Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Broncospasmo

Broncospasmo

Broncospasmo
Curatore scientifico
Dr. Carlo Iadevaia
Specialità del contenuto
Pneumologia

Cosa intendiamo con broncospasmo?

Il broncospasmo è una condizione che si verifica con contrazione anormale della muscolatura liscia dei bronchi (vie aeree che si ramificano nei polmoni), con conseguente restringimento delle vie respiratorie e ostacolo alla fuoriuscita di aria. In genere si manifesta con affanno(dispnea) e tosse prevalentemente secca e può comparire acutamente o essere cronico.

Il muscolo bronchiale entra in uno stato di contrazione tale da far restringere il diametro del bronco per molti fattori irritativi(fumo,allergeni tipo polline,vapori). Gonfiore e infiammazione della mucosa determinano ulteriore riduzione del diametro bronchiale. Inoltre, le ghiandole bronchiali ,specie nei fumatori possono produrre quantità eccessive di muco, molto vischioso, che può formare tappi nei bronchi, ostacolando ulteriormente il flusso di aria.

Quando i bronchi sono ostruiti, sono necessari maggiori pressioni per far fluire l'aria, questo richiede un notevole aumentato dello sforzo muscolare. La respirazione durante il broncospasmo, infatti, necessita uno sforzo maggiore rispetto a quello richiesto per i normali atti respiratori.

Cosa sono i bronchi e dove si trovano?

bronchi sono una parte dell’apparato respiratorio e si trovano all’interno della massa spugnosa polmonare. Abbiamo un bronco destro e un bronco sinistro.

L’atto respiratorio prevede due fasi:

  • inspirazione; introduzione di aria ricca di ossigeno  all’interno del corpo.
  • espirazione, ovvero espulsione di aria ricca di anidride carbonica

In entrambi i casi l’aria respirata segue un percorso. Partendo dalle vie aeree superiori, entra dal naso e dalla bocca, passa attraverso il faringe, laringe e giunge alla trachea.

Quest’ultima, costituita da circa 15 semi-anelli cartilaginei sovrapposti, all’altezza della sesta vertebra cervicale si biforca nei due bronchi che affondano all’interno dei polmoni.

I bronchi, a loro volta, ramificano in strutture sempre più piccole per formare l’albero bronchiale che termina con gli alveoli polmonari, avvolti  da una fitta rete di capillari. A questo livello avvengono gli scambi gassosi respiratori.

Il sangue, che giunge ai polmoni, cede anidride carbonica prelevata dai tessuti, e si carica di ossigeno che distribuirà nuovamente ai diversi distretti corporei.

L’anidride carbonica arrivata ai polmoni viene espulsa attraverso le vie aeree sopra descritte, stavolta percorrendo il senso opposto.

Quali sono le cause del broncospasmo?

Il broncospasmo può essere causato da: 

  • Asma
  • Infiammazione o infezioni delle vie aeree
  • Malattie polmonari croniche (tra cui l'enfisema e la bronchite cronica)
  • Reazione allergica  che può arrivare fino allo shock anafilattico
  • Inalazione di allergeni come peli di animali, pollini, polveri, muffe e alimenti
  • Emozioni e stress psicologico
  • Esercizio fisico
  • Reflusso gastroesofaego

Quali sono i sintomi più comuni del broncospasmo?

  • Tosse
  • Respiro sibilante (fischio ai polmoni)
  • Senso di oppressione al petto
  • Difficoltà respiratoria

Come di diagnostica?

La diagnosi si basa sull'esame clinico nel quale si possono trovare respiro affannoso, fischio ai polmoni, fame d’aria e segni generalizzati di un attacco d'asma.

La radiografia del torace spesso non ci da informazioni sul broncospasmo ma ci permette di escludere altre cause di tosse e dispnea

La spirometria è invece fondamentale in quanto ci permette di valutare la presenza di asma bronchiale o BPCO.In seguito test da praticare in seconda battuta sono i test cutanei per allergeni inalanti ed eventualmente una laringoscopia per valutare la compresenza di reflusso gastroesofageo.

Come si cura il broncospasmo?

il trattamento si basa su farmaci inalatori.Tra i farmaci utilizzati per trattare il broncospasmo troviamo:

  • b2-agonisti, (salbutamolo, formoterolo, salmeterolo, vilanterolo, olodaterolo) che agiscono con azione broncodilatatrice in primis rilassando la muscolatura liscia bronchiale
  • Anticolinergici (ipratropio, tiotropio, glicopirronio bromuro, aclidinio bromuro) sono broncodilatatori con azione specifica sul sistema colinergico, contrastando la costrizione bronchiale
  • Cortisonici inalaori (budesonide, beclometasone, fluticasone, ciclesonide) e sistemici (prednisone, betametasone, desametasone, metilprednisone) riducono l’infiammazione e, in associazione con i broncodilatatori, risultano particolarmente efficaci
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difficoltà respiratorie
Le difficoltà respiratorie possono sopraggiungere per varie cause. Occorre riconoscere il motivo della difficoltà respiratoria, per giung...
Tosse secca
La tosse secca è un sintomo particolarmente fastidioso che può avere più di un'origine. Occorre individuare la causa esatta del malessere...
Starnuto
Lo starnuto è una manifestazione fisiologica, spesso usata dall'organismo per espellere sostanze irritanti o batteri.