Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Sindrome Ipereosinofila

Sindrome ipereosinofila

Sindrome ipereosinofila
Curatore scientifico
Dr. Massimo Zuccaccia
Specialità del contenuto
Ematologia

Cos’è la sindrome ipereosinofila?

La sindrome ipereosinofila è un disturbo mieloproliferativo caratterizzato da eosinofilia persistente associata a danni a più organi. Le 3 caratteristiche necessarie per una diagnosi di sindrome ipereosinofila sono:

  1. Un conteggio eosinofilo assoluto superiore a> 1500/μl, che persiste per più di 6 mesi
  2. Nessuna eziologia identificabile per l'eosinofilia
  3. Segni e sintomi di coinvolgimento dell'organo

Tuttavia, grazie ai progressi delle tecniche di diagnosi, le cause secondarie di eosinofilia possono venir identificate in una percentuale di casi che altrimenti sarebbero stati classificati come sindrome ipereosinofila idiopatica.

La diagnosi differenziale della sindrome ipereosinofila comprende altre cause di eosinofilia, che possono essere classificate come familiari o acquisite. L'eosinofilia familiare è un disordine dominante autosomico con una conta di eosinofili stabile e un decorso clinico benigno. L'eosinofilia acquisita viene ulteriormente divisa in eosinofilia secondaria, clonale e idiopatica.

Eosinofilia secondaria

L'eosinofilia secondaria è un fenomeno reattivo derivato dalle citochine. In tutto il mondo, le malattie parassitarie sono la causa più comune, mentre nei paesi sviluppati le malattie allergiche sono all’origine di questa patologia. Altre cause includono:

Eosinofilia clonale

L'eosinofilia clonale viene diagnosticata con l'istologia del midollo osseo, la citogenetica e la genetica molecolare. Le cause includono le seguenti:

  • Leucemia acuta: leucemia linfoblastica acuta pre-B, leucemia mieloide acuta M4 con eosinofilia del midollo osseo.
  • Disturbi mieloidi cronici.

I disturbi clinicopatologicamente assegnati a questa variante includono quanto segue:

  • Sindrome mielodisplastica
  • Patologie mieloproliferative: policitemia, leucemia eosinofila cronica, mastocitosi sistemica, leucemia mielomaocitica cronica

Eosinofilia idiopatica

L'eosinofilia idiopatica ha una diagnosi di esclusione quando le cause secondarie e cloniche dell'eosinofilia sono escluse. La sindrome ipereosinofila è un sottoinsieme di eosinofilia idiopatica caratterizzata da eosinofilia persistente di durata superiore a 6 mesi, associata a danni agli organi.

Quali sono le cause della sindrome ipereosinofila?

La produzione di eosinofili è regolata da diverse citochine, tra cui IL-3, IL-5.

A differenza dei neutrofili, gli eosinofili possono sopravvivere nei tessuti per settimane. La loro sopravvivenza nei tessuti dipende dalla presenza sostenuta di citochine. Solo gli eosinofili e i basofili e i loro precursori hanno recettori per IL-3, IL-5 e GM-CSF. In vitro, gli eosinofili sopravvivono meno di 48 ore in assenza di citochine.

I granuli eosinofili contengono proteine ​​cationiche tossiche, che sono i mediatori primari dei danni tissutali. Queste tossine includono importanti proteine ​​di base: la perossidasi eosinofila, la neurotossina eosinofilo-derivata e la proteina cationica eosinofila. Queste ultime sono ribonucleasi. I radicali liberi prodotti dalla perossidasi eosinofila e dal percorso ossidativo delle vie respiratorie degli eosinofili infiltranti aumentano ulteriormente i danni.

Gli eosinofili amplificano la cascata infiammatoria secernendo i chemioattrattanti che reclutano più eosinofili. Tali chemioattrattanti includono i seguenti:

  • eotaxina
  • fattore di attivazione della piastrine
  • la citochina RANTES (regolata dopo l'attivazione, la normale cellula T espressa e secreta).

La complicanza più grave della sindrome ipereosinofila è il coinvolgimento cardiaco, che può causare fibrosi miocardica, insufficienza cardiaca cronica, amiloidosi cardiaca e morte. I meccanismi dei danni cardiaci non sono completamente compresi, ma il danno è marcato da gravi addensamenti fibrotici di uno o entrambi i ventricoli, con conseguente cardiomiopatia restrittiva a causa dell'ostruzione di afflusso.

La sindrome ipereosinofila è un disturbo cronico e progressivo che è potenzialmente fatale. La trasformazione in malattia cronica potrebbe verificarsi dopo molti anni. La vera sindrome ipereosinofila-idiopatica è generalmente indolente, ma i pazienti con caratteristiche che suggeriscono un disturbo mieloproliferativo/neoplastico e coloro che sviluppano insufficienza cardiaca cronica hanno una prognosi peggiore.

E’ più comunemente diagnosticata nei pazienti di età compresa tra i 20 e i 50 anni, con un'incidenza di picco nel quarto decennio. La sindrome ipereosinofila è rara nei bambini. L'incidenza sembra diminuire nella popolazione anziana.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Anemia di Fanconi
L’anemia di Fanconi rientra nel gruppo delle malattie genetiche rare, ed è una malattia ematologica a cui sono associate malformazioni co...
Anemia aplastica
I difetti del midollo osseo correlati al suo mancato o ridotto sviluppo, cioè all’aplasia midollare, sono causa di pancitopenia, ovvero d...
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...