Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Pneumococco

Pneumococco

Pneumococco
Curatore scientifico
Dr. Tania Catalano
Specialità del contenuto
Malattie infettive e tropicali Pneumologia

Cos'è lo pneumococco?

Lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è un batterio Gram-positivo responsabile della maggior parte delle polmoniti acquisite in comunità. È un organismo commensale nel tratto respiratorio umano, il che significa che beneficia del corpo umano, senza danneggiarlo. Tuttavia, l'infezione da pneumococco può essere pericolosa, causando non solo la polmonite, ma anche la bronchite, l'otite media, la setticemia e la meningite.

Lo streptococcus pneumoniae è un batterio alfa-emolitico, il che significa che può distruggere i globuli rossi attraverso la produzione di perossido di idrogeno. La produzione di perossido di idrogeno da parte del batterio può anche causare danni al DNA e uccidere le cellule all'interno dei polmoni.

La polmonite da pneumococco causa febbre e brividi, tosse, difficoltà respiratorie e dolore toracico. Se l'infezione si diffonde al cervello e al midollo spinale, può causare meningite da pneumococco, caratterizzata da torcicollo, febbre, confusione e mal di testa.

L'infezione da pneumococco è responsabile di 1-2 milioni di decessi infantili in tutto il mondo, ogni anno. Durante le epidemie influenzali, S. pneumoniae è associata a mortalità più elevata in pazienti infetti da entrambi i microrganismi. Si pensa che S. pneumoniae e Haemophilius influenzae abbiano un effetto sinergico l'uno sull'altro, quando infettano lo stesso ospite.

Fattori di rischio

I principali fattori di rischio per l'infezione sono:

Diagnosi

S. pneumoniae può essere facilmente identificato coltivando campioni di batteri su piastre di Petri con terreno di coltura agar sangue. A causa delle loro proprietà emolitiche questi batteri trasformeranno l'agar sangue in verde scuro. Tuttavia, la crescita delle colture batteriche può richiedere tempo. Pertanto, è più efficiente diagnosticare un'infezione usando tecniche più moderne:

  1. La prima tecnica prevede l'individuazione di parti del batterio dello streptococco, note come antigeni, nelle urine. Il polisaccaride C, un componente principale della parete cellulare batterica, può essere rilevato in numerosi liquidi corporei. L'immunocromatografia viene utilizzata per testare la presenza di antigeni specifici e si confronta positivamente con la diagnosi tramite coltura batterica.
  2. La seconda tecnica prevede un'analisi basata sul rilevamento di sequenze di DNA specifiche di S. pneumoniae. Questi possono essere eseguiti con estrema rapidità e l'elevata specificità conferita dall'uso del DNA come bersaglio minimizza il rischio di errore.

Trattamento

Gli antibiotici sono la prima linea di trattamento per le infezioni batteriche e sono efficaci contro lo pneumococco. Tuttavia, il trattamento delle infezioni da pneumococco dipende dal ceppo con cui un paziente è stato infettato.

Alcuni ceppi di S. pneumoniae hanno acquisito resistenza a specifici antibiotici e pertanto non possono essere trattati in modo affidabile con essi. Durante la diagnosi, i casi di S. pneumoniae vengono spesso testati per la sensibilità agli antibiotici in modo che il medico possa fare una valutazione del trattamento in base ai risultati.

Solitamente lo pneumococco mostra una discreta sensibilità a penicilline, eritromicina e tetracicline. Sono stati segnalati diversi casi di resistenza a questi farmaci, soprattutto alle penicilline.

Generalmente, le infezioni da pneumococco vanno trattate con l'associazione amoxicillina con acido clavulanico; anche le cefalosporine sono farmaci indicati per eradicare le infezioni da pneumococco.

Vaccino per lo pneumococco

La prevenzione è considerata migliore di una cura e quindi la vaccinazione è preferibile piuttosto che curare una malattia. Sono disponibili due vaccini per l'infezione da pneumococco ed entrambi si basano sullo stesso meccanismo: somministrazione di antigeni per provocare una risposta immunitaria nel soggetto ricevente. Tuttavia, dall'introduzione di questi vaccini per combattere la diffusione di S. pneumoniae, sono stati osservati alcuni ceppi privi degli antigeni verso cui il corpo è stato sensibilizzato.

Si stanno prendendo in considerazione altri approcci vaccinali, alla ricerca di antigeni che siano più prontamente conservati tra i ceppi batterici.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è una malattia, per così dire, non più esistente, dal momento che oggi si parla di bronchite acuta, cronica o asma ...
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Quarta Malattia
La quarta malattia o scarlattinetta è una malattia esantematica tipica dell’età pediatrica ma che può essere contratta anche dagli adulti...