Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Prestazioni
  4. Visita Flebologica

Visita flebologica

Visita flebologica
Curatore scientifico
Dr. Biagio Riccardo Santagati
Specialità del contenuto
Angiologia Flebologia

Che cos’è la visita flebologica?

La visita flebologica consente di verificare la presenza di:

  • varici
  • capillari
  • disturbi cutanei
  • gonfiore alle caviglie
  • presenza di anomalie dell’arcata plantare

In che cosa consiste la visita flebologica?

La visita flebologica inizia con un’anamnesi completa del paziente: sia sullo stato attuale di salute, sia sulla storia clinica. L’anamnesi comprende anche lo stile di vita del paziente: attività svolte, lavoro e stile di vita. Successivamente, si analizzano i sintomi del paziente ed eventuali fattori genetici. Si passa poi alla palpazione del paziente svestito, inizialmente in piedi, poi seduto e infine sdraiato sul lettino.

Durante la visita flebologica, lo specialista utilizzerà uno strumento ultrasuono vascolare per identificare il problema e stilare un piano di trattamento per rimuovere, eventualmente, le vene.

Durante la prima visita, il flebologo che si occuperà del trattamento ed effettuerà una consultazione completa e un esame ad ultrasuoni. Con questo metodo, sarà in grado di descrivere tutte le vene anomale nelle gambe interessate. Una volta raccolte tutte le informazioni, il medico spiegherà i risultati e verrà fornito un piano di trattamento completo.
 

Quali ulteriori accertamenti si possono fare?

Ulteriori accertamenti che si possono fare a seguito di una visita flebologica sono:

  • esame ultrasonico a effetto Doppler (ecodoppler): questo esame permette di visualizzare in tempo reale i vasi arteriosi e venosi, di valutare lo stato delle pareti e la presenza di patologie delle valvole spesso alla base dell’insufficienza venosa e di misurare la velocità di scorrimento del sangue;
  • analisi con un microscopio ingranditore dei capillari più sottili, per valutarne il colore, la profondità e l’eventuale associazione di questi a vene nutrici.

Che trattamenti può eseguire un flebologo?

La scleroterapia guidata da ultrasuoni è un potente strumento utilizzato in flebologia nel trattamento delle vene varicose. Comprende l'iniezione di uno sclerosante (una soluzione speciale che fa crollare le vene) nelle vene problematiche. 

Questo è un avanzamento nel trattamento delle vene, in quanto significa che non vi è alcuna necessità di intraprendere una chirurgia invasiva per rimuovere le vene. La scleroterapia, se usata correttamente, può aiutare a guarire le ulcere venose e gravi alterazioni delle vene varicose.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Visita angiologica di controllo
Durante la visita angiologica di controllo lo specialista analizza lo stato di salute del paziente, probabilmente già sottoposto a terapi...
Terapia sclerosante con schiuma
La terapia sclerosante con schiuma è particolarmente funzionale grazie al potere di aderenza del composto sulle pareti esterne delle vene.
Ecodoppler TSA
L’Ecodoppler TSA è un esame ultrasonografico impiegato in angiologia per valutare gli aspetti morfo-funzionali dei Tronchi SovraAortici. ...