Intolleranza al lattosio

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Giuseppe Pingitore
Indice contenuto:
  1. Che cos’è l’intolleranza al lattosio?
  2. Intolleranza al lattosio: sintomi
  3. Quali sono le cause dell’intolleranza al lattosio?
  4. Come si diagnostica l’intolleranza al lattosio?
  5. Come si cura l’intolleranza al lattosio?
  6. Quali sono le complicazioni dell’intolleranza al lattosio?
  7. Quali sono gli elementi da evitare in caso di intolleranza al lattosio?
  8. Quale dieta seguire in caso di intolleranza al lattosio?

Che cos’è l’intolleranza al lattosio?

Intolleranza al lattosio

Il lattosio

Il lattosio è uno zucchero naturale che si trova nel latte dei mammiferi (comprese le mucche, le capre e le pecore) e che viene anche aggiunto in molti cibi e farmaci. I cibi che contengono lattosio comprendono:

  • prodotti caseari, come panna, formaggi e yogurt
  • biscotti e cioccolato
  • alcuni cereali da colazione
  • alcune carni insaccate

Oltre a essere una preziosa fonte di energia, il lattosio aiuta l’organismo ad assorbire alcuni minerali, come il calcio e il magnesio.

L’intolleranza al lattosio si verifica quando l’intestino non è in grado di scomporre e assimilare il lattosio. Questo può causare sintomi come gonfiore e dolore addominale, flatulenza e diarrea.

L’intolleranza al lattosio è più comune tra le persone di certe origini etniche, e in particolare persone che tradizionalmente non hanno il latte nella propria dieta. Si pensa che l’intolleranza al lattosio si verifichi:

  • nel 20-40% delle popolazioni dell’Europa occidentale, inclusa l’Italia
  • nel 50 - 80% delle persone di etnia nera, ebrea Ashkenazi e dell’India meridionale
  • in quasi il 100% delle persone di etnia asiatica e indiani d’America

L’intolleranza al lattosio può variare per gravità da forme lievi a forme gravi, in base a quanto lattosio viene assunto con la dieta e a quanta lattasi l’organismo produce per digerire il lattosio.

Non è possibile prevenire l’intolleranza al lattosio. Tuttavia, i sintomi della patologia possono essere alleviati evitando i cibi che contengono lattosio. Nei casi più gravi di intolleranza al lattosio, è possibile assumere per bocca compresse di lattasi per compensarne la carenza e aiutare la digestione.

Intolleranza al lattosio: sintomi

I sintomi dell’intolleranza al lattosio compaiono dopo aver mangiato o bevuto un alimento contenente lattosio, come i prodotti caseari. I sintomi principali sono:

  • flatulenza
  • diarrea più volte al giorno
  • gonfiore e dolore addominale a crampi
  • brontolio nella pancia
  • nausea

La gravità dei sintomi e il momento in cui essi compaiono dipende dalla quantità di lattosio ingerita.

I sintomi dell’intolleranza al lattosio possono essere simili a quelli di altre patologie, come la sindrome dell’intestino irritabile o l’intolleranza alla proteina del latte.

Quali sono le cause dell’intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio è il risultato di una carenza di lattasi. Quest’ultimo è un enzima (gli enzimi sono proteine necessarie per il verificarsi di alcune reazioni chimiche) normalmente prodotto nell’intestino. Se si ha una carenza di lattasi, ciò significa che l’intestino non produce quantità sufficienti di questo enzima.

Digerire il lattosio

Dopo aver ingerito qualche alimento o farmaco che contiene lattosio, esso arriva nell’intestino tenue, dopo avere attraversato l’esofago e lo stomaco.

La lattasi dell’intestino dovrebbe scomporre il lattosio in due molecole semplici, glucosio e galattosio (un altro tipo di zucchero), che sono gli zuccheri in grado di essere assorbiti. Se non c’è abbastanza lattasi, il lattosio non viene scomposto e quello non assorbito arriva al colon. Qui viene attaccato dai  batteri presenti nel colon e fermenta, producendo acidi grassi e gas, come diossido di carbonio, idrogeno e metano. La reazione del lattosio nel colon, e gli acidi e i gas che ne risultano, causano i sintomi dell’intolleranza al lattosio.

