Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cosa Succede Dopo Un Intervento Di Sostituzione Di Una Valvola Cardiaca

Qual è la convalescenza dopo un intervento di sostituzione di una valvola cardiaca?

Devo sottopormi ad un intervento di sostituzione di una valvola cardiaca e vorrei capire cosa aspettarmi dopo.

Ti dirò cosa devi aspettarti dopo l'intervento. Immediatamente dopo la fine dell’operazione, si è trasferiti nel reparto di terapia intensiva e collegati agli apparecchi per il monitoraggio delle funzioni vitali e ad un respiratore meccanico.

Il personale infermieristico e medico è presente continuamente e assiste nelle fasi del risveglio e del distacco dal respiratore. Generalmente, familiari e parenti non sono ammessi nel reparto di terapia intensiva, ma vengono fatte eccezioni per i familiari di pazienti la cui degenza si prolunghi oltre le normali 24-48 ore.

Il risveglio avviene dopo circa 2-6 ore dalla fine dell’intervento (il tempo varia da persona a persona). È possibile avere l'impressione di sentire e vedere, ma di non riuscire a muoversi nelle prime fasi del risveglio.

Subito dopo il risveglio, ci si rende conto di non poter parlare a causa del tubo endotracheale che collega il paziente al respiratore. Non appena la piena capacità motoria è riacquisita, si può respirare autonomamente e il ventilatore viene scollegato con la rimozione del tubo endotracheale.

Nella zona dell’incisione, si avverte un senso di fastidio attutito e un dolore alla schiena (da stiramento delle giunzioni di costole e vertebre). Un sondino nasogastrico evita allo stomaco di riempirsi di succhi gastrici e di aria e protegge da nausea e vomito.

La sensazione di sete che si prova nelle prime ore è in parte dovuta all’anestesia: è concesso di inumidire le labbra, ma non di bere (per evitare di inalare liquido in trachea in seguito alla parziale, temporanea inefficienza dei riflessi faringei).

Il catetere vescicale provvede a drenare l’urina e la sensazione di stimolo del bisogno di urinare è spesso causata dalla sua presenza.

Entro 24 ore dalla fine dell’intervento, parecchi fili e tubicini vengono rimossi, il paziente è incoraggiato a muoversi, ad esercitare il respiro ed anche ad alzarsi in piedi. Dopo la rimozione dei drenaggi, il paziente è trasferito nel reparto di degenza.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giuseppe Vaccari
Dr. Giuseppe Vaccari
Monza e Brianza - Via Carlo Amati,111
Altre risposte di questo specialista
Valvuloplastica: quando intervenire?
Buongiorno, in considerazione dei dettagli che mi hai riferito, manca all'ecocuore il gradiente trans mitralico, ma, comunque, l'area di 0,9 e l'atriomegalia sono già di...
Coartazione aortica: si può intraprendere una gravidanza?
L'intervento di coartazione aortica in età pediatrica di per sè non controindica una gravidanza, bisogna comunque accertarsi che non vi sia una ristenosi...
Pacemaker: quando si può riprendere l'attività sportiva?
L'impianto del pace maker, seppur sia una procedura relativamente veloce, è pur sempre una procedura invasiva, per cui non è indicata attività fisica almeno...
Defibrillatore Boston Scientific: perchè emette un suono?
Buongiorno, purtroppo non mi è possibile darti una risposta ed è utile che facessi riferimento al centro che ha impiantato il defibrillatore che sicuramente,...
Ablazione per tachiaritmie: in cosa consiste?
Buongiorno Signora, in genere, per episodi di tachicardia ad alta frequenza come mi riferisci, è consigliabile eseguire uno studio elettrofisiologico per valutare la necessità...
Vedi tutte
Risposte simili
Aneurisma: dà sintomi?
Normalmente, la diagnosi di aneurisma dell'aorta addominale è possibile. La sintomatologia (dolore alla schiena e all'addome e caduta della pressione arteriosa) è effetto della rottura...
Trapianto di cuore: deve esserci compatibilità tra donatore e ricevente?
Ci sono alcuni criteri di compatibilità da rispettare: la differenza delle dimensioni dell'organo trapiantato e quello asportato non deve superare il 20%, deve esserci compatibilità...
Donare il cuore: quali sono le condizioni?
Perché un paziente possa donare il cuore ne deve essere dichiarata la morte cerebrale, cioè l'elettroencefalogramma deve essere piatto da almeno 12 ore,...