Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cos E L Anestesia Generale

In che cosa consiste l'anestesia generale?

Cos'è l'anestesia generale?

Prima di essere sottoposto ad un trattamento anestesiologico, il paziente viene visitato dall'anestesista che, nella maggior parte dei casi, lo seguirà poi in sala operatoria.

Prima di incontrare l'anestesista, spesso viene richiesta la compilazione di un questionario che contiene semplici domande relative alle sue condizioni di salute ed alle sue abitudini di vita che potrebbero avere un qualche riflesso sul trattamento anestesiologico.

Al momento della visita, oltre ad identificare e valutare condizioni cliniche che potrebbero avere una certa rilevanza nella scelta dei farmaci da utilizzare in sede operatoria, l'anestesista valuterà l'opportunità o meno di ulteriori indagini mediche necessarie a completare la sua valutazione preoperatoria, chiederà dell'eventuale assunzione di farmaci, indagherà sui precedenti anestesiologici, si informerà su eventuali allergie o intolleranza a farmaci, metalli, gomma (lattice) ed altro, prenderà visione di esami del sangue, elettrocardiogramma, lastra del torace, pressione sanguigna, frequenza cardiaca, ossigenazione del sangue, temperatura corporea, quantità di anestetici somministrati, anidride carbonica eliminata, quantità di urine prodotte, respirazione e profondità dell'anestesia

È fondamentale il rispetto delle indicazioni che riguardano l'assunzione di alimenti o bevande prima di un trattamento anestesiologico.

Sulla scorta di questi dati, viene elaborata una valutazione del rischio anestesiologico e cardiologico anche in funzione del tipo di chirurgia a cui il paziente deve essere sottoposto. La firma del consenso informato da parte del paziente e dell'anestesista è un passaggio obbligatorio.

Una volta elaborato e messo a punto il programma anestesiologico, l'anestesista dà disposizioni per la preanestesia, ovvero prescrive dei farmaci che il paziente assume circa un'ora prima di entrare in sala operatoria. Lo scopo è di controllare lo stato di ansia e l'eventuale dolore se questo fosse presente.

Durante l'anestesia generale o totale, il paziente vive una condizione di incoscienza per tutta la durata dell'intervento chirurgico. I processi di elaborazione degli impulsi nervosi che trasmettono il dolore e di quelli che trasmettono la percezione del mondo esterno sono bloccati rendendo così il paziente insensibile alle stimolazioni dolorose e totalmente incosciente.

L'anestesia generale permette:
  • l'analgesia cioè assenza di dolore,
  • l'amnesia ovvero l'assenza di ricordi,
  • la paralisi muscolare cioè i muscoli sono completamente rilasciati.
Generalmente, viene introdotta una cannula di plastica in una vena della mano o dell'avambraccio attraverso la quale vengono somministrati i farmaci anestetici e le soluzioni saline per mantenere l'equilibrio idrico durante l'intervento.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Milano - Via De Amicis, 30
Risposte simili
Anestesia spinale: può portare a paralisi?
L’anestesista è lo specialista che maneggia quotidianamente aghi e siringhe assai più degli altri specialisti. La posizione ottimale per facilitare la ricerca del punto esatto...
Anestesia: come ci si prepara?
In caso di anestesia locale non associata a sedazione, non è necessario alcun digiuno pre-operatorio. In caso di anestesia generale, regionale o locale...
Anestesia: può essere influenzata da vitamine e integratori?
Gli anestesisti stanno conducendo alcune ricerche per determinare esattamente in che modo certe erbe ed integratori alimentari possano interagire con alcuni anestetici. Si sta...
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post operatorio e...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in cui si...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che si tratta di una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post operatorio e...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in cui si...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che si tratta di una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte