Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Anatomia
  4. Follicolo Pilifero

Follicolo pilifero

Follicolo Pilifero nella cute del Cranio in Primo Piano
Curatore scientifico
Redazione Pazienti
Specialità del contenuto
Dermatologia

Follicolo pilifero: cosa è

Il follicolo pilifero risiede nello strato dermico dei mammiferi e risulta costituito da 20 diversi tipi di cellule, ognuna con funzioni distinte. Il follicolo pilifero regola la crescita dei capelli attraverso una complessa interazione tra ormoni, neuropeptidi e cellule immunitarie.

Questa complessa interazione porta il follicolo pilifero a produrre diversi tipi di peli e capelli, presenti nelle diverse parti del corpo. Il processo di crescita del pelo avviene in quattro distinte fasi, che includono: 
 
  • Fase anagena, nonché il primo stadio caratterizzato da una crescita attiva.
  • Fase catagena, che prevede la regressione della fase follicolo pilifero e un suo riposo momentaneo.
  • Fase telogena, che corrisponde alla fase di riposo vero e proprio.
  • Fase chenogena, è la fase che va dallo svuotamento del follicolo pilifero alla crescita di nuovi peli o capelli, ossia una nuova fase anagena.

Follicolo pilifero: dove si trova

Il follicolo pilifero è situato in maniera diversificata sulla superficie dell'epidermide che affonda nel derma e risulta formata dal pelo e dalle sue guaine.

Il bulbo pilifero, posizionato nella parte più profonda del follicolo, ricopre poi la funzione di assicurare la crescita del pelo o del capello; esso si può confondere con la radice ma, a differenza di quest'ultima, rimane inserito dentro la cute anche dopo lo strappo o la caduta di peli e capelli.

Follicolo pilifero infiammato

L'infiammazione del follicolo pilifero è detta follicolite, spesso causata da una colonizzazione batterica da parte di stafilococco o batteri cutanei in grado di scatenare infezioni. Può coinvolgere aree con distribuzione pilifera ma anche aree glabre. Talvolta, può manifestarsi a seguito di cerette sia sulle gambe che sull'inguine.

Negli uomini la follicolite può comparire nella zona della rasatura, perché se sono presenti follicoli in rilievo la loro decapitazione determina irritazione e infezioni: si formano allora puntini giallastri, noti come follicolite da barba. Negli adolescenti e anche nelle donne prima del ciclo mestruale, la follicolite assume l'aspetto di foruncoli sporadici.

La follicolite è infatti parente dell'acne, con la quale condivide le cause nonché le terapie. Entrambe dipendono da piccole alterazioni ormonali, correlate a una iperattività degli ormoni androgeni, che determinano un aumento della produzione del sebo, che porta poi allo sviluppo di un'infiammazione.

Follicolo pilifero: struttura

La posizione e la distribuzione dei follicoli piliferi cambia a seconda di dove sono situati nel corpo. Ad esempio, la pelle dei palmi e della piante del piede non ha follicoli piliferi, mentre la pelle del cuoio capelluto, avambracci, gambe e genitali presenta follicoli piliferi in grande abbondanza.

La struttura del follicolo pilifero è costituita da strati epiteliali sovrapposti. Anatomicamente, si dice unità filosebacea la triade composta da follicolo pilifero, ghiandola sebacea e del muscolo erettore del pelo.

Un follicolo pilifero è infatti costituito da:

  • La papilla dermica – Si tratta di una grande struttura alla base del bulbo pilifero. La papilla è costituita principalmente da tessuto connettivo e da un anello capillare; la divisione cellulare nella papilla è rara o inesistente.
  • La matrice pilifera – Situata intorno alla papilla.
  • Guaina epiteliale – Suddivisa a sua volta in guaina esterna e guaina interna. Quella esterna risulta vuota, mentre quella interna è composta da tre strati, lo strato di Henle, lo strato di Huxley, e una cuticola ulteriormente interna in continuità con lo strato più esterno della fibra capillare.
  • Cuticola – La cuticola si trova infine nella guaina della radice esterna, nel punto di inserzione del muscolo erettore del pelo. Ospita diversi tipi di cellule staminali, che riforniscono l'intero follicolo pilifero con nuove cellule, prendendo anche parte alla guarigione dell'epidermide a seguito di una ferita. 
Altre strutture associate al follicolo pilifero includono la coppa in cui il follicolo cresce noto come i muscoli erettori del pelo, le ghiandole sebacee e le ghiandole sudoripare apocrine.

Attaccato al follicolo pilifero vi è poi un piccolo fascio di fibra muscolare chiamato erettore del pelo. Tale muscolo consente al follicolo pilifero di posizionarsi in maniera più perpendicolare alla superficie della pelle, lasciandolo così sporgere al disopra del derma circostante (piloerezione); quando ciò si verifica, si è di fronte al fenomeno della pelle d'oca.

Infine, attaccato al follicolo vi è poi anche la ghiandola sebacea, che produce la sostanza oleosa nota come sebo. Maggiore è la densità dei follicoli, maggiore sarà dunque anche la quantità delle ghiandole sebacee.

Follicolo pilifero e malattie

Ci sono molte patologie umane che arrivano a causare anomalie nell'aspetto, nella struttura o nella crescita di peli e capelli. Le malattie note che colpiscono il follicolo pilifero includono: 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Fibromi penduli (porri)
I fibromi penduli sono delle escrescenze dermatologiche che si formano per molteplici motivi. Avvertiti come antiestetici non sono però n...
Sebo
Il sebo è una sostanza grassa che viene prodotta dalle ghiandole sebacee ed è utile per alcune funzioni dell'organismo. Una sua produzion...
Unghie
Le unghie sono prodotte da cellule della pelle delle dita. Risultano composte per la maggior parte da cheratina, una proteina in grado di...