I tipi principali di carenza di lattasi sono descritti di seguito.

Carenza di lattasi primaria

La carenza di lattasi primaria è la causa più comune dell’intolleranza al lattosio. Questo tipo di carenza di lattasi è ereditato geneticamente e di solito si sviluppa tra i due e i 20 anni.

La carenza di lattasi primaria si sviluppa quando la produzione di lattasi diminuisce a causa di una dieta povera di latte e di prodotti caseari. Questo avviene di solito dopo i due anni, quando s’interrompe l’allattamento al seno o con latte artificiale, anche se i sintomi potrebbero comparire solo molti anni dopo.

Carenza di lattasi secondaria

La carenza di lattasi secondaria è una mancanza di lattasi causata da un patologia a carico dell’intestino. Può verificarsi a qualunque età.

Le possibili cause della carenza di lattasi secondaria comprendono:

  • celiachia – una patologia dell’intestino causata dall’intolleranza a una proteina chiamata glutine
  • gastroenterite – una infiammazione dello stomaco e dell’intestino in genere su base infettiva
  • morbo di Crohn – una patologia cronica che provoca l’infiammazione del rivestimento dell’apparato digerente
  • chemioterapia – farmaci utilizzati per il trattamento dei tumori
  • lunghi cicli di antibiotici

Alcune patologie e terapie possono causare un abbassamento nella produzione di lattasi. A volte, la carenza è temporanea, ma se è causata da una patologia cronica potrebbe essere permanente. È anche possibile sviluppare la carenza di lattasi secondaria più tardi nella vita, anche senza che vi sia un’altra patologia a innescarla. Questo avviene perché con l’avanzare dell’età la produzione di lattasi si riduce naturalmente.

Carenza di lattasi congenita

La carenza di lattasi congenita è una condizione rara ereditaria che si manifesta nei neonati. Un gene responsabile causa una produzione di lattasi minima o assente. Il gene responsabile è trasmesso da entrambi i genitori (carattere autosomico recessivo). Questa forma si manifesta nei primi giorni di vita con sintomi piuttosto gravi e rischio di disidratazione.

Come si diagnostica l’intolleranza al lattosio?

In genere è lo stesso soggetto che si accorge di avere un’intolleranza al lattosio, tuttavia per la diagnosi occorre consultare il medico. Il medico potrebbe suggerire di rimuovere il lattosio dalla dieta per due settimane e vedere se ciò contribuisce ad alleviare i sintomi. Una risposta positiva alla dieta già può confermare che il paziente è intollerante al lattosio. Per scoprire quanta lattasi viene prodotta nell’intestino, e quale può essere la causa dell’intolleranza, si può ricorrere ad ulteriori esami.

Breath Test

Il Breath Test è un esame semplice e utile ed è quello più utilizzato. Al paziente viene data da bere una soluzione di lattosio dopo una notte di digiuno. Viene poi misurata la concentrazione di idrogeno presente nell’aria che viene espirata. La misurazione è in parti per milione (ppm).

Se, dopo circa un’ora, l’aria espirata dal soggetto contiene alte quantità di idrogeno (più di 20 ppm sopra la linea basale) è molto probabile che il paziente sia intollerante al lattosio. La linea basale è la quantità di idrogeno presente nell’espirato prima di bere la soluzione di lattosio.

Test di tolleranza al lattosio

Nel test di tolleranza al lattosio, al paziente verrà data una soluzione di lattosio da bere, e poi verrà effettuato un prelievo di sangue. Il sangue sarà poi analizzato per determinare la quantità di glucosio presente in esso.

Se il paziente è intollerante al lattosio, i livelli dello zucchero nel sangue non aumenteranno oppure aumenteranno molto lentamente. Questo perché l’intestino non è in grado di scindere il lattosio in glucosio.

Test di tolleranza al latte

Nel test di tolleranza al latte, al paziente verrà dato un bicchiere di latte (circa 500 ml) e in seguito, verranno analizzati i livelli dello zucchero nel sangue. Se i livelli di zucchero non salgono, è possibile che il paziente sia intollerante al lattosio.

