Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Prurito Vaginale

Prurito vaginale

Prurito vaginale
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cos'è il prurito vaginale

Il prurito vaginale è una sensazione di prurito che riguarda la zona della vagina e quella vulvare. Si tratta di un sintomo scomodo e talvolta doloroso che spesso si verifica a causa di sostanze irritanti, infezioni o l'arrivo della menopausa.

Le cause del prurito vaginale possono anche dipendere da alcuni disturbi della pelle o malattie sessualmente trasmissibili. In rari casi,il prurito vaginale potrebbe svilupparsi a causa di stress o cancro vulvare.

La maggior parte del prurito vaginale non è un motivo di preoccupazione. Tuttavia, è necessario contattare il medico o il ginecologo se il prurito è grave o se si sospetta di avere una condizione sottostante.

Il medico può determinare la causa del prurito vaginale attraverso un esame e un test. Saranno anche in grado di consigliare trattamenti appropriati per questo sintomo scomodo.

Cause del prurito vaginale

Le cause di prurito vaginale nella maggior parte dei casi sono il segno distintivo di:

  • infezioni da lieviti;
  • altre infezioni vaginali, come le malattie a trasmissione sessuale.
Oltre a queste condizioni, molteplici cause possono provocare il prurito vaginale, che può essere dovuto anche a sostanze chimiche irritanti che possono trovarsi in:

  • detersivi o saponi;
  • lavande e creme vaginali;
  • carta igienica;
  • prodotti per il bagno;
  • prodotti per l'igiene femminile;
  • contraccettivi.
Oltre alle cause infettive già citate, attribuiamo grande importanza agli estrogeni. In perimenopausa una carenza di estrogeni è infatti facilmente responsabile di prurito e bruciori vaginali che spesso si accompagnano a pseudocistiti, che è inutile curare con antibiotici.

Ma, a volte si lamentano di prurito anche giovani donne che presentano a livello di grandi e piccole labbra delle zone biancastre, significative di mancata risposta alla funzione nutritiva degli estrogeni, peraltro presenti normalmente.

In questi casi, il ricorrere a creme a base di estrogeni non risolve nulla. Più efficaci preparati galenici a base di testosterone (difficili da trovare) . Opportuno poi fare sempre anche un dosaggio della glicemia in caso di prurito vaginale: può essere il primo sintomo di un diabete, che, tra l’altro, favorisce le infezioni.

Condizioni associate con il prurito vaginale

Una delle condizioni a cui si associa il prurito vaginale è la fase di transizione della menopausa a cui vanno incontro tutte le donne e che può provocare prurito vaginale a causa delle fluttuazioni dei livelli di estrogeni.

Alcuni studi hanno inoltre dimostrato un legame tra lo stress psicologico e le infezioni vaginali. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che lo stress è noto per avere un effetto negativo sul sistema immunitario e potrebbe aumentare la probabilità di sviluppare un’infezione.

Prurito vaginale in gravidanza

Sei più a rischio di prurito vaginale in gravidanza. I cambiamenti nei livelli di ormoni femminili, come l'estrogeno, aumentano infatti le probabilità di sviluppare mughetto e rendono più probabile un suo ritorno.

Non ci sono prove che il prurito vaginale abbia una cattiva influenza sulla gravidanza o che possa nuocere al feto.

Tuttavia, se sei incinta hai contratto una infezione vaginale durante la gravidanza, o ti è successo in fase di allattamento, dovresti evitare trattamenti orali e optare per pessari vaginali e creme topiche, se necessario.

Cosa fare per il prurito vaginale

Una volta che il medico ha individuato la causa del vostro prurito vaginale, raccomanderà alcune opzioni di trattamento. Il corso specifico del trattamento richiesto dipende dalla condizione particolare che sta causando il problema. I trattamenti per il prurito vaginale possono quindi includere:

  • Infezioni vaginali da lieviti Il medico può trattare le infezioni vaginali lievito con farmaci antifungini. Questi sono disponibili in varie forme, tra cui creme, unguenti, o pillole. Sono disponibili su prescrizione o al banco in farmacia. Tuttavia, se il medico non ha mai diagnosticato un'infezione da lievito, assicurati di parlarne con lui prima di assumere qualsiasi farmaco.
  • Vaginosi batterica − I medici spesso trattano la vaginosi batterica con antibiotici. Questi possono avere la forma delle pillole orali o delle creme da spalmare sulla vagina. Indipendentemente dal tipo di trattamento che si utilizza, è importante seguire le istruzioni del medico per completare l'intero ciclo di farmaci
  • Malattie sessualmente trasmissibili − È possibile trattare le malattie veneree con antibiotici, antivirali o antiparassitari. Avrete bisogno di prendere i farmaci regolarmente ed evitare rapporti sessuali fino a quando la vostra infezione sarà guarita.
  • Menopausa − Il prurito può essere dovuto al sopraggiungere della menopausa, i cui sintomi possono essere gestiti con crema a base di estrogeni, compresse, o inserendo un anello vaginale.
  • Altre cause − Altri tipi di prurito vaginale e irritazione spesso passano da soli. Nel frattempo, è possibile applicare creme steroidee o lozioni per ridurre l'infiammazione. Tuttavia, si dovrebbe limitarne l'utilizzo, perché possono anche portare a irritazione cronica e prurito, se se ne abusa.

Rimedi naturali per il prurito vaginale

È possibile prevenire il prurito vaginale attraverso una buona igiene intima e attraverso sane abitudini di vita. Per prevenire l'irritazione vaginale e per gestire l'infezione vaginale a casa:

  • Utilizzare acqua calda e un detergente delicato per lavare la zona genitale.
  • Evitare saponi profumati, e lozioni particolarmente spumose.
  • Evitare di utilizzare prodotti come spray e docce vaginali.
  • Togli i vestiti bagnati o umidi subito dopo una nuotata o un intenso allenamento fisico.
  • Indossare biancheria intima di cotone e cambiarla ogni giorno.
  • Mangiare yogurt con colture vive per ridurre la possibilità di contrarre infezioni da lieviti.
  • Utilizzare preservativi durante il rapporto sessuale.
  • Pulirsi sempre accuratamente dopo la defecazione.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Bruciore intimo
Una sensazione di bruciore nella zona intima è un comune disagio vaginale che ogni donna sperimenta in qualche fase della propria vita. 
Anedonia
L'anedonia indica una forma di appiattimento emotivo e affettivo caratterizzato dall’incapacità di provare soddisfazione e interesse, per...
Tensione al seno
La tensione al seno è un sintomo che può essere riconducibile a diverse condizioni o patologie. In genere corrisponde all'approssimarsi d...