Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cistite Ricorrente

Cosa fare in caso di cistite ricorrente?

Soffro di cistite ricorrente: che cosa posso fare per porre fine a questo problema?

La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire sia gli adulti sia i bambini. È data dall’infiammazione della vescica, causata a sua volta dall’infezione batterica delle basse vie urinarie.

È una malattia tipica del sesso femminile, tanto che la metà delle donne ha, almeno una volta nella vita, un episodio acuto di cistite. Dopo i 50 anni, la cistite è frequente anche tra gli uomini, essendo favorita dall’ aumento di volume della prostata (ipertrofia prostatica).

La cistite può diventare cronica e tendere a frequenti ricadute: 1 donna su 10 ha infezioni ricorrenti che spesso resistono alle terapie con antibiotici ad ampio spettro. Oggi, sono disponibili antibiotici molto efficaci che consentono di curare la cistite in modo semplice e rapido, per esempio, assumendo 1 sola compressa al giorno per 3 giorni. Gli antibiotici devono essere sempre prescritti dal medico, che saprà indicare il farmaco più adatto a seconda del tipo e delle gravità della cistite. Una cura adeguata consente di guarire definitivamente, tuttavia, nel caso di una ricaduta, è fondamentale tornare dal medico e non usare di propria iniziativa l’antibiotico eventualmente “avanzato” dalla precedente terapia, perché potrebbe non essere più efficace.

Ti consiglio quindi di parlare con il tuo medico di fiducia per capire la terapia più adatta per il tuo problema.

Cordiali saluti

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Assunta Gennarelli
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Milano - Via De Amicis, 30
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post operatorio e...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in cui si...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che si tratta di una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte
Risposte simili
Infezione delle vie urinarie nel neonato: come si manifesta?
Ti descriverò alcuni sintomi, che però variano a seconda dell’età, ma diciamo che nel neonato si possono riscontrare: febbre oltre 38 gradi e mezzo,...
Esame citologico delle urine: cos'è?
L'esame citologico delle urine è un test diagnostico utilizzato per studiare le cellule che rivestono la parete della vescica. Parte di queste cellule vengono infatti...
Prolasso della vescica: quali sono le cause?
Le cause del prolasso della vescica di tua madre possono dipendere da un fattore genetico, dal numero delle gravidanze e dei parti, dalle lacerazioni del...