Campione di feci

Si può prelevare un campione di feci nei neonati e nei bambini piccoli e analizzarlo. Questo metodo si usa perché grandi quantità di lattosio, come quelle che vengono somministrate durante i Breath Test, possono essere pericolose per i bambini piccoli. Invece, si prende un campione di feci e si misura la quantità di acido presente in esso. Se il neonato, o il bambino, è intollerante al lattosio, aumenteranno nelle feci gli acidi grassi, come l’acetato. Questo è prodotto dalla reazione tra i batteri nel colon e il lattosio non digerito.

Biopsia dell’intestino tenue

Poiché la biopsia dell’intestino tenue è una procedura chirurgica invasiva, essa è utilizzata di rado per diagnosticare l’intolleranza al lattosio. Tuttavia, può essere eseguita per confermare se i sintomi sono causati da un’altra patologia, come per esempio la celiachia.

Nella biopsia dell’intestino tenue, si preleva un campione della mucosa di rivestimento dell’intestino tenue utilizzando un endoscopio (un tubicino sottile e flessibile con una luce e un dispositivo tagliente all’estremità). La procedura viene eseguita in anestesia locale. Il campione di rivestimento intestinale viene analizzato per vedere quanto lattasi contiene. Se contiene solo piccole quantità di lattasi, è probabile che vi sia un’intolleranza al lattosio.

Come si cura l’intolleranza al lattosio?

La terapia per l’intolleranza al lattosio dipende da quanto il paziente è sensibile ai cibi contenenti lattosio. Solitamente, la patologia può essere tenuta sotto controllo monitorando la propria dieta.

Se si decide di sperimentare quali cibi si possono mangiare e quali no, bisogna assicurarsi di introdurre i nuovi cibi gradualmente, anziché tutti insieme.

Il mancato apporto corretto delle sostanze nutritive contenute nei prodotti contenenti lattosio (latte e formaggi) può portare alla carenza di calcio, insieme ad altri importanti minerali. Se il bambino deve seguire una dieta priva di latte e formaggi è bene integrare la dieta con aggiunte di calcio

Il latte

In base alla gravità dell’intolleranza al lattosio, potrebbe essere necessario ridurre la quantità di latte presente nella propria dieta. Per esempio:

  • alcuni potrebbero non tollerare il latte da solo o nel caffè o nel tè, ma non avere disturbi se lo prendono con i cereali
  • prodotti contenti il latte, come il cioccolato al latte, potrebbero essere assunti in piccole quantità

Se i sintomi compaiono anche per assunzione di piccole quantità di latte, si può ricorrere a latti alternativi come il latte di soia o di riso.

I prodotti caseari

Alcuni prodotti caseari possono essere più facili da digerire di altri. Il formaggio, per esempio, contiene solitamente meno lattosio del latte. In particolare, i prodotti caseari fermentati, come lo yogurt, sono spesso più facili da digerire. I prodotti caseari fermentati sono prodotti che sono stati scomposti da alcune sostanze, come i fermenti, i batteri o altri micro organismi. Questo significa che il lattosio che essi contengono è già stato in parte scomposto, e questi alimenti potrebbero essere più digeribili dei prodotti caseari freschi.

I possibili prodotti caseari che un soggetto intollerante al lattosio potrebbe tollerare sono:

  • formaggio parmigiano benstagionato (24-36 mesi)
  • yogurt, compresi gli yogurt probiotici (che contengono batteri vivi)
  • latte probiotico
  • panna
  • ricotta
  • formaggi duri, come Edam e Cheddar

E’ importante che i prodotti caseari non vengano eliminati completamente dalla dieta perché apportano sostanze nutritive essenziali.

Il sostituto della lattasi

L’intolleranza al lattosio è solitamente causata da una mancanza dell’enzima chiamato lattasi (enzima che scinde il lattosio in zuccheri più semplici e assorbibili). È disponibile un sostituto della lattasi che può essere assunto in compresse o in gocce subito prima di mangiare formaggi e bere latte oppure aggiunto, se in gocce, allo stesso latte. L’efficacia è variabile e dipende dal grado di carenza della lattasi.

