Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Desensibilizzazione Sistematica

Desensibilizzazione sistematica

Desensibilizzazione sistematica
Curatore scientifico
Dr. Martina Valizzone
Specialità del contenuto
Psicologia

Cos'è la desensibilizzazione sistematica?

La desensibilizzazione sistematica è una tecnica utilizzata nella psicoterapia ad orientamento cognitivo-comportamentale per il trattamento delle fobie, allo scopo di ridurre i livelli di ansia legati ad un stimolo fobico. Questa tecnica di desensibilizzazione progressiva si basa sul principio fondamentale che un individuo non può sperimentare contemporaneamente ansia e rilassatezza.

Partendo da questo presupposto, il terapeuta presenta al paziente stimoli in grado di provocare ansia, con sempre maggiore intensità, mentre questi è in uno stato di profondo rilassamento, il rilassamento finirà poi per prevalere sulla risposta ansiosa e a sostituirsi a questa, grazie alla desensibilizzazione emotiva relativa a quel preciso stimolo.

Questa tecnica ancor oggi molto utilizzata in psicoterapia, è stata sviluppata negli anni ‘50 da Joseph Wolpe, a partire dalle teorie sul condizionamento operante. Alcune delle fobie più comuni come la paura di volare, di parlare in pubblico o di un determinato animale sono oggi trattate con successo con questa tecnica. 

Desensibilizzazione sistematica: è utile per curare le fobie?

La ricerca scientifica nell’ambito della desensibilizzazione sistematica ha evidenziato come questa tecnica sia molto efficace nel trattamento delle fobie specifiche, della fobia sociale e nella riduzione degli stati ansiosi. Recenti studi hanno confermato l’efficacia della tecnica anche nel trattamento dei pazienti affetti da depressione o schizofrenia.

La desensibilizzazione sistematica è attualmente considerata come la tecnica più efficace, usata in psicoterapia, per il trattamento delle fobie animali. Tramite l’esposizione graduale allo stimolo o alla situazione che incute timore, prima immaginata e successivamente in vivo, il soggetto diventerà in grado di controllare la sua risposta emotiva e quindi la sua fobia, fino all’esaurimento dei sintomi. Nel caso di soggetti affetti da fobie multiple, la tecnica di desensibilizzazione sistematica viene applicata alternativamente ad ogni fobia con le stesse modalità.

Quali sono le fasi?

La desensibilizzazione sistematica è costituita da tre fasi:

  • Prima fase: il paziente nel corso della prima fase del trattamento viene addestrato all’uso delle tecniche di rilassamento, quali il rilassamento muscolare progressivo e la respirazione diaframmatica. Lo scopo di queste tecniche è quello di addestrare il paziente ad utilizzare il rilassamento per ridurre le sensazioni fisiche legate all’ansia (come i tremori, la tachicardia, l’iperventilazione etc.) e riuscire quindi a controllare la propria reazione fobica davanti all’oggetto o alla situazione temuta. 
  • Seconda fase: il secondo passo consiste nell’indagare lo stimolo fobico. Il paziente guidato dal terapeuta creerà una gerarchia di situazioni disturbanti, che partono dalla situazione meno ansiogena per arrivare a quella più temuta. Allo scopo di lavorare per gradi all’estinzione della risposta fobica.
  • Terza fase: in terapia il paziente guidato dal terapeuta inizierà ad affrontare, prima a livello immaginifico o virtuale fino all’esposizione in vivo, le situazioni temute a partire dal gradino più basso della scala gerarchica che lui stesso ha creato.  
L’obiettivo di questa tecnica è quello di insegnare al paziente un modo alternativo di rispondere ad un determinato stimolo fobico mediante l’uso delle tecniche di rilassamento apprese. Attraverso l’esposizione progressiva allo stimolo e la conseguente risposta controllata, il soggetto arriva al pieno controllo della situazione fino all’estinzione dei sintomi, situazione nella quale il rilassamento sostituisce la risposta ansiosa.

Tecniche di desensibilizzazione

La desensibilizzazione sistematica è stato il primo intervento largamente utilizzato nel trattamento comportamentale delle fobie. A partire dalla sua concettualizzazione ne sono state sviluppate molte versioni, con applicazioni a contesti molto diversi.

Col tempo, le tecniche di esposizione si sono arricchite arrivando a comprendere l'esposizione in vivo degli oggetti o delle situazioni temute.

Per capire meglio come si applica questa tecnica comportamentale usata in psicoterapia, vengono do seguito proposti alcuni esempi.

Come accennato in precedenza, nel caso di fobie specifiche che coinvolgono animali, il soggetto viene prima formato con le tecniche di rilassamento; successivamente, insieme al terapeuta stilerà una gerarchia di situazioni, dalla meno intensa a quella più intesa, potenzialmente in grado di generare ansia e panico. Sulla base di questa gerarchia il terapeuta guiderà il paziente all’esposizione a queste.

In un primo momento il paziente potrà essere sottoposto alla visione di foto o video dell’animale temuto, successivamente sarà guidato al livello immaginativo a vivere le situazioni ansiogene che coinvolgono la presenza dell’animale, cui seguirà l’esposizione in vivo in lontananza dello stesso animale, poi ancora in vicinanza, fino all’interazione con l’animale stesso, con l’indicazione che ogni qualvolta il paziente sarà assalito dall’ansia e dalla tensione dovrà mettere in pratica le tecniche di rilassamento apprese, in modo da associare allo stimolo ansiogeno il rilassamento indotto dalle tecniche utilizzate.

Altro esempio tipico dell’uso della desensibilizzazione è la paura del mare. Il paziente in una prima fase viene invitato a visionare foto o immaginare situazioni che hanno a che fare con il mare, per arrivare sotto la guida del terapeuta a guardare il mare da lontano, avvicinarsi progressivamente alla spiaggia e poi al bagnasciuga, entrare in contatto l’acqua, e continuare fino a quando il soggetto non sarà capace di muoversi liberamente in acqua, sostituendo il rilassamento alla risposta fisiologica tipica dell’ansia.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Psicofarmaci
Gli psicofarmaci sono medicinali di sintesi impiegati nella cura e nel controllo di disturbi psicologici quali l’ansia, la depressione, l...
Prescrizione del sintomo
La prescrizione del sintomo è una tecnica psicologica terapeutica in cui l'analista chiede al paziente di mettere volontariamente in atto...
Zen
Sotto il concetto di meditazione zen sono raccolte diverse pratiche meditative che aiutano a padroneggiare l’attività mentale, concentran...