Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Ipersonnia

A chi rivolgersi in caso di ipersonnia?

Salve, mio figlio di 16 anni soffre di ipersonnia, a chi posso rivolgermi per risolvere questa situazione? Grazie infinite.

Buonasera,
le ipersonnie sono condizioni patologiche caratterizzate da una continua sonnolenza diurna non attribuibile a cause mediche, all'assunzione di farmaci o altre sostanze, né ad altri disturbi del sonno (apnee notturne o sindrome delle gambe senza riposo).

Di solito, si riconoscono 2 disturbi nell'ambito delle ipersonnie: l’ipersonnia idiopatica e la narcolessia. In entrambi i casi, le origini di tali alterazioni non sono ancora ben chiare né conosciute, tuttavia esistono trattamenti piuttosto efficaci, che comprendono regole di igiene di vita e l'assunzione di specifici farmaci, che possono certamente essere di aiuto al paziente. 
 
È necessario quindi sottoporsi in primissima battuta ad una visita presso uno specialista neurologo (in alcuni ospedali esistono centri specializzati per il trattamento e lo studio dei disturbi del sonno) e, insieme, escludere cause legate ad altre patologie mediche o all'assunzione di farmaci o altre sostanze che possono alterare la condizione di veglia. 

Spero di esserti stata utile; inoltre, ti consiglio di cercare su internet gli ospedali ed i centri maggiormente all'avanguardia per lo studio di queste patologie.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Annalisa Barbier
Dr.ssa Annalisa Barbier
Roma - Via Giorgio Scalia 39
Altre risposte di questo specialista
Insonnia: cosa fare?
Buonasera, spesso le situazioni di tensione e preoccupazione innescano una serie di sintomi "Da stress" tra i quali anche i disturbi del sonno. Dalle tue...
Attaccamento eccessivo: cosa fare?
Buonasera, i disturbi dell'attaccamento si possono manifestare anche attraverso un comportamento di attaccamento eccessivo che può sfociare in una vera e propria DIPENDENZA AFFETTIVA....
Crisi di panico: cosa fare?
Buonasera, innanzitutto, occorre comprendere se si tratta di veri e propri attacchi di panico: per definizione, l'attacco di panico (AP)...
Senilità: a che età si inizia a soffrirne?
Gentile lettore buonasera, la senilità è una condizione che definisce i cambiamenti psicologici, cognitivi e fisici legati al processo di invecchiamento. Tale...
Alitosi da stress: cosa fare?
Gentile lettore buonasera,dalla descrizione del tuo disturbo, appare evidente un chiaro legame con un disturbo d'ansia che compare o si aggrava soprattutto in condizioni...
Vedi tutte
Risposte simili
Idrocefalo nel bambino: che cosa significa?
L'idrocefalo è determinato da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor nelle cavità cerebrali denominate ventricoli. Ciascun individuo produce normalmente tale...
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...