Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ipotiroidismo Subclinico

Ipotiroidismo subclinico

Ipotiroidismo subclinico
Curatore scientifico
Dr.ssa Chiara Tuccilli
Specialità del contenuto
Endocrinologia

Che cos'è l'ipotiroidismo subclinico?

L'ipotiroidismo subclinico è una disfunzione tiroidea caratterizzata da livelli di tiroxina (T4) e triiodotironina (T3) nella norma e concentrazioni sieriche dell’ormone tireostimolante (TSH alte). In tale condizione non si manifestano i sintomi tipici dell’ipotiroidismo conclamato, perché l’aumento dei livelli di TSH riesce a mantenere i valori degli ormoni tiroidei nell’intervallo di normalità.

Quali sono le cause dell'ipotiroidismo subclinico?

La causa principale dell'ipotiroidismo subclinico è la tireopatia autoimmune (tiroidite di Hashimoto, malattia di Basedow-Graves, tiroidite post-partum).

Altre cause possono essere:

  • cause iatrogene, in particolare:
    • la pregressa terapia con radioiodio
    • la chirurgia
    • farmaci antitiroidei
    • farmaci con litio
    • farmaci contenenti iodio
  • carenza iodica, nelle aree geografiche iodocarenti 

Quali sono i soggetti maggiormente a rischio?

I soggetti maggiormente a rischio di ipotiroidismo subclinico sono:

Quali sono i sintomi dell'ipotiroidismo subclinico?

L’ipotiroidismo subclinico è, per sua stessa definizione, asintomatico. Tuttavia, alcuni pazienti riferiscono una sintomatologia che può essere associata a quella della ipofunzionalità tiroidea. Solitamente tale sintomatologia compare dopo lungo decorso subclinico:

Alcune persone con ipotiroidismo subclinico possono risultare positive agli anticorpi anti-tiroide. Questi indicano la presenza della tiroidite di Hashimoto, che può causare una graduale perdita della funzionalità della ghiandola tiroidea.

Alcuni studi hanno dimostrato che gli adulti più anziani con ipotiroidismo subclinico possono avere più probabilità di avere anche un’insufficienza cardiaca.

Come si diagnostica?

L'ipotiroidismo subclinico si può diagnosticare con un controllo del livello degli ormoni tiroidei e del TSH.

Sono esami di primo livello:

  • dosaggio di TSH e FT4 (la forma libera di T4)
  • test di stimolo con TRH (ormone di rilascio della tireotropina)
  • dosaggio di anticorpi anti-tireoglobulina (anti-tg) e anti-tireoperossidasi (anti-TPO)
  • dosaggio di colesterolo totale, HDL, LDL e trigliceridi
     

Quali sono i trattamenti per l'ipotiroidismo subclinico?

Lo scopo del trattamento per l'ipotiroidismo subclinico è quello di ripristinare una condizione di eutiroidismo con la somministrazione di farmaci a base di ormone tiroideo (terapia sostitutiva con L-T4).

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Linfoadenopatia
L’ingrossamento dei linfonodi non sempre è da attribuirsi a cause patologiche, ma la sua persistenza lo rende un fenomeno da indagare, po...
Sindrome metabolica
La sindrome metabolica è la presenza di diverse alterazioni del metabolismo che si manifestano contemporaneamente e predispongono al risc...
Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.