Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Gambe Gonfie Ormoni

Un gonfiore alle gambe potrebbe essere dovuto a problemi ormonali?

Salve, da quando ho avuto il ciclo (15 anni), le mie gambe si sono gonfiate, in particolar modo la parte bassa, piedi e caviglie. Soffro inoltre di stitichezza cronica e il tutto è peggiorato con la gravidanza. Ho assunto la pillola per circa 10 anni, ma il mio ginecologo mi ha sempre detto che il dosaggio era talmente minimo da non potermi arrecare problemi (Yasmine). Continuo ad avere gambe e caviglie sempre gonfie e a volte la pelle si tende per il gonfiore, non riesco a calzare scarpe decollete.

Gentile signora,
i problemi che riferisci potrebbero essere effettivamente interconnessi. Non mi spingerei a dire sì problema ormonale, perchè non credo sia la causa più comune per questo tipo di quadro clinico.

Mi piacerebbe però sapere se qualcuno ti ha mai parlato di varicocele pelvico, magari proprio in occasione della gravidanza o a seguito di qualche esame ecografico in ambito ginecologico.

La condizione (varicocele pelvico) è alquanto frequente (circa una donna su 7 ne soffre) e la sua persistenza dopo la gravidanza si osserva in 1 donna su 5. I sintomi sono molteplici e non necessariamente (anzi, quasi mai) presenti tutti contemporaneamente. 

Questi possono essere:
  • gonfiore addominale (tipo colon irritabile)
  • tanta aria nella pancia
  • senso di pesantezza al basso ventre, soprattutto in corrispondenza di alcune fasi del ciclo (e motivo per cui spesso le pazienti prendono la pillola, e quindi questo sintomo potrebbe essere mascherato, nel tuo caso)
  • urgenza o frequenza urinarie
  • dolore al fianco o all'anca, specie durante l'ovulazione (anche qui, se prendi la pillola)
  • dolore durante i rapporti (di due tipi: superficiale, da penetrazione, irritativo, non risponde ai lubrificanti; oppure profondo, non è un dolore vero e proprio, ma più un fastidio, un peso alla pelvi che insorge dopo 10-15 minuti).
Esistono poi dei segni oggettivi tipici:
  • vene che si possono apprezzare nella zona perineale o pudenda
  • capillari nella parte esterna o posteriore della coscia, magari in regione sottoglutea
  • vene varicose anarchiche, cioè che non seguono un decorso classico (polpaccio), ma compaiono alla coscia magari lateralmente, magari durante la gravidanza e che spesso regrediscono col parto lasciando solo una velatura di capillari.
Prova a chiedere al tuo/a ginecologo/a di eseguire un'ecografia transvaginale (in posizione semi-seduta, mi raccomando, non da sdraiata) per escludere che non sia proprio questo il tuo caso.

Cordiali saluti

Qualsiasi consulto a distanza (incluso il presente) va interpretato come semplice parere informato e non come una formale diagnosi o proposta di trattamento, che può essere formulata solo dallo specialista a seguito di una accurata visita medica.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Gabriele Bertoni
Dr. Gabriele Bertoni
Milano - Milano, Italia
Altre risposte di questo specialista
Flebite: come trattarla?
Buongiorno signora,la flebite è un'infiammazione di una vena, che diventa rossa e dura come un cordoncino sotto pelle. Rarissimamente, tale infiammazione è legata o...
Ferita spurgante: come trattarla?
Buongiorno,se non viene rimossa la causa delle ulcere che ti affliggono, queste torneranno ciclicamente a ripresentarsi.In particolare, se soffri di insufficienza venosa e...
Dolore alla safena: quali sono le cause?
Buongiorno,se capisco il tuo problema, hai una vena in evidenza che ti fa male. La chiami safena, mentre lo/la specialista che ti ha fatto...
Gambe doloranti e pesanti: quali esami effettuare?
Buongiorno,la risposta alla tua domanda è sì, servirebbe una visita.Se hai le gambe piene di capillari sin da ragazzina e non hai fatto mai alcun...
Ecocolordoppler arterioso e venoso: come si legge?
Buongiorno,dal referto che riporti qui scritto, sembrerebbe che ci sia un certo grado di reflusso venoso ad entrambi gli arti inferiori. Il referto non accenna...
Vedi tutte
Risposte simili
Capillarite: cosa fare?
La capillarite è un processo infiammatorio che colpisce i vasi capillari soprattutto a carico degli arti inferiori. E' difficile stabilirne la causa...
Febbre ed ulcera: possono essere collegate?
O hai l'influenza o c'è una infezione causata dalla ulcerazione. Fai un ecodoppler arterioso agli arti inferiori e proponi al tuo medico una eventuale terapia...
Dolore al piede: cosa fare?
Buonasera, ti consiglio di controllare l'ac urico. Cordialmente