Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Valori Nutrizionali
  4. Erbe Piante Officinali

Erbe officinali (e piante officinali)

Erbe officinali (e piante officinali)
Curatore scientifico
Dr. Elisabetta Bernardi
Specialità del contenuto
Nutrizione Omeopatia

Erbe officinali: cosa sono?

Si definiscono “officinali” le erbe e piante che grazie alle loro proprietà terapeutiche, sono impiegate in campo medico e farmacologico.

Molte piante ed erbe officinali crescono in modo spontaneo, dalla loro lavorazione deriva la produzione di oli essenziali, unguenti, tisane e cosmetici.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce con medicinali le piante ed erbe che "contengono in uno o più organi, sostanze che possono essere utilizzate a fini terapeutici o preventivi o che sono precursori di emisintesi chemiofarmaceutiche".

Le proprietà curative di una pianta o erba medicinali non sono universalmente riconosciute: una stessa pianta o erba può essere definita medicinale in uno stato piuttosto che in un altro, a seconda del tipo di legislazione in vigore.

Storia delle erbe officinali

L’impiego di erbe officinali risale sin dall’antichità, ecco qualche testimonianza:

  • nell’antico Egitto piante ed erbe officinali venivano largamente utilizzate per compiere le procedure di mummificazione;
  • nell’antica Grecia si sviluppa il concetto di piante ed erbe con impiego medico;
  • risale al I Secolo DC la creazione del primo orto medicale per la coltivazione di erbe curative;
  • nel Medioevo, ad opera degli Arabi, viene scoperto l’alcool, derivato dalla distillazione di erbe e piante officinali;
  • tra il XI e il XIII secolo vengono composti i primi testi farmaceutici nei quali vengono esplicitate le proprietà curative di erbe e piante officinali;
  • nel ‘500 viene redatto ad opera di Pier Andrea Mattioli il testo di medicina “Discorsi” dove vengono esplicitate evidenze degli effetti curativi di piante ed erbe medicinali;
  • nel ‘700 nasce la farmacologia moderna: le proprietà curative di erbe e piante officinali vengono estese alla fitoterapia e omeopatia.

Elenco erbe officinali

Tra le più comuni piante ed erbe officinali citiamo:

  • aloe vera, dalle cui foglie si estrae dalle innumerevoli proprietà curative;
  • maggiorana, pianta spontanea che si contraddistingue per il profumo particolarmente intenso;
  • malva, pianta tipicamente primaverile ed estiva;
  • anice stellato, originaria della Cina, successivamente esportata in Europa;
  • anice verde, noto per le proprietà afrodisiache;
  • mirto, pianta sacra nell’antica Roma;
  • origano, ampiamente utilizzato in cucina, ricco di proteine e Sali minerali;
  • basilico, origano, timo, rucola, rosmarino e menta: piante molto utilizzate in cucina;
  • lavanda, da cui derivano oli essenziali dal profumo delicato;
  • luppolo, pianta da cui si produce la birra.

Proprietà delle erbe officinali

Innumerevoli sono le proprietà terapeutiche di erbe e piante medicinali, tra le quali ricordiamo:

  • aloe vera, reperibile sotto forma di gel o altri tipi di cosmetici, nota per le sue proprietà lassative, antisettiche e antinfiammatorie;
  • maggiorana, un concentrato di vitamina C e oli essenziali, dalle importanti proprietà antisettiche;
  • malva, utilizzata largamente per contrastare infiammazioni del cavo orale;
  • anice stellato, a favore della digestione;
  • anice verde, svolge un’importante azione antibatterica soprattutto a carico dell’apparato respiratorio;
  • mirto, grazie alla vitamina C si distingue per le proprietà astringenti e antisettiche;
  • origano, noto analgesico;
  • liquirizia e melissa, grazie alle loro proprietà toniche e diuretiche, ideali per chi vuole dimagrire;
  • ginseng, ideale per chi vuole dimagrire velocemente;
  • ricino, l’olio che ne deriva è noto per le sue proprietà emollienti;
  • ginepro, importante pianta diuretica;
  • menta, nota per le sue proprietà digestive;
  • rucola, ampiamente usata in cucina, è un ottimo depurativo e digestivo.
     

Come si utilizzano?

Delle piante ed erbe officinali si utilizza la “droga”, ovvero foglie, semi, radici, corteccia, parti che contengono i principi attivi, ovvero il fitocomplesso. L’azione congiunta dei principi attivi rende piante ed erbe officinali uniche in termini di proprietà curative, concentrazione difficile da riproporre in laboratorio.

Le erbe officinali sono facilmente reperibili in commercio sotto forma di tisane, unguenti, oli essenziali, profumi e altri cosmetici.

Quali erbe sono dannose in gravidanza e allattamento?

Seppure naturali e dalle prestigiose proprietà curative, alcune piante ed erbe officinali devono essere assolutamente evitate in gravidanza o durante il periodo di allattamento, in quanto contengono principi attivi che possono causare danni allo sviluppo del nascituro.

Piante ed erbe curative di cui si sconsiglia fortemente l’uso sono:

  • frangula, rabarbaro, senna, cascara, aloe vera, dalle proprietà lassative, possono generare contrazioni e conseguenti minacce d’aborto o nascite premature;
  • finocchio e menta, per rischio allergeni;
  • menta e finocchio, a rischio allergia per la concentrazione di principi;
  • salvia e carciofo, rallentano la produzione di latte materno.

L’uso di erbe è altamente sconsigliato nei primi tre mesi di gravidanza, nel periodo successivo e durante l’allattamento è consigliato procedere a somministrazione di erbe e piante esclusivamente su consiglio medico, per evitare spiacevoli inconvenienti come allergie o altri effetti collaterali.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Nux vomica
La nux vomica o noce vomica è un potente rimedio omeopatico volto a risolvere numerose problematiche di salute.
Nitriti e nitrati
Nitriti e nitrati sono sostanze naturalmente presenti in acqua e vegetali, mentre nelle carni è naturale la presenza di un minimo quantit...
Bicarbonato di sodio
Gli usi del bicarbonato di sodio sono molteplici: è utile per digerire, disinfettare, igienizzare e sbiancare. Entriamo nei dettagli.