia.La poliposi adenomatosa familiare attenuata rappresenta, invece, una variante del disturbo in cui la crescita del polipo è in ritardo. Le persone con il tipo autosomico recessivo sono affette da una forma più lieve di questa malattia e hanno meno polipi rispetto a quelle con il tipo classico. Meno di 100 polipi si sviluppano in quest’ultima variante che è causata da mutazioni in un gene diverso rispetto a quello della poliposi adenomatosa familiare di tipo classico e attenuato.

Di particolare rilevanza sono anche escrescenze non cancerose chiamate tumori desmoidi. Questi tumori fibrosi di solito si presentano nel tessuto che copre l'intestino e possono essere provocati da un intervento chirurgico per rimuovere il colon. I tumori desmoidi tendono a ripresentarsi dopo che sono stati rimossi chirurgicamente.

In quali altre parti del corpo si sviluppa la sindrome?

Con la sindrome di Gardner, in entrambe le poliposi classica e attenuata, tumori benigni e maligni possono svilupparsi in altre parti del corpo, come:

Le persone che hanno polipi del colon così come escrescenze al di fuori di esso presentano la sindrome di Gardner.

Quanto è diffusa la sindrome?

L'incidenza di poliposi adenomatosa familiare, all’origine della sindrome di Gardner, varia da 1 su 7.000 a 1 su 22.000 individui.

Quali geni sono correlati alla sindrome di Gardner?

Le mutazioni nel gene APC sono causa di sindrome di Gardner di tipo classico e attenuato. Queste mutazioni influenzano la capacità della cellula di mantenere la crescita e le funzioni normali, portano ad una crescita eccessiva delle cellule e alla formazione di polipi del colon visti nella sindrome di Gardner. Sebbene la maggior parte delle persone con mutazioni del gene APC sviluppi il cancro del colon-retto, a seconda della localizzazione della mutazione del gene cambiano:

  • il numero di polipi che possono svilupparsi
  • il tempo in cui questi possono diventare maligni

Le mutazioni nel gene MUTYH causano poliposi adenomatosa familiare autosomica recessiva (chiamata anche MYH associata poliposi). Le mutazioni in questo gene impediscono alle cellule di correggere gli errori che vengono fatti quando il DNA viene copiato (replicazione del DNA) in preparazione per la divisione cellulare. Dal momento che questi errori si accumulano nel DNA di una persona, aumenta la probabilità di crescita eccessiva delle cellule, portando a polipi del colon e la possibilità di cancro al colon.

Come si eredita la sindrome di Gardner?

Nella sindrome di Gardner ci sono differenti modelli di eredità:

  • modalità autosomica dominante
  • modalità autosomica recessiva

La modalità autosomica dominante si verifica quando la poliposi adenomatosa familiare deriva da mutazioni nel gene APC, il che significa che una sola copia del gene alterato in ogni cella è sufficiente a causare il disturbo e che, nella maggior parte dei casi, una persona affetta ha un genitore con la condizione.

La modalità autosomica recessiva si presenta quando la poliposi adenomatosa familiare risultata da mutazioni nel gene MUTYH, il che significa che entrambe le copie del gene in ogni cellula hanno mutazioni. Molto spesso, i genitori di un individuo con una malattia autosomica recessiva portano ciascuno una sola copia del gene mutato, ma non mostrano segni e sintomi della malattia.

Come viene diagnosticata la sindrome di Gardner?

Il medico può ordinare un esame del sangue per controllare la sindrome di Gardner, potrà effettuare una colonscopia per rilevare la presenza di polipi nel colon o se ci sono altri segni. Il test del sangue rivela se esiste una mutazione del gene APC.

Come viene curata la sindrome di Gardner?

Poiché le persone con sindrome di Gardner hanno un rischio più elevato di sviluppare il cancro al colon, il trattamento è solitamente volto a prevenire questa evenienza.

Possono essere utilizzati farmaci come un NSAID o un inibitore COX2 per contribuire a limitare la crescita dei polipi del colon.
Il trattamento prevede anche un monitoraggio stretto dei polipi con endoscopia del tratto gastrointestinale inferiore per assicurarsi che non diventino maligni (cancerosi). Una volta che vengono trovati 20 o più polipi a rischio, viene raccomandata la rimozione del colon per prevenire la comparsa del cancro allo stesso.

Se sono presenti anomalie dentali, si può raccomandare un trattamento ortodontico per correggere tali problemi.
Come per tutte le condizioni mediche, uno stile di vita sano con un'adeguata alimentazione, esercizio fisico e riduzione dello stress può aiutare le persone a far fronte a problemi fisici ed emotivi correlati.

Qual è la prospettiva di vita per le persone affette dalla malattia?

Le prospettive per le persone con sindrome di Gardner variano, a seconda della gravità dei sintomi. Le persone che hanno una mutazione del gene APC, come quelle affette dalla sindrome di Gardner, hanno sempre maggiori probabilità di sviluppare il cancro al colon con l’avanzare dell’età.

Senza un trattamento chirurgico, quasi tutte le persone con la mutazione del gene APC svilupperanno il cancro al colon entro i 39 anni (in media).

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

MRGE
La malattia da reflusso gastroesofageo, detta anche MRGE, è una patologia che interessa l'apparato gastroesofageo. e indica la risalita d...
Ipercloridria
L'ipercloridria è un disturbo che colpisce l'apparato gastrointestinale e che può avere numerose cause; occorre scoprire l'origine del di...
Indigestione (colica addominale)
L'indigestione, medicalmente nota anche come colica addominale, è una condizione in cui lo stomaco