Il calcio

Se non si è in grado di tollerare i prodotti caseari, l’apporto di calcio contenuto nella dieta giornaliera potrebbe non essere sufficiente. Si possono fare scorte di calcio mangiando cibi come:

  • broccoli
  • cavolo
  • gombo
  • verza
  • frutta secca
  • bevande alla soia con aggiunta di calcio
  • fagioli di soia
  • tofu
  • noci (come mandorle, noci brasiliane e semi di sesamo)
  • pesce contente ossa commestibili (per esempio sardine, salmone, etc)

Quali sono le complicazioni dell’intolleranza al lattosio?

I prodotti caseari come il latte sono una parte importante di una dieta sana. Contengono calcio, proteine e vitamine, come le vitamine A, B12 e D. Per gli adulti, la razione giornaliera di calcio raccomandata è di 700mg.

Anche il lattosio è importante perché aiuta l’organismo ad assimilare diversi minerali, compresi magnesio e zinco. Queste vitamine e minerali sono importanti per lo sviluppo di ossa forti e sane. Se si è intolleranti al lattosio, potrebbe essere difficile riuscire ad assumere la razione giornaliera consigliata di vitamine e minerali importanti. Questo può incrementare il rischio di sviluppare una delle seguenti patologie:

  • osteopenia, una patologia dove la densità di minerali nelle ossa è molto bassa. Se l’osteopenia non viene curata, può trasformarsi in osteoporosi
  • osteoporosi, una patologia che provoca l’assottigliamento e l’indebolimento delle ossa. Con l’osteoporosi, il rischio di fratture è aumentato.
  • malnutrizione, che si verifica quando il cibo ingerito non fornisce le sostanze nutritive essenziali per un sano funzionamento del corpo. Quando si è malnutriti, si può andare incontro a deficit delle difese immunitarie, accusare stanchezza e depressione.
  • perdita di peso – una perdita di peso eccessiva può danneggiare la salute, e può anche portare a patologie come l’osteoporosi.

Quali sono gli elementi da evitare in caso di intolleranza al lattosio?

Poichè l’intolleranza al lattosio è di tipo enzimatico, cioè dovuta alla mancanza dell’enzima specifico, l’unico modo per evitarla consiste nell’astenersi dal consumare cibi che lo contengono.
Quindi bisogna eliminare dalla dieta tutti i latticini, la panna, lo yogurt, il burro, i formaggi (solo il parmigiano reggiano invecchiato almeno 18 mesi è mangiabile perchè il lattosio è contenuto in dosi minime), ma anche i gelati e le creme a base di latte, il che vuol dire quasi tutti i dolci.

Purtroppo la lista non finisce qui. L’industria alimentare fa largo uso del lattosio come conservante per i cibi cotti, a partire dal prosciutto e dalle carni, e precotti fino al pancarrè o i preparati per fare la pizza ed alla maggior parte delle merendine e dei biscotti. Anche l’industria farmaceutica lo usa spesso come eccipiente in diverse combinazioni farmacologiche (es. molte compresse contengono lattosio).

In sostanza, chi è intollerante al lattosio deve sempre leggere, con attenzione, l’etichetta sulla confezione o il bugiardino nel caso dei farmaci. In molti casi anche un semplice snack può contenere lattosio.

Quale dieta seguire in caso di intolleranza al lattosio?

Intanto va ricordato che una dieta priva di latte e suoi derivati può comunque essere completa. Il principale elemento assunto con il latte è il calcio. Per quanto in forme un po’ meno assorbibili, il calcio lo si trova in molti vegetali e, senza particolari problemi, in quasi tutte le erbe aromatiche con le quali siamo soliti insaporire le pietanze.

Una dieta ricca di frutta, soprattutto a colazione e merenda, fornisce l’energia necessaria ad iniziare o continuare la giornata. 

Il consumo di pesce e carne non è vietato nelle diete prive di lattosio, purché si faccia attenzione a leggere le etichette, soprattutto degli insaccati e dei cibi precotti. Per la prima colazione vanno benissimo il caffè, o il the se consumati con fette biscottate evitando cereali e merendine che potrebbero contenere lattosio.