Debolezza

Contenuto di:

Con il termine debolezza intendiamo una diminuzione della forza in uno o più muscoli. In senso stretto, la definizione medica di debolezza si riferisce alla perdita di forza muscolare.

Cosa indica un senso di debolezza?

Debolezza | Pazienti.it

La debolezza e la fatica sono termini che vengono spesso utilizzati come se fossero la stessa cosa. In realtà, essi descrivono due sensazioni diverse. È importante sapere esattamente cosa si intende quando si dice "mi sento debole" o "sono affaticato" perché può aiutare il medico a limitare le possibili cause dei sintomi.

La debolezza è una mancanza di forza fisica o muscolare e la sensazione è quella che sia necessario uno sforzo supplementare per muovere le braccia, le gambe o gli altri muscoli. Se la debolezza muscolare è il risultato di un dolore, la persona può essere in grado di far funzionare i muscoli, ma faranno male.

La stanchezza è una sensazione di esaurimento o di bisogno di riposo, causato della mancanza di energia o di forza. La stanchezza può derivare da sovraccarico, da poco sonno (insonnia), da una preoccupazione, dalla noia o dalla mancanza di esercizio fisico. È un sintomo che può essere causato da una malattia, una determinata medicina o da cure mediche piuttosto aggressive, come la chemioterapia. Anche l'ansia o la depressione possono causare stanchezza.

Sia la debolezza che la stanchezza sono sintomi, non malattie. Poiché questi sintomi possono essere causati da molti altri problemi di salute, l'importanza della debolezza e della stanchezza può essere determinata solo quando vengono valutati altri sintomi.

Quando si manifesta la debolezza fisica?

La debolezza generale si verifica spesso dopo aver fatto troppe attività in una sola volta, ad esempio dopo un'escursione molto lunga. Ci si può sentire deboli e stanchi o i muscoli possono risultare dolenti. Queste sensazioni di solito vanno via in pochi giorni.

In rari casi, la debolezza muscolare generalizzata può essere causata da un altro problema di salute, come ad esempio:

  • Un problema con i minerali (elettroliti) che si trovano naturalmente nel corpo, come bassi livelli di potassio o sodio.
  • Infezioni, come un'infezione del tratto urinario o un'infezione respiratoria.
  • Problemi con la ghiandola tiroidea, che regola il modo in cui il corpo usa l’energia.
  • Un livello di tiroide basso (ipotiroidismo) può causare stanchezza, debolezza, letargia, aumento di peso, depressione, problemi di memoria, costipazione, pelle secca, intolleranza alle temperature fredde, unghie fragili o un colore giallastro della pelle.
  • Un livello di tiroide elevato (ipertiroidismo) può causare stanchezza, perdita di peso, aumento della frequenza cardiaca, intolleranza al caldo, sudorazione, irritabilità, ansia, debolezza muscolare e dilatazione tiroidea.
  • Sindrome di Guillain-Barré, un raro disturbo nervoso che provoca debolezza alle gambe, braccia e ad altri muscoli e che può progredire per finire in una paralisi.
  • Miastenia gravis, un raro disturbo cronico che provoca debolezza e affaticamento muscolare.

La debolezza muscolare improvvisa e la perdita di funzione di un'area del corpo possono indicare un problema serio all'interno del cervello (come ad esempio un ictus o un attacco ischemico transitorio) o con un determinato nervo nel corpo.

Di solito, è necessaria una visita da un medico quando si presenta una stanchezza con sintomi più gravi, come per esempio dei problemi respiratori, un sanguinamento anormale o una perdita o guadagno di peso non spiegabili.

La fatica che dura più di 2 settimane può essere causata da un problema di salute più grave, come ad esempio:

  • Una diminuzione della quantità della sostanza che trasporta l'ossigeno (emoglobina) presente nei globuli rossi (anemia).
  • Problemi al cuore, come la malattia coronarica o l'insufficienza cardiaca, che limitano la fornitura di sangue, ricco di ossigeno, al muscolo cardiaco o al resto del corpo.
  • Disturbi metabolici, come il diabete, è il caso in cui lo zucchero (glucosio) rimane nel sangue anziché entrare nelle cellule del corpo per essere utilizzato come energia.
  • Problemi con la ghiandola tiroidea, che regola il modo in cui il corpo usa l’energia.
  • Un livello di tiroide basso (ipotiroidismo).
  • Un livello di tiroide elevato (ipertiroidismo).
  • Malattie renali e malattie epatiche, che causano stanchezza quando la concentrazione di determinate sostanze chimiche nel sangue si sviluppa fino a livelli tossici.

La sindrome da affaticamento cronico è una causa non comune di grave e persistente affaticamento.

Se la fatica si verifica senza una causa ovvia, è importante valutare la propria salute mentale essendo la  stanchezza un sintomo comune di problemi come l'ansia o la depressione. La stanchezza e la depressione possono diventare così severe da portare la persona a considerare il suicidio come un modo per porre fine al dolore. Se si crede che la stanchezza possa essere causata da un problema di salute mentale, consultare il medico.

Argomenti: debolezza stanchezza
Depressione | Pazienti.it
Disturbo affettivo stagionale

Il disturbo affettivo stagionale (SAD) è un tipo di disturbo depressivo correlato ai cambi di stagione e tale da presentarsi sempre nello stesso periodo dell’anno. Solitamente i sintomi hanno inizio...