Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Condizioni
  4. Abbronzatura

Abbronzatura

Curatore scientifico
Dr. Riccardo Gazzola
Specialità del contenuto
Dermatologia

Cosa è l'abbronzatura?

C’è chi pensa che avere una buona abbronzatura dia un “colorito sano”.

In realtà, ogni abbronzatura non è altro che un tentativo della pelle di proteggersi dai danni del sole.

Infatti, ogni volta che la pelle non viene protetta adeguatamente e prende troppo sole, può bruciarsi.

Anche un’abbronzatura “artificiale” non è affatto esente da rischi: lettini abbronzanti e lampade solari, infatti, espongono a raggi ultravioletti che possono essere ancora più dannosi del sole.

I danni del sole causano invecchiamento precoce della pelle, disturbi agli occhi e cancro della pelle.

L’esposizione al sole

La pelle umana produce melanina, una sostanza che le conferisce colore e la protegge dall’azione nociva delle radiazioni ultraviolette e dei raggi solari.

Il sole produce due tipi di raggi: UVA e UVB. I primi sono presenti soprattutto d’estate, gli altri ci sono tutto l’anno. Entrambi, però, sono altamente nocivi e pericolosi se assorbiti in grandi quantità.

Un’eccessiva esposizione al sole non solo provoca fastidiose scottature, ma fa invecchiare prima la pelle e può essere causa dell’insorgere di forme tumorali.

Per non correre questi pericoli, molti si affidano a prodotti auto-abbronzanti, senza però prendere in considerazione i rischi aggiuntivi cui espongono la propria pelle.

Perché alcuni si scottano e altri si abbronzano?

Le persone con la pelle scura hanno più melanina rispetto alle persone con la carnagione chiara. 

Il corpo umano produce normalmente melanina per proteggere gli strati più profondi della pelle.

Quando il sole colpisce la pelle, questa aumenta la produzione di melanina per proteggersi meglio.

Ciò comporta il cambiamento di colore dell’epidermide:

  • persone con la pelle più scura acquisiscono un colorito marrone, si abbronzano
  • persone con la pelle più chiara diventano rosse, si scottano

Spesso, insieme alle scottature, possono comparire anche le lentiggini.

Quando ci si abbronza troppo (e vale anche per chi ha la carnagione più scura) significa che il sole sta danneggiando la pelle.

Lampade e lettini abbronzanti

Lampade e lettini abbronzanti sono modalità artificiali per ottenere un’abbronzatura.

Sdraiati su un lettino, il corpo viene colpito da luci che producono radiazioni UV.

Il ricorso eccessivo a tali tecniche, proprio come un’esposizione prolungata al sole, può danneggiare gravemente la pelle e causare danni agli occhi, invecchiamento della pelle e cancro all’epidermide.

Spray autoabbronzanti

Tali prodotti contengono additivi coloranti che interagiscono con la chimica della pelle e provocano un mutamento nella sua colorazione abituale.

In caso di utilizzo di prodotti chimici (pochi però sono quelli ufficialmente approvati) è importante prendere alcune misure protettive per evitare il contatto con occhi, naso e zone sensibili.

Questi prodotti possono essere venduti sotto forma di creme, lozioni o spray e si trovano di solito nella maggior parte delle farmacie.

Gli unici possibili effetti collaterali sono legati a reazioni allergiche e irritazioni cutanee.

Per il resto, questi prodotti sono meno dannosi rispetto ad una prolungata esposizione al sole.

È sempre importante ricordare che questi spray non sostituiscono l’azione di una crema solare.

Pillole abbronzanti

Le cosiddette “pillole abbronzanti” contengono additivi coloranti che hanno un effetto sulla pelle.

Negli USA non ne esistono di approvate dalla FDA e diversi problemi di salute sono stati associati al consumo di queste pillole: disturbi visivi e problemi renali.

La protezione solare

Il modo migliore per proteggersi dagli effetti nocivi dei raggi del sole è quello di rimanere in casa, soprattutto nelle ore più calde della giornata (dalle 10.00 alle 16.00).

Per chi ama però stare all’aperto, in particolare durante il periodo delle vacanze estive, proteggersi dal sole diventa una necessità: protezione solare, cappello e occhiali da sole sono i rimedi più utilizzati.

Tutte le creme solari prevengono dai danni dei raggi UV sulla pelle, ma con differente efficacia.

Questo dipende dal grado di protezione fornita: più alto è il numero sulla confezione, maggiore sarà anche la protezione che la crema potrà fornire.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Pidocchi
I pidocchi sono dei piccoli parassiti, come la zecca, i pappataci e le pulci, che si insidiano sul cuoio capelluto. Tuttavia il fenomeno ...
Fotosensibilizzazione
La fotosensibilizzazione è una condizione della cute provocata da alcune sostanze capaci di rendere più sensibile la cute all'azione dell...
Livedo reticularis
La livedo reticularis è una condizione che si crea sulla pelle dovuta ad una riduzione del sangue nei capillari, in genere a causa di fat...