Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Poliomielite

Poliomielite

Poliomielite
Curatore scientifico
Dr. Antonio Silvestri
Specialità del contenuto
Malattie infettive e tropicali Microbiologia e virologia

Cosa è la poliomielite?

La poliomielite è una patologia causata da un virus altamente infettivo. Per la maggior parte delle persone, la poliomielite è una malattia lieve che provoca sintomi simil-influenzali. A volte, la poliomielite attacca le cellule nervose che aiutano i muscoli a funzionare, causando una paralisi grave (poliomielite paralitica).

Quanto è diffusa la poliomielite?

In passato, la poliomielite era molto diffusa. La poliomielite, infatti, è stata una causa di morte e di paralisi frequente in tutto il mondo, in particolare come patologia pediatrica. Grazie all'introduzione di un vaccino anti poliomielite nel 1955, il numero di casi di poliomielite è stato drasticamente ridotto. Attualmente, nonostante tutte le precauzioni e il progresso della ricerca in materia di poliomielite, ci sono solo quattro paesi in cui la patologia rimane un problema serio. Questi Paesi sono:

  • Nigeria
  • India
  • Afghanistan
  • Pakistan

Quali sono le forme di poliomielite?

La poliomelite, rispetto alla sua ontogenetica originale, si manifesta in più sottocategorie.

Sindrome post-poliomielite

Mentre la poliomielite è essenzialmente una malattia del passato, una percentuale rilevante di persone sta sviluppando una patologia poco conosciuta chiamata sindrome post-poliomielite. La sindrome post-poliomielite colpisce circa il 60% delle persone che hanno già contratto in passato la poliomielite. Questa sindrome si può sviluppare in un arco di tempo compreso tra i 10 e i 40 anni dopo la malattia iniziale. La sindrome post-poliomielite si presenta con i seguenti sintomi:

  • crescente debolezza
  • resistenza problemi
  • affaticamento
  • dolore
  • atrofia
  • aumento di peso
  • difficoltà di deambulazione
  • apnea del sonno
  • problemi di deglutizione
  • sensibilità al freddo

L'esatta causa della sindrome post-poliomielite è sconosciuta. Una teoria suggerisce che la sindrome è il risultato del progressivo deterioramento delle cellule nervose nel midollo spinale che sono state, a loro volta, danneggiate dal virus della poliomielite.

Poliomielite paralitica

La forma di poliomielite paralitica è molto rara. Circa l'1% della popolazione è affetta da questa tipologia di poliomielite. Il primo sintomo di questa forma di poliomielite è la febbre. Circa sette giorni dopo la comparsa della febbre, altri sintomi si sviluppano, tra i quali:

  • mal di testa
  • schiena e rigidità del collo
  • stipsi
  • aumento della sensibilità al tatto
  • debolezza dei muscoli
  • respirazione affannosa

Di solito, i muscoli respiratori (polmoni e diaframma) sono principalmente colpiti. Se i muscoli respiratori si paralizzano, l'apparato respiratorio può presentare deficit di funzionalità; la poliomielite paralitica è potenzialmente fatale. L'estensione della paralisi dipende da quante cellule nervose sono state colpite. Se le cellule sono state completamente distrutte, la paralisi è probabile che sia permanente. Se le cellule sono state solo danneggiate, il recupero è più probabile.

Quali sono le cause legate alla poliomielite?

La poliomielite è causata da un virus chiamato un enterovirus. Questo tipo di virus cresce e prospera nel tratto gastrointestinale. Dopo essere cresciuto nel tratto gastrointestinale, l'enterovirus si muove spesso per colpire il sistema nervoso.

Quali sono i sintomi della poliomielite?

La poliomielite è una malattia lieve che provoca disturbi molto lievi. In alcuni soggetti non si nota alcun sintomo. La poliomielite di solito provoca sintomi simil-influenzali, che possono includere:

  • mal di gola
  • febbre superiore o pari a 38°C
  • nausea
  • diarrea
  • stipsi

Questi sintomi compaiono solitamente dopo 3 giorni dalla contrazione del virus.

Come si diffonde il virus della poliomielite?

Il virus della poliomielite si diffonde solitamente attraverso le feci di chi è stato infettato dalla malattia. Il virus della poliomielite si trasmette più facilmente quando una persona beve l'acqua che è stata contaminata da feci infette.La poliomielite a volte può essere diffusa attraverso alimenti contaminati.

Come si diagnostica la poliomielite?

La poliomielite può essere diagnosticata mediante test da laboratorio. Per confermare una diagnosi di poliomielite saranno esaminati:

  • campioni di saliva
  • campioni di feci
  • campioni di liquido cerebrospinale
  • sangue

Potranno essere effettuati test come:

  • raggi X del torace e della colonna vertebrale
  • elettromiografia
  • test per verificare la frequenza cardiaca e della funzione
  • risonanza magnetica

  • esami della funzionalità polmonare

Come si cura la poliomielite?

Attualmente non esiste un farmaco antivirale per curare la poliomielite, ma c'è un vaccino importante per la prevenzione. Se i muscoli sono stati danneggiati o paralizzati a causa della poliomielite, si potranno effettuare sedute di:

  • fisioterapia
  • terapia occupazionale
  • idroterapia (idromassaggio)
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Pneumococco
Lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è un batterio Gram-positivo responsabile della maggior parte delle polmoniti acquisite in comun...
Quarta Malattia
La quarta malattia o scarlattinetta è una malattia esantematica tipica dell’età pediatrica ma che può essere contratta anche dagli adulti...