Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Extrasistolie Eruttazioni

Cosa potrebbe provocare delle extrasistolie ed eruttazioni in un ragazzo di 23 anni?

Salve a tutti, sono un ragazzo di 23 anni, peso circa 81 kg per un'altezza di 178 cm. Al mattino, quando mi sveglio e dopo aver fatto colazione, mi iniziano le extrasistole (accertate da holter 24h) accompagnate da eruttazioni. Si manifestano soprattutto al mattino, ma anche in modo lieve dopo altri pasti. Se non mangio al mattino, non mi vengono oppure mi vengono lievissime, ma non le sento nemmeno, sono molto attivo nella vita quotidiana. Ho fatto la gastroscopia e mi hanno trovato una piccola gastrite iperemica e facilità al reflusso. Ho fatto anche un'ecocardiogramma ed è tutto nella norma, ora prendo dei ricostituenti naturali, una pastiglia ai pasti di Neobianacid come rimedio naturale, ma vedo che fa poco, cerco di non mangiare cibi che creino acidità ed inoltre sento anche una certa rigidità a livello del collo e delle spalle (sono un tecnico che sta al pc 5/6 ore al giorno) e ogni tanto mi ritaglio del tempo per fare una passeggiata nel bosco. Quando mi alzo dalla sedia perché sento questi battiti anomali, mi vengono delle fonti eruttazioni e poi sparisce tutto. Non so se sia legato al fatto della tensione muscolare oppure allo stomaco. Mi affido a voi.

Il tutto sembrerebbe ricondursi ad un problema gastrico. Il cuore anatomicamente poggia sul mediastino, un muscolo che lo separa dallo stomaco e la parte di stomaco a diretto contatto con il mediastino si chiama cardias.

E' possibile che, in caso di eccessivo riempimento dello stomaco, questo premi sul cuore "irritandolo" e provocando le extrasistoli.

Non riferisci però di che tipo sono le extrasistoli: se sono sopraventricolari, sono assolutamente innocue e non pericolose; se invece sono ventricolari, bisogna innanzitutto vedere quante sono durante tutto l'arco delle 24 ore (fino a 3000, non vengono prese in considerazione), poi, di che morfologia sono (se sono monomorfe, cioè tutte uguali, sono meno pericolose che se sono polimorfe), quindi, se sono ripetitive (cioè, se si presentano in coppie, triplette o runs più lunghi: quelle isolate sono meno preoccupanti); infine, bisogna studiare il loro comportamento sotto sforzo: se scompaiono sotto sforzo si considerano benigne.

Pertanto, ritengo che vada effettuato un ecocardiogramma, per valutare l'anatomia e la funzionalità del muscolo cardiaco e poi una prova da sforzo.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Gianfranco Nassisi
Dr. Gianfranco Nassisi
(0)
Foggia - Viale Appennini, 71, Lucera
Altre risposte di questo specialista
Esame cardiologico: come si legge?
La situazione cardiaca, tutto sommato, non è molto seria: la cosa più importante è l'ipertrofia concentrica del ventricolo sinistro; anche l'insufficienza...
Ecocolordoppler: come si legge?
Considerata l'età, il quadro vascolare può considerarsi pressochè normale. Non dici se c'è diabete e quali sono i valori di colesterolo, nè se...
Dilatazione aortica: quando diventa preoccupante?
In realtà, un aumento di 4 mm dell'aorta ascendente in un anno è un dato da non sottovalutare: probabilmente, anche l'attività fisica di tipo isometrico...
Coumadin: si può fare un tatuaggio?
Tieni presente che l'azione del Coumadin è quella di evitare il formarsi di coaguli di sangue, sia che siano patologici (come quelli che...
Diabete: potrebbe migliorare in seguito ad un intervento al cuore?
Gli autori americani sono soliti dire che il diabete è una malattia cardiovascolare, nel senso che, presto o tardi, i diabetici vanno incontro...
Vedi tutte

Risposte simili

Valvola mitralica: cos'è?
La valvola mitralica è la valvola del cuore che permette al sangue, ricco di ossigeno dell'atrio sinistro proveniente dai polmoni, di entrare nel...
Disturbi alla valvola mitralica: quali sono le cause?
I disturbi alla valvola mitralica possono essere dovuti a cause congenite, ma più spesso sono dovuti a degenerazione. Un tempo la...
Intervento di sostituzione della valvola mitrale: è sempre necessario?
La valvola mitrale (o mitralica) può essere "riparata" con un intervento chirurgico, ma quando questo non fosse possibile è necessaria la sostituzione della stessa con...