Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Problemi Test Cutanei

Possono essere problematici i test cutanei per i bambini?

Mio figlio deve sottoporsi ai test cutanei per individuare delle allergie ai farmaci: potrebbe avere delle conseguenze?

L'esecuzione dei test cutanei per i farmaci è relativamente semplice nell’adulto, ma può presentare qualche problema nel bambino, in particolare se piccolo. La validità diagnostica dei test cutanei non è la stessa per tutti i farmaci; in generale, è buona per i beta lattamici, mentre per altri farmaci come macrolidi, anestetici locali e antinfiammatori non steroidei, i test cutanei non sono sufficientemente standardizzati. L’unico modo per fare la diagnosi è ricorrere al test di provocazione.

Inoltre, va considerato che la sensibilizzazione a farmaci decresce nel tempo, per cui la positività sia dei test cutanei sia dei test in vitro tende a negativizzarsi nel tempo.

I pazienti che sono stati ospedalizzati a causa di una reazione allergica e/o che hanno avuto una grave reazione d’ipersensibilità ad un farmaco con pericolo di vita come l’anafilassi o che hanno presentato reazioni cutanee ritardate severe (per esempio, necrolisi tossica dell’epidermide, esantema bolloso, gravi vasculiti, sindrome di Stevens-Johnson) sono a rischio di reazione durante i tests, per cui in questi casi la loro esecuzione è controindicata.

La valutazione del tipo di procedura diagnostica da seguire e del rapporto rischio-beneficio è comunque di esclusiva pertinenza dell’allergologo, che deciderà in base alla gravità della reazione clinica presentata dal paziente, alla possibilità di trattamento in caso di reazioni avverse e all’importanza del farmaco per lo specifico paziente.

Per questo ti consiglio di parlarne con il pediatra, che saprà consigliarti il miglior test da effettuare. 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Roberto Bernardini
Dr. Roberto Bernardini
Firenze - VIALE BOCCACCIO
Risposte simili
Gonfiore alle palpebre: quali sono le cause?
Comprendo la natura della tua preoccupazione e il fastidio causato dalle palpebre gonfie. Ti dico che il mondo delle allergie è molto complesso e,...
Rinite: quali sono le cause della congestione nasale?
È opportuno che tu effettui un tampone nasale per valutare qual è l'agente infettante della tua rinite allergica. Una volta ottenuto il risultato del...
Bolle su tessuto gengivale a causa di Clorexidina: consigli?
Da quello che mi dici, potrebbe trattarsi di una reazione allergica al principio attivo del gel che stai utilizzando. Sarebbe opportuno fissare una visita di...
Altre risposte di questo specialista
Allergia ai farmaci: è possibile guarire?
Vi sono alcuni casi in cui si rende necessario usare un farmaco verso cui è dimostrata, sia da un punto di vista anamnestico che immunologico,...
Allergia ai farmaci: che cosa bisogna fare?
È innanzitutto da evitare la pratica del cosiddetto pomfo di prova, che consiste nell’iniettare una quantità non standardizzata del farmaco sospetto per via sottocutanea poco...
Anestetici locali: sono frequenti le reazioni allergiche?
Le reazioni avverse agli anestetici locali avvengono nel 2-5% delle procedure anestesiologiche loco-regionali. Nella grande maggioranza dei casi, tali reazioni sono di tipo tossico, dose,...
Orticaria post Tachipirina: potrebbe essere allergia?
I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono responsabili prevalentemente di reazioni non IgE mediate, che dipendono dall'azione di questi farmaci su enzimi chiamati...
Allergia a beta-lattamico: che cosa fare?
Nel paziente con allergia ad insorgenza immediata ad un antibiotico beta lattamico, le cross reazioni, prevalentemente dovute a similitudini molecolari tra 2 tipi...
Vedi tutte
Altre risposte di questo specialista
Allergia ai farmaci: è possibile guarire?
Vi sono alcuni casi in cui si rende necessario usare un farmaco verso cui è dimostrata, sia da un punto di vista anamnestico che immunologico,...
Allergia ai farmaci: che cosa bisogna fare?
È innanzitutto da evitare la pratica del cosiddetto pomfo di prova, che consiste nell’iniettare una quantità non standardizzata del farmaco sospetto per via sottocutanea poco...
Anestetici locali: sono frequenti le reazioni allergiche?
Le reazioni avverse agli anestetici locali avvengono nel 2-5% delle procedure anestesiologiche loco-regionali. Nella grande maggioranza dei casi, tali reazioni sono di tipo tossico, dose,...
Orticaria post Tachipirina: potrebbe essere allergia?
I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono responsabili prevalentemente di reazioni non IgE mediate, che dipendono dall'azione di questi farmaci su enzimi chiamati...
Allergia a beta-lattamico: che cosa fare?
Nel paziente con allergia ad insorgenza immediata ad un antibiotico beta lattamico, le cross reazioni, prevalentemente dovute a similitudini molecolari tra 2 tipi...
Vedi tutte