Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Quale acqua scegliere (in base alle proprie necessità)

Quale acqua scegliere (in base alle proprie necessità)

Ultimo aggiornamento – 22 ottobre, 2018

quale acqua scegliere
Indice

Come sappiamo, l’acqua è un componente fondamentale del nostro organismo, che costituisce il 65% del nostro corpo. Non solo. È fonte di vita per gli uomini e per tutti gli esseri viventi. Non è un caso che venga chiamata “oro blu”, proprio per l’importanza che riveste nel nostro ecosistema.

L’acqua non è tutta uguale

Perché l’acqua è così importante per il nostro organismo? Il 92% dell’acqua si trova nel sangue e facilita il trasporto degli scarti nell’organismo. Aiuta inoltre a regolare la temperatura corporea grazie alla sudorazione e permette il corretto funzionamento dell’intestino, prevenendo la stitichezza e i diverticoli.

È formata da diversi micronutrienti, che variano da acqua ad acqua. Possiamo quindi affermare che l’acqua non è tutta uguale e una può essere migliore di un’altra a seconda della nostre necessità ed esigenze.

Dunque, come scegliere quella più adatta a noi? Tutto dipende dalla nostra età, dalla presenza di patologie e dalla fase di vita in cui ci troviamo. La regola generale, applicabile a tutti, è quella di assumere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno.

Quale acqua scegliere

A seconda dei suoi componenti, l’acqua viene classificata in quattro categorie diverse:

  • Minimamente mineralizzata – Quando i sali minerali contenuti nell’acqua non superano 50 mg/l. Questa tipologia è leggera, stimola la diuresi e può essere utilizzata negli alimenti per i neonati (ad esempio per la preparazione del latte in polvere).
  • Oligominerale – Quando i sali minerali non superano il valore di 500 mg/l. Queste acque sono diuretiche ed hanno un modesto contenuto di sodio: per questo motivo sono indicate per chi segue una dieta iposodica.
  • Minerale – Quando i sali minerali sono compresi tra 500 mg/l e 1500 mg/l. L’acqua minerale è adatta alle persone che praticano molto sport, per assicurare una reintegrazione di microelementi importanti persi con la sudorazione.
  • Ricca di sali minerali – Il contenuto di questi micronutrienti è superiore a 1500 mg/l. Questo tipo di acqua è da consumarsi sotto osservazione del medico in quanto l’eccessivo apporto di sali minerali potrebbe essere dannoso per la salute.

Acqua in bottiglia: come leggere l’etichetta

Scegliere l’acqua giusta per sé (e bere consapevolmente!) significa anche saper leggere l’etichetta riportata sulle bottiglie. Ci sono voci che, più di altre, è importantissimo conoscere. Tra queste:

  • Residuo fisso – Il residuo fisso è una sorta di dna dell’acqua. Misurato in mg/L rappresenta la quantità di minerali che rimane dopo l’evaporazione di un litro d’acqua a 180 gradi.
  • Valore PH – Il pH indica l’acidità e la basicità dell’acqua a seconda che sia, rispettivamente, sotto o sopra un valore di 7.0.
  • Sodio – Rappresenta un valore assolutamente fondamentale, soprattutto in relazione all’equilibrio del nostro metabolismo. Attenzione: deve sempre essere assunto nelle giuste quantità, per evitare disturbi anche importanti. Le acque minerali si considerano iposodiche solo quando il sodio è inferiore a 20 mg/L, e sono raccomandate ai soggetti ipertesi.
  • Calcio – A dispetto di quanto si possa pensare, anche l’acqua è un’ottima fonte di calcio che, come sappiamo, risulta determinante per la formazione del tessuto osseo, il mantenimento delle membrane e delle sostanze intracellulari. Le acque minerali ricche di calcio sono particolarmente indicate per chi è intollerante al latte e, nonostante i luoghi comuni, non aumentano l’incidenza di calcoli renali.
  • Magnesio – Il magnesio risulta fondamentale per il nostro organismo, in quanto entra a far parte dei sistemi metabolici e interagisce con molti ormoni e fattori di crescita. Non a caso, una sua carenza può ridurre il tono muscolare, causando talvolta crampi. Attenzione, però. Un’elevata concentrazione di questo sale conferisce all’acqua proprietà lassative.
  • Bicarbonato – Quando il tenore di bicarbonato è superiore a 600 mg/L sull’etichetta può essere riportata l’indicazione: “contenente Bicarbonato”. Le acque contenenti bicarbonato, bevute durante i pasti, possono favorire la digestione.
  • Data di scadenza – L’acqua minerale, come tutte gli alimenti, ha una data di scadenza che ne indica il limite massimo per il consumo. Con il passare del tempo, per esempio le acque frizzanti riducono la loro effervescenza.

Possiamo fidarci dell’acqua del rubinetto? Risposta affermativa

Sebbene in Italia la maggior parte delle persone consumi l’acqua in bottiglia, quella del rubinetto è potabile e strettamente controllata. Chi non volesse consumare acqua del rubinetto per la presenza di cloro dovrebbe ricredersi: la percentuale di questo componente è una delle più basse a livello europeo.

Anche la presenza di calcare all’interno dell’acqua non deve essere fonte di preoccupazione. A differenza del credo comune, non è causa di calcoli renali. Un aspetto positivo dell’acqua del rubinetto è che è povera di sodio ed è quindi indicata nelle diete iposodiche e per facilitare la diuresi. Insomma, puoi fidarti dell’acqua del rubinetto e utilizzarla non solo per cuocere la pasta e lavare frutta e verdura.

La prossima volta che vai al supermercato controlla l’etichetta dell’acqua: a seconda dei suoi componenti, potrai scegliere quella più adatta alle tue necessità. Non dimenticare che l’acqua che scorre dal rubinetto è un’ottima opzione. Ti farà risparmiare del denaro, riducendo anche l’inquinamento ambientale!

Mostra commenti
Obesità infantile: i pericoli che nasconde
Obesità infantile: i pericoli che nasconde
Agoaspirato del seno: cosa permette di scoprire?
Agoaspirato del seno: cosa permette di scoprire?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Il gruppo sanguigno 0 spiegato nei dettagli
Il gruppo sanguigno 0 spiegato nei dettagli
Angioma al fegato: cos’è e come si cura
Angioma al fegato: cos’è e come si cura
I segreti per stare bene
I segreti per stare bene
Arsenico nei cereali dei bambini e nell’acqua potabile: è un rischio reale?
Arsenico nei cereali dei bambini e nell’acqua potabile: è un rischio reale?